FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 334

2 GIUNIO 2017:EFETTO TRUMP
-SU LA STAMPA
LaStampa.it POLITICA
SEZIONI
Zaia posta una foto con un calciatore di colore. Commenti razzisti e insulti: “Così perdi punti”
Il governatore mette due volte l’immagine su Fb: dimostriamo che il Veneto non è razzista
Mi

ANSA
Questa la prima foto pubblicata da Luca Zaia sul suo profilo Facebook con la scritta: «Con Isaac Donkor, giocatore dell’Inter in prestito al Cesena»
Pubblicato il 03/06/2017
Ultima modifica il 03/06/2017 alle ore 17:25
DAV. LES.
TORINO
Due giorni fa ha postato su Facebook una foto che lo ritraeva con Isaac Donkor, giocatore 21enne dell’Inter in prestito al Cesena. E la sua bacheca è stata invasa di commenti razzisti e offese. Protagonista dell’episodio Luca Zaia, governatore del Veneto. Che oggi ha deciso di proporre di nuovo la stessa foto corredata da queste righe: «Vogliamo cogliere tutti una buona occasione per dimostrare che il Veneto non è razzista? Ripubblico la mia foto con Isaac per sottolineare che quando una persona si comporta bene, è onesta, rispetta le regole e i nostri valori, lavora, nessun distinguo è ammesso in base al colore della pelle».
Tra razzismo e offese
Oggi i «leoni da tastiera» (così li ha definiti lo stesso Zaia, ndr) sembrano più mansueti. Ma la prima foto ha scatenato un putiferio. «Arriverà il giorno che pur di governare andrete ad elemosinare anche i loro voti», scrive Giovanni, mentre per Marco la Lega dà «con troppa facilità la possibilità di vivere in Italia. Viva il metodo australiano». Qualcuno non usa mezzi termini e si lancia in commenti razzisti: «Ma sto qua è appena arrivato con il barcone dall’Africa, altro che Inter». O ancora: «Sembra sbarcato da un gommone», per finire con «un profugo, Zaia perdi punti».
La reazione di Zaia
Zaia incassa anche molti commenti positivi tra i simpatizzanti del Carroccio. «Grande Luca, un leghista non ti attaccherebbe mai per questa foto, ma Facebook dà la possibilità a tutti di scrivere e anche farsi passare per uno del nostro movimento. Continua così», scrive Luca. Il governatore veneto, nel ribadire che «lo rifarebbe mille volte», sostiene che a scatenare i post più velenosi, più che l’immagine in sé, sia stata l’assenza delle strisce nerazzurre sulla t-shirt indossata da Donkor. «Forse le critiche – ipotizza – dipendono dal fatto che nella foto con me non aveva la maglia dell’Inter? Se l’avesse avuta non avrebbero aperto bocca».

Il calciatore: “Non vale la pena rispondere”
L’unico a prendere tutta la vicenda con molta filosofia è proprio Isaac Donkor, che vive da 14 anni con la sua famiglia nel Trevigiano, dopo aver lasciato il Ghana. Valore sul mercato del calciatore: 700 mila euro. «Ormai ci sono abituato e non ci faccio più caso – taglia corto -. Se non rispondo è perché non vale la pena sprecare energie per certa gente. Non rovineranno il mio ritorno a casa per le vacanze, perché è da qui che vengo». In compenso da oggi Zaia ha un nuovo simpatizzante politico. Alla domanda se lo voterebbe dopo quanto accaduto, il calciatore risponde senza esitare: «Subito, per com’è come persona. Ho parlato con lui e mi è piaciuto molto. Nei miei confronti, poi, è stato eccezionale».

http:lastampa.it/2017/06/03/italia/politica/zaia-posta-una-foto-con-un-calciatore-di-colore-commenti-razzisti-e-insulti-cos-perdi-punti-x4t94vzTmUD8EwyBo0tgxM/pagina.html

2 GIUNIO 2017:DAL SUD O DAL NORD

-SU LE MONDE:

PUBLIÉ LE 01.06.2017 À 07H51
Les dirigeants nordiques surfent sur la viralité de la boule de cristal saoudienne
Par Big Browser
Les mains posées sur un ballon de football, les premiers ministres nordiques prennent la pose et se moquent ouvertement d’une photo similaire de Donald Trump, lors d’un voyage en Arabie saoudite.

Les premiers ministres nordiques sont farceurs. Ils n’ont pas résisté à lancer un petit clin d’œil moqueur au président des Etats-Unis, Donald Trump. C’est donc le visage radieux qu’Erna Solberg (Norvège), Stefan Löfven (Suède), Lars Løkke Rasmussen (Danemark), Juha Sipilä (Finlande) et Bjarni Benediktsson (Islande), positionnés en cercle, ont été immortalisés les mains posées sur un ballon de football.

 

Le cliché rappelle, bien sûr, la célèbre photo officielle de Donald Trump lors de sa visite en Arabie saoudite le 20 mai, lorsqu’ posait, en compagnie du roi Salmane d’Arabie saoudite et du président égyptien, Al-Sissi, les mains sur un globe lumineux qui les irradie d’une lumière blanchâtre. La scène était surréaliste, presque sortie d’un film de James Bond.

En réalité, cette boule ressemblant étrangement à une boule de cristal est un globe terrestre. En la touchant, Donald Trump, le roi Salmane Ben Abdelaziz Al-Saoud et Abdel Fattah Al-Sissi matérialisaient symboliquement l’ouverture du Centre mondial pour la lutte contre l’idéologie extrémiste, une plate-forme moderne de renseignement de combat contre l’islamisme à Riyad.

La première ministre norvégienne, Erna Soldberg, n’a pas hésité à partager le cliché avec ses homologues complices sur son compte Facebook. On y voit donc un montage des deux photos superposées où il est écrit une légende légèrement provocatrice :

« Qui règne sur la planète ? Riyad contre Bergen. J’ignore ce que ceux de la photo du haut pensaient. Mais sur la photo du bas, ce sont les cinq premiers ministres nordiques qui tiennent un ballon avec les objectifs de développement durable. Nous espérons que cela sera une feuille de route pour l’avenir »
Mais le cliché n’avait pas été pris en premier lieu pour se moquer du président des Etats-Unis, jure le porte-parole officiel du gouvernement, Sigbjorn Aanes :

« C’était au départ un moyen amusant de promouvoir les objectifs de développement durable des Nations unies. C’est seulement après qu’Erna Soldberg a réalisé que cette photo était similaire à celle de Donald Trump. »
Par Big Browser
PUBLIÉ LE 01.06.2017 À 07H51

http:mobile.lemonde.fr/big-browser/article/2017/06/01/les-dirigeants-nordiques-surfent-sur-la-viralite-de-la-boule-de-cristal-saoudienne_5137151_4832693.html

7 GIUNIO 2017:NECESSARIO E’ CAPO VERDE

-SU MERCOPRESS:

Falklands/UK airbridge has reduced flight time with re-route via Cape Verde
Friday, May 26th 2017 – 07:49 UTCFull article3 comments

The Brize Norton/Falklands MPA Airbridge has had a bumpy ride over recent weeks with delays on north and south-bound flights
The Brize Norton/Falklands MPA Airbridge has had a bumpy ride over recent weeks with delays on north and south-bound flights
The United Kingdom MoD (Ministry of Defense) announced on Thursday that plans were in place to trial the Falkland Islands Airbridge flight via Sal, Cape Verde, on a temporary basis which would result in a shorter overall flight time and improved passenger experience.

The Brize Norton/Falklands MPA Airbridge has had a bumpy ride over recent weeks with delays on north and south-bound flights since it had been diverted to Dakar, Senegal, for works to be carried out on the runway at the usual stopover point of Ascension Island.

A military spokesperson said that during this period the MoD had continued to look into longer term options to best meet the needs of the UK and Falkland Islands and as part of this process it was planned to trial going via Cape Verde, “on a temporary basis.”

The spokesperson said there were many factors to take into consideration regarding the Airbridge and the MoD was working hard to establish the best possible route for the longer term. The final decision for a longer term refueling location for the Airbridge is expected in due course.

Last Friday, CBFSAI Brigadier Baz Bennett explained that there had been a prolonged period of poor weather in the form of ‘rotors’ caused by a high pressure front, leading to a very long spell of north or north westerly wind.

The rotor winds lasted well into the weekend meaning that Mount Pleasant airfield could not operate and several delayed flights were combined and arrived in the Falklands on Monday.

The Airbridge is currently on schedule to arrive at Mount Pleasant today (Friday) at 3.20pm and depart on Saturday at 10am.

While recent delays attracted some criticism from frustrated users, there was equal support for the link with the UK from others who highlighted the high safety standards of the RAF. (Penguin News).
.
Top Comments Disclaimer & comment rules
.
Roger Lorton
Cape Verde (Cabo Verde) Islands? Aren’t they members of the non-aligned movement at the UN that is supposed to support Argentina’s pretensions to the Falklands? A member of the African Union which supposedly supports Argentina’s claims?

Perhaps they just need the money?

Still, an interesting connection.

May 26th, 2017 – 09:37 am +3
.
LEPRecon
Roger

Remember that all these bodies that supposedly ‘support’ Argentina actually only support a ‘peaceful’ conclusion to any dispute.

To an Argentine that reads as: “they support us 100%”.
Whereas to the rest of the world it reads as: “feck off Argentina, we’re really not interested.”

And this has been proved time and time again when these countries that supposedly ‘support’ Argentina suddenly start cooperating with the British over things, such as this air link.

May 27th, 2017 – 10:32 am +2
.
Livepeanuts
Perhaps all Cristina’s efforts are going to pot .. crumbling .. arm twisting is forgotten.

May 26th, 2017 – 10:03 am +1
Read all comments
Commenting for this story is now closed.
If you have a Facebook account, become a fan and comment on our Facebook Page!

Follow us on Facebook
Follow us on Twitter
Advertisement

Most Commented

About MercoPress.
RSS Feeds
Contact us
Advertise
© Copyright 1997 – 2016, MercoPress.
.
http:en.mercopress.com/2017/05/26/falklands-uk-airbridge-has-reduced-flight-time-with-re-route-via-cape-verde

REAZIONE:QUESTO E’ UNA DERIVA DEL CONFRONTO FRA I BRITTANICI E’ L’AMERICA LATINA CHE IN BLOCCO HA RESPINTO OGNI POSSIBILITA DI PONTI FRA IL SUO TERRITORIO E LE ISOLE.MA QUESTA SOLUZIONE E’ STATA SEMPRE A PORTATA DI MANO QUINDI MI AUGURO CHE SIANO CADUTE LE DIFFIDENZE CHE REALI O. INVENTATI SONO STATE INCORAGGIATI DALLE IMPLICANZE NEOLIBERALI DEL PROGETTO DI GOVERNO CAMERON PRE-BREXIT.

QUESTIONE DI SOLDI?LO CREDA CHI VUOLE MINIMIZZARE LA VICENDA.

-APPENDICE SULLO STESSO GIORNALE ONLINE
-TITOLARE:
Theresa May puts tackling suspected terrorists above human rights laws

Wednesday, June 7th 2017 – 06:26 UTC
.
REAZIONE:BASTA IPOCRESIE E CALCOLI POLITICI SI APPLICHI AI TERRORISTI LO STESSO METODO DELL’ANTIMAFIA,SI COLPISCA I MANDANTI(FORSE NON SONO TUTTI NELL’ISLAM)

7 GIUNIO 2017,22:00 PM ORA DI MONTEVIDEO URUGUAY:SOS TERRORISMO

ALLE ORE 20:00 PM HANNO TENTATO ASSALTARE IL MIO DOMICILIO IN DOMINGO BASSO 6303,ESQUINA SANTA MARIA,VILLA COLON,NUOVAMENTE LA STESSA PERSONA CHE MI HA RUBATO IL COMPUTER.MI SONO MESSO A GRIDARE E SI HA ALLONTANATO DOPO DI VOLERME SPINGERMI DENTRO PER LA FORZA INUTILMENTE.FATTA DENUNCIA POLIZIALE NON HANNO PRESO NESSUNO.PREGO VENIRE IN SOCCORSO QUESTA NOTTE. NON LASCIARE ME E MIA MADRE DA SOLI.

-IL GIORNO DOPO:

RINGRAZIO LE MANIFESTAZIONE DI SOLIDARIETA:UN CORAGGIOSO VICINO CHE SI HA FATTO PRESENTE AI MIEI GRIDI,A IGNOTI CHE HANNO PERCORSO LA ZONA TUTTA LA NOTTATA E AL SERVIZIO. POLIZIALE 911 CHE HA VENUTO OGNI VOLTA CHE E’ STATO SOLLECITATO.

PREOCUPA LA MANCANZA DI OPERATIVITA DELLE AUTORITA E LA PREDICA DEI CERTI FORMATORI DI OPINIONE SUI MEZZI PER LA SUA INSENSIBILITA DI FRONTE ALLA DELINQUENZA OGNI GIORNO PIU DIFUSA E AL FENOMENO TERRORISTA,QUESTO PAESE HA ACETTATO I REFUGGIATI DI GUANTANAMO E INTEGRATO GLI EXGUERRIGLIERI.

PREOCCUPA ANCHE LA CONNIVENZA CON LE INCITAZIONI ALLA VIOLENZA E LA DIFUSIONE DI SENTIMENTI XENOFOBI LEGATI AL CALCIO,IERI GIOCAVA LA NAZIONALE DI FOOTBALL CONTRO L’ITALIA IN NIZZA,FRANCIA E LA NAZIONALE GIOVANILE NEL CAMPEONATO MONDIALE DI COREA.

MIA MADRE E IO ABBIAMO VALUTATO LA POSSIBILITA DI LASCIARE DEFINITIVAMENTE QUESTO PAESE.

-IL GIORNO DOPO:NON LASCIATECI SOLI

8 GIUNIO 2017:VITTORIA,E’ BREXIT

-SU LE MONDE:

ÉDITION GLOBALE
Europe
International Europe Européennes 2014 Allemagne Belgique
Dépouillement d’un bureau de vote, à Glasgow en Ecosse, le 8 juin.
Législatives au Royaume-Uni : les conservateurs en tête, mais sans majorité absolue
Selon les projections, la première ministre perd sa majorité absolue, mais les conservateurs restent en tête. Le leader du Labour l’a appelée à la démission.
LES FAITS,LE LIVE

Le Monde il y a 18 minutes

Derniers résultats

Sur les 645 sièges sur 650 attribués à ce stade :
– 314 reviennent au Parti conservateur (- 16) ;
– 261 au Parti travailliste (+ 32) ;
– 35 au Parti national écossais (SNP, – 19) ;
– 12 aux libéraux-démocrates (+ 3) ;
– 10 au Parti unioniste démocrate (+2) ;
– 1 au parti Vert ;
– 12 aux autres partis.

Le Monde il y a 28 minutes

Ne disposant plus de majorité absolue, les conservateurs doivent désormais composer une coalition avec un autre parti ou se résoudre à former un gouvernement minoritaire. Dans les deux cas, les négociations pourraient retarder le calendrier du Brexit.

Le Monde il y a 37 minutes

URGENT
Après ce camouflet, Theresa May a prévu de s’exprimer à 11 heures (10 heures à Londres), selon la chaîne de radio LBC.

Le Monde il y a 37 minutes

Le point à 8 heures

Theresa May a perdu son pari. La première ministre avait convoqué des élections anticipées, jeudi 8 juin, espérant conforter sa majorité au Parlement et être en position de force pour négocier la sortie du Royaume-Uni de l’Union européenne. Un mauvais calcul.

Selon les tout derniers résultats, le Parti conservateur, bien qu’en tête des élections, ne conservera pas la majorité absolue (326 sièges de députés) au Parlement.C’est une victoire pour le leader travailliste Jeremy Corbyn, dont le parti gagne au moins 30 sièges.

Sur les 642 sièges sur 650 attribués à ce stade :
– 312 reviennent au Parti conservateur (-18) ;
– 260 au Parti travailliste (+ 31) ;
– 35 au Parti national écossais (SNP, – 19) ;
– 12 aux libéraux-démocrates (+ 3) ;
– 10 au Parti unioniste démocrate (+2) ;
– 1 au parti Vert ;
– 12 aux autres partis.

Ce résultat ouvre une période de turbulences politiques en Grande-Bretagne, qui pourraient compliquer les négociations en vue du Brexit.

Le Monde le 9 juin à 02h43

Bonjour et bienvenue dans ce live consacré aux résultats des législatives anticipées britanniques.

http:mobile.lemonde.fr/europe/live/2017/06/09/legislatives-au-royaume-uni-les-conservateurs-en-tete-mais-sans-majorite-absolue_5141112_3214.html
REAZIONE:LE  COSE A POSTO

THERESA MAY EREDITA UNA MAGGIORANZA DA CAMERON.MA CAMERON MALGRADO HA AVVIATO IL REFERENDUM NON ERA UN CANDIDATO BREXIT,APOGGIAVA IL NO.QUINDI LA SIGNORA MAY E’ IL PRIMO CANDIDATO PRO BREXIT SPLICITAMENTE,DIRETTAMENTE VOTATO DAI BRITTANICI:QUELLO DEL TITOLO.

NON AVRA UNA MAGGIORANZA ASSOLUTA?’FA NIENTE.

!ELEMENTAL DEAR WATSON!


8 GIUNIO 2017:ATTUALIZAZIONE PEDOFILIA IN FRANCIA

-SU LE FIGARO
HOME ACTUALITE SOCIÉTÉ
Pédophilie : l’ex-évêque d’Orléans rattrapé par son silence
Mis à jour le 08/06/2017 à 22:52
André Fort en 2016.


André Fort en 2016. Crédits photo : Capture d’écran YouTube
.
André Fort a été mis en examen, ce jeudi, pour non-dénonciation d’actes pédophiles. Les victimes présumées lui reprochent de ne pas avoir dénoncé des actes pédophiles de l’abbé Pierre de Castelet, alors qu’il en avait été informé personnellement dès 2010.
Plusieurs années après avoir été informé par une victime présumée d’attouchements sexuels de la part d’un prêtre de son diocèse, l’ancien évêque d’Orléans, André Fort, qui a occupé ce poste de 2002 à 2010, a été mis en examen ce jeudi matin par un juge d’instruction à la suite d’une décision de la chambre d’instruction d’Orléans.
Trois victimes présumées se sont portées partie civile dans cette affaire. Elles lui reprochent de n’avoir pas dénoncé des actes pédophiles de l’abbé Pierre de Castelet, mis en examen en 2012 après un signalement par l’actuel évêque d’Orléans, Mgr Jacques Blaquart.
—————-
«André Fort m’a reçu dans son bureau en 2010 à Orléans. Il m’a promis de prendre des mesures, mais un an après l’abbé était toujours là»
Olivier Savignac, victime présumée de l’abbé Pierre de Castelet

————-

Selon Mgr Blaquart, ses prédécesseurs avaient eu connaissance de ses agissements et avaient pris «des mesures conservatoires» contre le prêtre

——————
Selon Mgr Blaquart, ses prédécesseurs avaient eu connaissance de ses agissements et avaient pris «des mesures conservatoires» contre le prêtre, aujourd’hui âgé de 66 ans, pour éviter qu’il soit seul en contact avec des jeunes. «Ils n’avaient pas porté plainte», avait regretté le prélat. Bien avant des mesures prises l’année dernière par la conférence des évêques de France, le diocèse d’Orléans, à la demande de son évêque Jacques Blaquart, a été le premier à mettre en place une cellule d’écoute pour les victimes de prêtres pédophiles.
Il s’agit du premier évêque mis en examen pour non dénonciation d’actes pédophiles depuis Mgr Pierre Pican, évêque émérite de Bayeux. Ce dernier avait été condamné en 2001 à trois mois d’emprisonnement avec sursis pour non-dénonciation des faits de pédophilie commis par un prêtre de son diocèse de Bayeux, l’abbé René Bissey, auquel la cour d’assises du Calvados avait infligé 18 ans de réclusion en octobre 2000. Cette affaire avait conduit la Conférence des évêques de France à engager un chantier de lutte contre les abus sexuels dans l’Église, relancé en 2016 après de nouvelles accusations, notamment dans le diocèse de Lyon gouverné par le cardinal Philippe Barbarin.

(Avec AFP)
La rédaction vous conseille
Pédophilie: le casier de plus de 300.000 agents de l’Education nationale vérifié
Pédophilie: jour de pénitence pour l’Église de France
L’évêque d’Orléans révèle un cas de prêtre pédophile dans son diocèse
Loiret: affaire de prêtres pédophiles signalée
Agressions sexuelles: au fil des révélations, l’affaire du diocèse de Lyon ne retombe pas
Soupçonné d’agressions sexuelles, un autre prêtre lyonnais se défend
Juliette Mickiewicz

Sur le même sujet
Pédophilie
Orléans
Évêque
L’Australie veut confisquer les passeports des pédophiles condamnés
Un militaire français jugé à Paris pour des faits de pédophilie au Burkina Faso
Prêtres pédophiles : «Les évêques ne sont pas bien informés»
Cash Investigation : Élise Lucet enquête sur la pédophilie au sein de l’Église
.
Thématique : Pédophilie,Suivre,France
+ récents
+ commentés
+ partagés
Lego Z
Riche passé cet évêque, car il était intervenu en son temps sur le préservatif et son usage et selon son avis technique de prélat il s’était étendu sur le fait que le latex laissait passer le virus VIH… s’attirant une verte réplique d’un professeur de médecine spécialiste des maladies infectieuses. Après cette compétence en physique-chimie et infectiologie, l’évêque retraité va pouvoir se mettre au droit pénal et recourir au consultant pontifical dame Boutin
Le 09/06/2017 à 00:39

http:lefigaro.fr/actualite-france/2017/06/08/01016-20170608ARTFIG00401-pedophilie-l-ex-eveque-d-orleans-rattrape-par-son-silence.php
.
REAZIONE:IL VESCOVO DI ORLEANS A PROCESSO.E’ UNA DERIVA DI QUEL GIUDIZIO AL CARDINALE BARBARIN

8 GIUNIO 2017:ATTUALIZAZIONE BENGAZY

-SU THE WASHINGTON TIMES

Families want to know what happened in Benghazi

Obama administration not telling whole story, they say

By Guy Taylor – The Washington Times – Tuesday, December 4, 2012
The father of a former Navy SEAL killed in the Sept. 11 terrorist attack on the U.S. Consulate in Benghazi, Libya, says he learned the details of his son’s bravery not from the Obama administration, but in an email from an American whose life was saved by his son.

Tyrone Woods, 41, was found “slumped over his machine gun, which was caked with blood,” Charles Woods, the former SEAL’s father, said during a telephone interview from his home in Hawaii.

“He had continued to fire until he had no blood left and was unable to fire anymore,” Mr. Woods said.n

He did not identify the email’s sender but said he later spoke with the person who “told me how Ty died.”

Washington politics has largely shifted attention from what actually happened nearly three months ago in the Benghazi attack, in which U.S. Ambassador J. Christopher Stevens, former SEAL Glen Doherty and State Department officer Sean Smith also were slain.

Republicans have accused the Obama administration of attributing the attack to spontaneous protests over a U.S.-made anti-Islam video, and not terrorists, in order to maintain the president’s foreign policy image before Election Day.


The White House and congressional Democrats have accused Republicans of exploiting the situation for political gain.

For family members such as Mr. Woods, the need to know what occurred in Benghazi is as real today as it was the moment they learned that their loved ones had perished.

Some are angry at the Obama administration, and even the most politically neutral among them say they are dispirited by the way the incident has been spun by Democrats, Republicans and news media.

MORE INHOME
James Comey accuses Trump of lying, says he hopes president taped their talks
‘Deserve far better’

“The frustration is that all of the energy is focused on who to blame within our own government,” said Kate Quigley, sister of Glen Doherty, who was 42 when he died in Benghazi.

“There’s been so much finger-pointing back and forth, and somebody like Glen was completely bipartisan in his job. What he did was try to save American lives, whether he was protecting Republicans or Democrats, that did not matter,” Mrs. Quigley said in a telephone interview from her home in Marblehead, Mass.

“As a family, we decided early on not to get involved in the politics of it,” Mrs. Quigley said. “We’re not looking to lay blame at the hands of the U.S. government. When it comes to blame, in our eyes, we’re fully putting that on the shoulders of the terrorists who planned and executed the attack.

“If Glen were here, he’d be the first one to reach across party lines and redirect the attention to where it needs to go, which is stopping these individuals and making sure all of our consulates and embassies are safe,” she said.

Mrs. Quigley said her family is frustrated with how “the press continues to refer to the individuals of the attack as four dead Americans, without really looking at who these individuals are.”

“My brother gave 17 years of service, with 10 as a Navy SEAL. He and the others deserve far better than to be referred to that way,” she said, adding that if the public and the media really want to know who her brother was, they should visit, glendohertyfoundation.org, the website of a foundation that the family established in his name.

Her comments echo those of Stevens’ father, who spoke to a reporter in mid-October as the Benghazi incident was becoming an increasingly heated political battle between President Obama and Republican presidential nominee Mitt Romney.

“It would really be abhorrent to make this into a campaign issue,” Jan Stevens, 77, told Bloomberg News, adding that politicians should await the findings of a formal investigation before making accusations or judgments.

A detailed account

Other family members have been far less tempered in their remarks.

Some have voiced anger toward the Obama administration, accusing the White House of not taking their losses seriously, hiding information from them and even attempting to steer media attention from the details of the attack to dim the spotlight on any administration wrongdoing.

Appearing on CNN’s “Anderson Cooper 360” on Oct. 10, Pat Smith, the mother of Sean Smith, who was 35 when he died in Benghazi, said top administration officials paid her a lot of lip service but never revealed to her the details of her son’s last hours.

“I told them, ‘Please, don’t give me any baloney that comes through with this political stuff. I don’t want political stuff. You can keep your political. Just tell me the truth, what happened?’” Mrs. Smith said during the broadcast, adding that at that time — a month after the attack — she still did not know how her son was killed.

“Today, I just heard something more that he died of smoke inhalation,” she said. “I don’t even know if that’s true or not.”

Mrs. Smith also said Defense Secretary Leon E. Panetta “actually took my face in his hands and he said, ‘Trust me, I will tell you what happened.’ And so far, he’s told me nothing. Nothing at all. And I want to know.”

Attempts to reach Mrs. Smith were unsuccessful.

Mr. Woods, meanwhile, has gone perhaps furthest in raising questions about how the administration responded to the Benghazi attack.

He told The Washington Times that the person who contacted him about the attack explained in detail how his son’s death was preceded by a series of mortar rounds.

“The first one was well short of the building, the second and third landed in front of the building, and the fourth one went up and landed on the roof,” Mr. Woods said. “That’s what killed Ty.”

The round slammed into the roof where the former SEAL was positioned, and “I was told that if it had been a heavier round, it would have gone through the roof and exploded inside the building where 30 or so Americans were being protected by Ty and by Glen,” he said.

Noting that Tyrone Woods left behind “a newborn baby and a beautiful wife,” Mr. Woods said his son was “a hero who was willing to sacrifice his life.”

Mr. Woods repeated assertions that he has made to other news organizations during recent weeks — that the White House is involved in a “100 percent cover-up” because “no effort whatsoever was made to rescue” his son and the other Americans who were killed.

Copyright © 2017 The Washington Times, LLC. Click here for reprint permission.

http:m.washingtontimes.com/news/2012/dec/4/families-want-to-know-what-happened-in-benghazi-ob/
REAZIONE:OBAMA NON RACCONTA TUTTA LA STORIA.

11 GIUNIO 2017:SI WALL STREET
-SU LA REPUBBLICA:
Repubblica.it
ECONOMIA
Gli Usa iniziano a smontare la stretta di Obama su Wall Street


I monitor di Wall Street durante la testimonianza dell’ex direttore del Fbi, James Comey

.
Approvata alla Camera la revisione alla legge Dodd Frank, che fu varata nel 2010 dopo la crisi finanziaria: a rischio l’Autorità che protegge i consumatori dalle frodi e la separazione tra le attività di custodia dei soldi dei clienti dal trading
09 Giugno 2017
1′ di lettura
MILANO – La Camera Usa, a maggioranza repubblicana, ha approvato la revisione della legge Dodd Frank, la riforma di Wall Street, varata su imput di Barack Obama nel 2010, dopo la crisi finanziaria del 2008. I deputati che hanno votato a favore sono 233 contro 186 no, un repubblicano ha votato contro. Nel febbraio scorso Donald Trump ha firmato due decreti per il riesame della regolamentazione finanziaria, la quale ora dovrà passare al Senato, dove l’approvazione sarà più difficile.

Uno dei pilastri del Dodd Frank Act è la creazione della Consumer Financial Protection Agency, l’autorità che ha il compito di proteggere i consumatori Usa da possibili frodi o informazioni fuorvianti nei settori della finanza, del debito, delle carte di credito e dei mutui. Inoltre la Dodd Frank richiede alle banche di dotarsi di più capitali per evitare un leverage eccessivo e istituisce il Financial Stability Oversight Council, che ha lo scopo di individuare i possibili rischi sistemici presenti nel sistema finanziario, le cosiddette ‘to big to fail’, tramite un monitoraggio che si estende anche al settore degli hedge fund.

La Dodd Frank ha come obiettivo dichiarato ma non realizzato quello di vietare il trading proprietario e cioè di applicare la cosiddetta “Volcker Rule”, che si propone di evitare che le banche utilizzino i depositi dei clienti per fare trading sui mercati finanziari con operazioni rischiose. Ancora non è chiaro quale sarà la revisione della regolamentazione finanziaria imposta da Trump, ma sicuramente nel mirino entreranno la Consumer Financial Protection Agency, il Financial Stability Oversight Council e la “Volcker Rule”.
Wall Street
Dodd-Frank Act
http:.repubblica.it/economia/2017/06/09/news/gli_usa_iniziano_a_smontare_la_stretta_di_obama_su_wall_street-167654177/

11 GIUNIO 2017:TRUMP,DIETROFONT SU CUBA
-SU LA STAMPA:
LaStampa.it MONDO
SEZIONI
Trump prepara la svolta anche con Cuba: il 16 giugno l’annuncio del passo indietro


AP
Pubblicato il 10/06/2017
Ultima modifica il 10/06/2017 alle ore 12:07
Il presidente Usa Donald Trump si prepara a ufficializzare la svolta nella posizione degli Stati Uniti nei confronti di Cuba. Trump, ha appreso il Miami Herald da fonti vicine al presidente, sarà a Miami venerdì prossimo per annunciare la nuova linea della sua amministrazione nei confronti dell’Avana.
La decisione di presentare a Miami la marcia indietro Usa sull’apertura decisa da Barack Obama è significativa data la presenza di molti esuli il cui sostegno alle elezioni di novembre è stato determinante per la vittoria in Florida e alla Casa Bianca.
Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.
http:.lastampa.it/2017/06/10/esteri/trump-prepara-la-svolta-anche-con-cuba-il-giugno-lannuncio-del-passo-indietro-yd1oIj31N4PDVo3klwwYNK/pagina.html

11 GIUNIO 2017:BREXIT,MAY VA
-SU LA STAMPA:
LaStampa.it MONDO
SEZIONI
May ha già pronto il governo ma tra i Tory cresce la fronda
Per restare in sella la premier si allea con gli unionisti dell’Irlanda del Nord. “Andiamo avanti, Brexit e sicurezza nostri obECiettivi”. Maggioranza di soli 2 voti
AP
Pubblicato il 10/06/2017
Ultima modifica il 10/06/2017 alle ore 13:04
CLAUDIO GALLO
INVIATO A LONDRA
La perseveranza di Theresa May sta colorandosi, ora dopo ora, di caparbietà e ostinazione. Aggrappata alla sua poltrona nonostante abbia perso dodici seggi, si affida per governare a un’incerta alleanza con il partito Unionista nordirlandese di estrema destra, che le porta in dote una maggioranza di due voti (qualcosa di più con la defezione del Sinn Feinn e l’appoggio dell’unionista indipendente Lady Sylvia Hermon).
Molti inglesi erano andati a dormire pensando di svegliarsi con un nuovo premier e invece, ieri mattina, lei era ancora lì più battagliera che mai anche se sempre più sola. A metà mattinata ha visto la Regina a Buckingham Palace per dirle che avrebbe continuato. E’ rispuntata al 10 di Downing Street per dire la stessa cosa a un’enorme bruco colorato irto di teste, microfoni e teleobiettivi che diffondeva la sua immagine ai quattro lati del mondo.

GUARDA – La mappa del voto

Completo color cobalto, le occhiaie più segnate del solito nonostante il trucco, Philips, il marito banchiere accanto, ha spiegato che il suo nuovo governo garantirà «certezza e una guida in questi tempi critici. Condurremo il Paese attraverso la trattativa cruciale per la Brexit che partirà tra dieci giorni». Si è scusata con i suoi deputati che hanno perso il seggio, «ci rifletterò», ha detto. Se n’è andata dicendo: «E ora al lavoro».

LEGGI ANCHE – May perde la maggioranza, per il nuovo governo spunta l’alleanza con gli unionisti del Dup

Le certezze che può offrire sono però legate al patto con gli Unionisti del Dup, una formazione legata storicamente ai gruppi armati protestanti. «I nostri due partiti – ha detto – hanno avuto per molti anni una stretta relazione». Il vicedirettore del Guardian Paul Johnson ha sintetizzato con un tweet che cos’è il Dup secondo lui: «Nega il riscaldamento globale, anti-aborto, anti-gay, pro-Brexit». È vero, May parte per la grande guerra della Brexit con un alleato che preferisce stare non troppo lontano dall’Europa e mantenere aperto il confine con Dublino. Per annacquare la loro strategia i nordirlandesi pretenderanno di certo un prezzo di fondi e risorse da destinare al loro Paese. L’ex ministro della Giustizia il conservatore Dominic Raab ha spiegato che era «l’unica strada percorribile». Molti tory credono però che non fosse necessario affrontarla sotto la guida di chi ha «perso» le elezioni.

LEGGI ANCHE – Millennials, minoranze e poveri: il popolo di Corbyn alza la voce

Il partito di maggioranza è sotto choc, ancora ieri sera era in corso la terza riconta delle schede nel seggio di Kensington, nel centro dorato di Londra, tradizionale roccaforte tory. Una fonte attendibile ha detto che nella seconda il Labour risultava avanti di sette voti. Amber Rudd, il ministro dell’Interno candidata a diventare l’astro nascente del governo, ha conservato il seggio di Hastings & Rye per un soffio. Ha ringraziato gli elettori con una faccia da funerale. È stata riconfermata nel nuovo governo, stessa poltrona, niente ministero dell’Economia, come si ipotizzava alla vigilia del voto. Sarebbe stata la prima donna a ricoprire quell’incarico.

Messi da parte frettolosamente i piani per un grande rimpasto, May manterrà i cinque ministri chiave: Hammond all’Economia. Johnson agli Esteri, Fallon alla Difesa, Davis segretario alla Brexit più la Rudd. Se avesse vinto bene, alcuni sarebbero andati a casa. David Davis è particolarmente sotto tiro nel partito perché è considerato l’uomo che ha spinto la premier alle elezioni anticipate. Nella squadra, è atteso il ritorno dell’ex ministro dell’Interno Michael Gove, anche se i suoi rapporti con Boris Johnson potrebbero essere difficili. Si parla anche dell’ex ministro Iain Duncan Smith. La deputata conservatrice Heidi Allen che ha mantenuto il suo seggio nel Cambridgeshire per soli 16 mila voti, ha pronosticato che «il governo durerà sei mesi». Non è un bell’inizio.

Dice lo scrittore George Monbiot, opinionista sul «Guardian»: «Non riesco a immaginare come May possa mantenere la stabilità, data il dissenso nelle sue stesse file e l’orrore diffuso che questa nazione tollerante prova per il fanatismo del Dup. Non è nella posizione per poter affrontare i tremendi pericoli e le complessità del negoziato per la Brexit. Non sarei sorpreso se il suo governo durasse pochi mesi prima di collassare. Allora si tornerebbe a votare».
Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

http:.lastampa.it/2017/06/10/esteri/may-ha-gi-pronto-il-governo-ma-tra-i-tory-cresce-la-fronda-0Ln2dRdE8ZlctV6kozqkXN/pagina.html
.
REAZIONE:I NEMICI DEL BREXIT IRRAZIONALMENTE,TESTARDAMENTE INSISTONO MA ORA MAY E’INVESTITA DA LEGGITIMñO E DEMOCRATICO MANDATO POPOLARE PER DIRIGGERE IL DECOLLO DALL’UNIONE EUROPEA.

11 GIUNIO 2017:PUTIN IN GRAVISSIMO FRANCO SCALATION CONTRO LA SICUREZZA TEDESCA,E’GUERRA FREDDA?
-SU LA STAMPA:
LaStampa.it MONDO
SEZIONI
Minaccia nel cuore dell’Europa, Putin punta i missili su Berlino
Il presidente schiera nell’enclave di Kaliningrad i vettori Iskander. L’ex generale Usa Rutherford: «Violazione gratuita dei trattati del 1987»


Guardando le immagini satellitari o ascoltando le trasmissioni radio sopra Kaliningrad, si scopre una sorta di buco nero: nessuno sa cosa succeda, per questo i Paesi confinanti sono molto preoccupati

Pubblicato il 11/06/2017
Ultima modifica il 11/06/2017 alle ore 07:25
STEFANO STEFANINI
WASHINGTON
Scacciato dal Trattato sulle forze nucleari intermedie (Inf) del 1987, lo spettro dei missili torna nel cuore dell’Europa. La Russia schiera S 400, Iskander e Topom M a Kaliningrad, l’enclave russa incuneata fra Lituania e Polonia. Possono portare testate nucleari. Gli Iskander possono raggiungere Berlino e sfiorare Copenaghen e Stoccolma. Date le caratteristiche non balistiche le capacità d’intercettazione e difesa sono praticamente inesistenti.
Sullo spiegamento Washington e la Nato hanno pochi dubbi. Le capitali europee non ne parlano ma lo sanno bene. Mosca del resto non lo nega. Al contrario ne fa parte integrante della propria strategia militare in Europa.

Il generale John Rutherford Allen non ha peli sulla lingua: «La Nato e i suoi membri hanno motivo di preoccuparsi di questa violazione gratuita del Trattato Inf. La Nato dovrà prendere in considerazione misure per difendersi da questa nuova minaccia russa». Ex capo della coalizione internazionale anti-Isis, ora dirige uno studio sull’adattamento dell’Alleanza Atlantica agli scenari contemporanei di sicurezza, cui partecipa anche l’ex ministro della Difesa, ammiraglio Giampaolo Di Paola. Le sfide sono molte, dalla guerra informatica ai flussi migratori. Il rapporto finale uscirà a fine anno, ma l’analisi di questo strappo russo è chiara: la Russia ha identificato un tallone d’Achille della Nato nell’incapacità di saldare l’indivisibilità della sicurezza alla deterrenza nucleare.
I missili di Kaliningrad non possono essere considerati una risposta alle misure della Nato. È la versione russa; sul piano militare è risibile. Missili e testate atomiche, da una parte, e quattro battaglioni dall’altra, sono incommensurabili. Intanto Mosca aveva messo in cantiere lo spiegamento da prima. Ma soprattutto per numeri, mezzi e minime infrastrutture, la «Enhanced Forward Presence» serve soprattutto a scoraggiare; non potrebbe difendere contro la massiccia superiorità convenzionale russa.

Si può sostenere che i missili di Kaliningrad siano un deterrente che garantisce a Mosca il corridoio di sicurezza verso il Baltico. Nessuno lo minaccia: non esistono piani o esercitazioni offensive Nato contro Kaliningrad. Tuttavia si trova nel mezzo della Nato e dell’Ue e nella percezione russa di sicurezza, insofferente della contiguità territoriale, Kaliningrad è a rischio per definizione.

Ma questo non basterebbe a mettere in discussione un architrave di sicurezza in Europa. Firmato da Mikhail Gorbaciov e Ronald Reagan in epilogo di Guerra Fredda, il Trattato Inf fu il primo grande passo verso la riduzione degli armamenti nucleari e convenzionali. Eliminare i missili a breve-media gittata (furono fisicamente distrutti) significava escludere la possibilità di annientamento nucleare senza preavviso. Lo spiegamento di Kaliningrad è un passo indietro di quarant’anni. Costringerebbe anche la Nato a rivedere la propria dottrina di deterrenza nucleare.

Da Kim Jong-un ci aspettiamo l’irresponsabilità. Non da Vladimir Putin. Il presidente russo ha l’abilità di far perdere l’equilibrio agli avversari con mosse a sorpresa, spesso alzando la posta in gioco. Crimea e Siria sono esempi da manuale. A Kaliningrad gioca però d’azzardo con giocattoli pericolosi. Sta inoltre conducendo la Russia sul sentiero dell’inaffidabilità, delle favole di hacker russi «patriottici», della violazione dei patti e delle carte truccate, dalla geopolitica allo sport. Non stupisce la mezza comprensione per la decisione di Trump di ritirarsi dall’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici: solidarietà fra chi non si sente legato dal rispetto dei patti.

Lo strappo all’Inf rende la deterrenza ancor più indispensabile. Secondo Victoria Nuland, ambasciatrice alla Nato di George W. Bush, Assistant Secretary per l’Europa di Obama, «lo spiegamento di missili russi a Kaliningrad rende più imperativo per la Nato riaffermare l’impegno alla difesa collettiva e all’articolo 5 del Trattato di Washington».

Si rafforza anche la necessità di confrontare Mosca in un dialogo serrato. Recentemente, un ex-ufficiale dell’Fsb (già Kgb) mi diceva: «alla Russia, non basta un accordo sull’Ucraina; occorre un’intesa più ampia, che comprenda la difesa anti-missile», da sempre – è del 1983 il discorso di Reagan sulle «guerre stellari» – spina nel fianco di Mosca.

Nell’ottica russa, i missili di Kaliningrad aggirano le difese anti-missilistiche della Nato e salvaguardano così la parità nucleare strategica con gli Usa. Per Washington e per l’Alleanza, la difesa anti-missile protegge da «piccoli» aggressori come Iran o Corea del Nord; non potrebbe fermare l’enorme arsenale russo. Mosca resta però tenacemente abbarbicata al mito della parità; non vuole trovarsi con una capacità in meno. È ora che le due parti parlino seriamente, prima di avvitarsi in una nuova, pericolosa, imprevedibile escalation.
Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.
.
LEGGI ANCHE
AP
“Più forze nucleari”: la nuova sintonia fra Putin e Trump

http:.lastampa.it/2017/06/11/esteri/minaccia-nel-cuore-delleuropa-putin-punta-i-missili-su-berlino-cs2iu4T8zJy2GY87SeljkJ/pagina.html

REAZIONE:E’ IL PRIMO SCONTRO SUL NUCLARE DAL DOPO MURO.
PERICOLOSISSIMI GIOCHI DI GUERRA.

DOMENICA DE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN ITALIA,EDITORIALE

OGGI GLI ITALIANI SONO CHIAMATI A PRONUNCIARSE PER L’ELEZIONE DI MILLE COMUNI FRA QUI DUE IMPORTANTI CAPO LUOGHI COME GENOVA E PALERMO.

POICHE IL GOVERNO GENTILONI E’ GOLPISTA QUESTE ELEZIONI NON AVREBBERO DOVUTO SVOLGERSI,E PIU CHE MAI DOPO IL REFERENDUM CHE’ E’ STATO UNA DELIGITTIMAZIONE DI TUTTO IL CETO LARGHE INTESE.LE VERE ELEZIONI A PORTARE AVANTI SONO QUELLI NAZIONALI PER MANDARE A CASA TUTTI.PERO IL CETO POLITICO TUTTO SI HA ALLINEATO DIETRO IL PARTTO UNICO,PD:HANNO PER PRMO INSISTITO CON DELLE RIFORME ELETTORALI IMPOSSIBILI,INNECESSARI E GIA BOCCIATI SIA DALLA CORTE CONSTITUZIONALE CHE DAL POPOLO,E POI SONO VENUTI FUORI I SOLITI TOTEM DELLA POLITICA ITALIANA LARGHE INTESE,CIO’E’ BERLUSCONI E NAPOLITANO A QUI SI HA ALLINEATO RENZI,E TRADENDO LA COMUNE VOLONTA DEGLI ITALIANI SPINGONO PER ALLUNGARE LA LEGISLATURA ORMAI SULLA SCADENZA NATURALE.IL VEROGOGNOSO SCOPO E’ SIA PERPETUARSI NEL POTERE ILLEGITTIMAMENTE CHE PRENDERE A NOVEMBRE UN SOSTANZIOSO RETIRO PENSIONISTICO.

IN QUESTO CONTESTO QUESTE ELEZIONI ALTRO NON SONO CHE UNA PARVENZA DI UNA ORMAI IMPOSSIBILE LEGITTIMAZIONE DEMOCRATICA DI QUESTA PARVENZA DI GOVERNO.

E QUESTO VIENE DIMOSTRATO ANCHE DA QUESTI FATTI:

SONO LE 6 POMERIGGIO A L’AFFLUENZA ALLE URNE E MENO DEL 20 PER CENTO.

I LEADER NON SI SONO COINVOLTI E HANNO DISSERTATO SIA LA GUIDA CHE LA PRESENZA IN PIAZZA E LE LISTE CIVICHE SONO NUMEROSISSIME.

7 COMUNI NON HANNO AVUTO CANDIDATI E FURONO COMMISSARIATI.

I SUGGERIMENTI DELL’ANTIMAFIA SONO STATI IGNORATI.

INSOMMA COME AL SOLITO QUESTO CETO POLITICO GOLPISTA LARGHE INTESE E’ STATO SFIDUCIATO SIA NELLE. PIAZZE CHE NELLE URNE:HA VINTO IL PARTITO DEL NON-VOTO.
-VEDI NOTA
-SU LA STAMPA:
LaStampa.it ITALIA
SEZIONI
La grande fuga dei partiti. Boom di liste civiche nelle sfide per i sindaci
Anche i leader hanno latitato nella campagna elettorale. Solo Grillo si è speso in qualche piazza, ma alla fine


ANSA
Alcuni candidati hanno chiesto ai partiti di stare in disparte

Pubblicato il 11/06/2017
Ultima modifica il 11/06/2017 alle ore 07:21
FABIO MARTINI
ROMA
Nella sua ultima esternazione-video, venerdì da Facebook, Matteo Renzi si è congedato così: «Un grande in bocca a lupo a tutti candidati-sindaco, soprattutto a quelli del Pd…». Un Renzi insolitamente ecumenico che augura buona fortuna anche ai candidati degli altri partiti è una roba non si vede tutti i giorni. Un tono distaccato ribadito nelle sue ultime parole: «Domenica si vota… Cos’è? 8-23? Di solito è 7-23… Guardate su Internet, per evitare che vi dia un’informazione sbagliata…». Il Renzi che ostenta ecumenismo ed affetta ignoranza sulle modalità di voto è l’espressione più plateale del dato più caratteristico delle elezioni amministrative: l’esibita, fortissima distanza che (quasi) tutti i leader e tutti i partiti hanno assunto verso questa consultazione che pure interessa dieci milioni di italiani. Una “fuga” di leader, partiti e candidati “politici” senza precedenti negli ultimi decenni.
Big assenteisti
Timore, oramai, di mischiarsi in mezzo alla gente? Timore di mettere anticipatamente la “faccia” su risultati sgraditi? Le risposte non possono essere univoche, ogni leader coltiva paure e speranze diverse, ma alcuni dati sono eclatanti. Per certi versi clamorosi. Il primo riguarda le liste presentate: su un totale di 3.939, ben 2.902 sono civiche e per arrivare al primo partito, bisogna scalare assai. Il Movimento Cinque Stelle ha presentato 181 liste, il Pd 134, la Lega 123, Forza Italia 108, Fratelli d’Italia 73 e così via. E il secondo dato eclatante riguarda la partecipazione dei leader alla campagna elettorale: Matteo Renzi non si è visto nelle principali “piazze” – Genova, Palermo, le città venete – un’assenza senza precedenti. Con ragioni in parte inconfessabili: a Genova, la città politicamente più significativa di questo test elettorale, il candidato sostenuto dal Pd, Gianni Crivello, di fatto è stato “indicato” dalla “Ditta”, in particolare da quella parte del partito che sta un po’ dentro e un po’ fuori. Quanto a Silvio Berlusconi, da tempo, centellina energie e presenze, preferisce farsi vivo con comizi-telefonate e dunque i suoi forfait non fanno più notizia.

Il rush finale di Grillo
Interessante invece la parabola di Beppe Grillo: dopo aver evitato qualsiasi apparizione pubblica, negli ultimi giorni di campagna elettorale il comico-capopartito si è fatto vedere in Piemonte, a Taranto dove si era avventurato in solitudine già nel gennaio 2013, e in Sicilia. A Palermo il suo comizio allo Zen è stato affollatissimo, con un’affluenza fuori dell’ordinario, come ha raccontato «Radio Radicale». E alla fine Grillo si è fatto vedere anche nella sua città, Genova, della quale sembrava essersi «dimenticato». Test difficile nella città dove si è prodotto l’episodio più eclatante di “autoritarismo” pentastellato, con la cancellazione della votazione tra gli iscritti, che avevano scelto come candidata-sindaco, Marika Cassimatis, non gradita però da Grillo che l’ha destituita platealmente e senza il bisogno di motivazioni, con Luca Pirondini.

Alla fine il comico-leader ha deciso di metterci la faccia e in piazza Matteotti ha provato ad esorcizzare una presenza non straripante di folla: «Il nostro successo è inversamente proporzionale alla presenza nelle piazze: se non venite in piazza, ci votate di nascosto». E Grillo ha anche detto chiaro quel che alcuni dei suoi vociferavano per giustificare la “latitanza” del capo: «Genova è la mia città, il mio modo di volervi bene è stare qua», ma «non voglio che vinca Luca perché poi so cosa succede: sarete tutti davanti al mio cancello a Sant’Ilario a rompere…».

I partiti «circondati»
L’altro dato, in linea ma in progressione rispetto a precedenti consultazioni amministrative, è la liquefazione dei partiti tradizionali: nei principali Comuni Pd, Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, centristi, Mdp di Bersani sono presenti con propri simboli, ma risultano letteralmente circondati da liste civiche. E spesso i partiti tradizionali rinunciano a presentarsi con candidati “propri” e preferiscono esponenti della società civile. Per il Pd anche in città “rosse”. Come a Piacenza e Parma. Ma anche a Padova dove il candidato sostenuto dal Pd è un imprenditore che non ha nulla a che fare col partito. E a Genova Gianni Crivello si è presentato con queste parole: «Sono molti anni che non ho una tessera di partito…». Per non parlare di Palermo, dove Leoluca Orlando ha chiesto (ed ottenuto) che il Pd rinunciasse a presentare il proprio simbolo, confluendo in una della liste pro-sindaco. E a Verona il sindaco uscente Flavio Tosi ha candidato la propria fidanzata, Patrizia Bisinella, senatrice che a Roma appoggia il governo Gentiloni, o comunque non vota la sfiducia.

Liste «pazze»
Una complessiva deriva anti-partitica che ha dato la stura a liste dai nomi originali. Dai «110 e Lodi» del capoluogo lombardo, a «Rinascimento sia» (Lucca), dalle «Giovani Stelle» di Cassano Magnago, il paese natale di Umberto Bossi. Fino a «Forza Schiappa», lista di sostegno a Mondragone di un candidato che ovviamente di cognome fa Schiappa.
Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati.
http:.lastampa.it/2017/06/11/italia/cronache/la-grande-fuga-dei-partiti-boom-di-liste-civiche-nelle-sfide-per-i-sindaci-4wZcXFISu6IK90UVTkxIVI/pagina.html

Annunci