FAITES INTERNES 1:CONTINUATIjON 362

19 MAGGIO 2018:PEDOFILIA IN CILE,VESCOVI,SIAMO TUTTI ABUSATORI

-SU LE MONDE:lemonde.fr
.
Pédophilie:tous les évêques chiliens remettent leur démission au pape o o
.
Des « documents compromettants » ont été détruits par les autorités ecclésiastiques, révèle François, qui reconnaît une faillite collective de l’Eglise chilienne.

LE MONDE | 18.05.2018 à 11h42 • Mis à jour le 19.05.2018 à 06h38 | Par Cécile Chambraud
Les représentants de la conférence des évêques chiliens, Juan Ignacio Gonzalez (à gauche) et Luis Fernando Ramos Perez, au Vatican, le 18 mai.


Les représentants de la conférence des évêques chiliens, Juan Ignacio Gonzalez (à gauche) et Luis Fernando Ramos Perez, au Vatican, le 18 mai. ANDREW MEDICINI / AP
.
Tous les évêques chiliens ont remis, vendredi 18 mai, leur démission au pape. Mardi 15 mai, convoqués à Rome, ils s’étaient vu remettre par le pontife argentin un texte de dix pages dans lequel celui-ci avait écrit noir sur blanc : depuis des années, l’Eglise catholique chilienne abrite « de nombreuses situations d’abus de pouvoir, d’autorité et d’abus sexuels ».

« Nous, tous les évêques présents à Rome, avons remis nos postes entre les mains du Saint-Père afin qu’il décide librement pour chacun d’entre nous », indique une déclaration lue devant la presse par deux porte-parole de la Conférence épiscopale chilienne. Le pape doit à présent décider de sanctions nominatives après cette démission collective unique en deux siècles.

Le texte glaçant, dont le contenu a été révélé jeudi par la télévision chilienne T13, s’appuie sur des faits rassemblés dans un rapport (non publié) de 2 300 pages rédigé par les deux enquêteurs que le pape a dépêchés auprès des victimes d’agressions sexuelles et d’abus de pouvoir commis au sein de l’Eglise chilienne.

Lire aussi : Pédophilie : le pape reconnaît des dérives au sein de l’épiscopat chilien

Le document dénonce ainsi « l’existence de gravissimes négligences dans la protection des enfants vulnérables de la part d’évêques et de supérieurs religieux ». On peut aussi lire dans ce document que des religieux expulsés de leur ordre pour des « comportements immoraux » ont été accueillis dans d’autres diocèses avec des charges comportant « un contact quotidien et direct avec des mineurs ».

Des plaintes ont par ailleurs été hâtivement jugées « invraisemblables » alors qu’elles étaient « de graves indices d’un délit effectif ». D’autres ont même été classées sans la moindre enquête. Des pressions ont été exercées sur des enquêteurs et des « documents compromettants » ont été détruits.
A ce stade, on ignore si le pape va accepter ces démissions, ou certaines d’entre elles

Par ailleurs, révèle le document, des évêques ou des supérieurs d’ordre religieux auraient confié la direction de séminaires ou de noviciats à « des prêtres soupçonnés d’homosexualité active », en violation des règles ecclésiastiques.

Pendant trois jours, de mardi à jeudi, le pape a rencontré à huis clos ces 34 évêques pour quatre séances de prise de conscience de la réalité des faits.

« Nous voulons demander pardon pour la douleur causée aux victimes, au pape, au peuple de Dieu et à notre pays pour les graves erreurs et omissions que nous avons commises », indique la déclaration lue devant la presse. « Nous remercions les victimes pour leur persévérance et leur courage, malgré les énormes difficultés personnelles, spirituelles, sociales et familiales qu’elles ont dû affronter, auxquelles s’ajoutaient souvent l’incompréhension et les attaques de la communauté ecclésiale, ajoutent-ils. Nous implorons leur pardon et leur aide pour continuer à avancer sur le chemin de la guérison des blessures, pour qu’elles puissent se cicatriser ».
« Nous sommes tous impliqués, moi le premier »

A ce stade, on ignore si le pape va accepter ces démissions, ou certaines d’entre elles. Il apparaît en tout cas aujourd’hui clairement que le problème dépasse de loin le seul cas, pourtant déjà gravissime, de Fernando Karadima, ce charismatique prêtre de Santiago qui a formé de nombreux prêtres et plusieurs évêques et a été condamné par l’Eglise elle-même pour des agressions sexuelles commises pendant des années, par lui et autour de lui.

Le 15 mai, le pape François recevait les évêques du Chili au Vatican. OSSERVATORE ROMANO / AFP

Ces dernières années, plusieurs cas d’abus dans des écoles catholiques sont apparus au grand jour. Dans son texte, le pape décrit une véritable faillite collective de cette Eglise. « Nous sommes tous impliqués, moi le premier », affirme François.

Pendant plusieurs années, le pape a en effet refusé d’entendre certaines anciennes victimes de Fernando Karadima, qui accusaient notamment l’évêque Juan Barros, l’un de ses proches, d’avoir couvert les agissements de l’ecclésiastique. François avait même accusé de « calomnie » ceux qui lui demandaient de revenir sur la nomination de Mgr Barros dans le diocèse d’Osorno. Il a ensuite affirmé n’avoir pas été informé exactement par les victimes, alors même qu’une lettre de l’une d’entre elles lui a été remise dès 2015.

Lire aussi : La visite du pape au Chili entachée par les affaires de pédophilie

Dans le texte transmis à l’épiscopat chilien, le pontife rappelle que par le passé, l’Eglise chilienne a eu le « courage » de s’engager et de prendre des risques pour défendre ses ouailles. Il oppose cette attitude à celle de l’Eglise d’aujourd’hui, qui a entre-temps été « transformée en son centre » : « La douloureuse et honteuse constatation des abus sexuels sur mineurs, des abus de pouvoir et de conscience de la part de ministres de l’Eglise, ainsi que la manière dont ces situations ont été abordées, met en évidence ce changement de centre ecclésial. »

« Quelque chose, dans le corps ecclésial, est malade »

Il décrit une Eglise passée du service des autres à une institution gangrenée par des individus et des groupes qui ont prétendu « s’ériger comme unique interprète de la volonté de Dieu ». Cette « psychologie d’élite », affirme le pape François, a fini par constituer des « cercles fermés qui débouchent sur des spiritualités narcissiques et autoritaires » pour lesquelles « l’important, c’est de se sentir spécial, différent des autres ». « Quelque chose, dans le corps ecclésial, est malade », résume François, qui parle aussi de « perversion » ecclésiale.
« Promouvoir une culture anti-abus »

Pour sortir de cette dérive collective, il préconise d’ouvrir l’institution et de travailler avec « différentes instances de la société civile pour promouvoir une culture anti-abus ». Il insiste sur le fait qu’à ses yeux, de simples changements de personnes (c’est-à-dire d’évêques) ne suffiront pas à résoudre des problèmes aussi profondément ancrés et structurels. « Cela, il faut le faire, écrit le pape, mais ce n’est pas suffisant. Il faut aller plus loin. Il serait irresponsable de notre part de ne pas creuser pour trouver les racines et les structures qui ont permis que ces événements se produisent et se perpétuent. »

Lire aussi : La réforme du pape à l’épreuve de la pédophilie

Se contenter de changer des hommes, explique-t-il, donnerait l’illusion d’avoir réglé les problèmes alors que ceux-ci perdureraient. Pour que « plus jamais, ils ne viennent à se répéter », conclut François, il faut considérer le problème comme « celui de tous et pas seulement comme celui de certains ».

Autrement dit, les évêques chiliens auraient une responsabilité collective dans ces dérives et aucun ne saurait s’en exonérer. Reste maintenant au pape à dévoiler les réformes « de court, de moyen et de long terme » promises aux victimes de ces nombreuses dérives.

http:.lemonde.fr/international/article/2018/05/18/pedophilie-dans-un-document-incendiaire-le-pape-reconnait-une-faillite-collective-de-l-eglise-chilienne_5301005_3210.html

REAZIONE:”MAL DE MUCHOS CONSUELO DE TONTOS”,IL PAPA E LA CHIESA  ESPRIMANO CHIARA CONDANNA PER FERNANDO KARADIMA E JUAN BARRIOS Y VERI GENERATORI DI QUESTA CRISI E GLI RIMANDINO ALLA GIUSTIZA ORDINARIA ALTRIMENTI SI TRATEREBBE DI UNA COPERTURA.NON BASTA UNA CONDANNA GENERICA CON LA RINUNCIA DI TUTTI I VESCOVI E LA CONFESSIONE DI UNA MALATIA STRUTURALE DELLA CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA(AIME!!!!!FINALMENTE IL PAPA MI DA RAGIONE,NON LO POSSO CREDERE!!!!!):TUTTI COLPEVOLI,NESSUN COLPEVOLE.

-LE MONDE MI DA RAGIONE:

-APPENDICE 1:lemonde.fr

La réforme du pape à l’épreuve de la pédophilie

Cinq ans après son élection, François fait l’objet de critiques pour ses hésitations dans la lutte contre les abus sexuels commis par des prêtres.

Le pape François à Iquique (Chili), le 18 janvier 2018.

Le pape François à Iquique (Chili), le 18 janvier 2018. VINCENZO PINTO / AFP

Le 16 janvier, le pape François témoignait devant quatre-vingt-dix jésuites chiliens que « la grande paix » éprouvée par lui au moment où il a compris qu’il allait être élu pape « ne [l]’a[vait] pas quitté » depuis. Deux mois plus tard, pourrait-il encore l’affirmer ? Car depuis ce premier jour du voyage qui l’a conduit au Chili et au Pérou, s’est ouverte la crise la plus violente de son pontificat, cinq ans après son élection, le 13 mars 2013.

En l’espace de trois semaines, le scandale de pédophilie qui secoue le clergé chilien depuis des années est devenu le scandale qui ébranle la figure du pape François. A l’heure des premiers bilans d’un pontificat censé remettre de l’ordre à la tête de l’Eglise, cela tombe mal. Cette affaire est d’autant plus dommageable pour François qu’elle écorne trois des marqueurs attachés à son identité de pape.

François met constamment l’accent sur la défense des faibles, des démunis, des méprisés face aux forts et aux puissants. De Lampedusa, où il fulmine contre la « mondialisation de l’indifférence » qui laisse périr les migrants en mer, au discours de Santa Cruz (Bolivie), qui enrôle l’Eglise aux côtés des « mouvements populaires », des prisons qu’il ne cesse de visiter aux « esclaves sexuels » dont il prend la défense, le pape argentin tonne contre le « Dieu argent », les trafiquants d’êtres humains et les fabricants d’armes.

Le pontife argentin a accusé des fidèles et une partie du clergé du diocèse d’Osorno, au chili, d’être manipulés par des « gauchistes »

Pourquoi, alors, ne semble-t-il pas prêt à voler au secours de simples fidèles durablement meurtris par des « puissants » de sa propre Eglise, à savoir des prêtres et des évêques ? Pourquoi, lors de son voyage au Chili, a-t-il choisi de s’afficher à plusieurs reprises en compagnie d’un évêque, Mgr Juan Barros, accusé (il s’en défend) d’avoir couvert un prêtre, le père Fernando…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

La réforme du pape à l’épreuve de la pédophilie

Il vous reste 78% de l’article à lire

Achetez cet article 2 € Abonnez-vous à partir de 1 €

http:.lemonde.fr/international/article/2018/03/10/la-reforme-du-pape-a-l-epreuve-de-la-pedophilie_5268738_3210.html

.
REAZIONE:IPOCRITA,LUI HA MONDALIZATO LA INDIFFERENZA,HA PROMESSO INSIEME A RENZI IL SUI RAMPOLLO GESUITA CHE FAREBBERO FUNERALI DI STATO PER I 400 MORTI DI LAMPEDUSA MA POCHE SETTIMANI DOPO DELLA VICENDA NON SE NE TORNO A PARLARE:FACEVA COMODO A QUALCUNO CHE NON ERANO LORO?(1)
DAI BASTA IPOCRESIA,RIVOLUZIONARIO IN EUROPA E CONSERVATORE IN SUDAMERICA?:CONDANNI JUAN BARRIOS E FERNANDO KARADIMA SENZA SE NE SENZA MA,O TORNI IN SUDAMERICA E CONDANNI LOS ZURDOS.(NIENTE PAURA,SCALFARO CAPIRA).
(1)PIU TARDI RENZI CI HA FATTO CAPIRE CHE POLITICA-ELETTORALMENTE NON CONVENIVA PERCHE FAVORIVA LA LEGA.
.
-APPENDICE 2:LA CHIESA NON HA PASSATO LA PROVA,COLPEVOLE
lemonde.fr
Pédophilie : la culpabilité de l’Eglise

Editorial. S’il n’y a pas rapidement des sanctions et des réformes, la démission de trente et un évêques chiliens, à la suite d’un rapport sur des abus sexuels couverts par l’Eglise catholique, ne sera qu’un coup d’épée dans l’eau.La pape François et les évêques chiliens démissionnaires, au Vatican, le 17 mai (image issue d’une vidéo de la télévision vaticane).

La pape François et les évêques chiliens démissionnaires, au Vatican, le 17 mai (image issue d’une vidéo de la télévision vaticane). AP

Vendredi 18 mai, dans un geste sans précédent depuis deux siècles, trente et un évêques chiliens, convoqués par le pontife argentin à Rome à la suite d’un rapport accablant de 2 300 pages mettant en lumière « de nombreuses situations d’autorité et d’abus sexuels » couverts par l’Eglise catholique, ont remis leur démission. Cette affaire ternit l’image d’un pape qui a toujours mis l’accent sur la défense des faibles et des démunis face aux puissants, mais qui a été jusque-là moins vigilant que son prédécesseur, Benoît XVI, sur les scandales de pédophilie.

Lire aussi :   Pédophilie : tous les évêques chiliens remettent leur démission au pape

Lors de sa visite au Chili, en janvier, François avait affiché son soutien à l’évêque d’Osorno, Juan Barros, accusé d’avoir protégé un prêtre, Fernando Karadima, dont l’Eglise avait reconnu qu’il avait agressé sexuellement de nombreux mineurs. Le prélat récusait ces accusations. Et le pape avait affirmé qu’« il n’y [avait] pas une seule preuve contre lui », n’hésitant pas à imputer ces « calomnies » à des « gauchistes ». Peu après, le cardinal américain Sean Patrick O’Malley, un des principaux ministres du pontife, lui avait infligé un camouflet en disant comprendre« la grande douleur » provoquée par ses propos « pour les survivants d’agressions sexuelles par des membres du clergé ou par d’autres agresseurs ».

Prenant finalement conscience de sa faute, François a diligenté une enquête au Chili, écouté les victimes et reconnu son aveuglement. Opérant un virage à 180 degrés, il a en quelque sorte plaidé coupable, avouant sa « douleur » et sa « honte » devant le « mal irréparable fait à des enfants par des ministres de l’Eglise ». « Nous sommes tous impliqués, moi le premier », a-t-il affirmé, en admettant « avoir commis de graves erreurs d’appréciation et de perception ».

Lire aussi :   Pédophilie : le pape reconnaît des dérives au sein de l’épiscopat chilien

Mais il a aussi mis en cause son propre système ecclésial, qui a fait la preuve de son incapacité à instaurer des mécanismes de contrôle pour éviter de telles déviances. Alors qu’il a souvent dénoncé la propension des clercs à s’attribuer une autorité supérieure à celle des autres croyants, il avait agi, dans l’affaire chilienne, comme un chef d’administration d’abord soucieux de défendre ses agents. Aujourd’hui, il reconnaît que « quelque chose dans le corps ecclésial est malade » et parle même de « perversion » ecclésiale.

Le pape bat sa coulpe, mais il dit lui-même qu’il ne suffira pas de changer les hommes et qu’il faudra « trouver les racines et les structures qui ont permis que ces événements se produisent et se perpétuent ». Il préconise de travailler avec la société civile pour « promouvoir une cultureanti-abus ». Une première commission de protection des mineurs, instituée par François, avait formulé des pistes pour mettre en œuvre la « tolérance zéro » réclamée par le pape. Aucune n’a jusqu’alors été retenue.

S’il n’y a pas rapidement des sanctions et des réformes – comme la création d’un tribunal chargé de juger les évêques défaillants, la levée du secret pontifical dans les procédures canoniques en cas d’agressions sexuelles, l’abolition du délai de prescription –, la démission des évêques chiliens ne sera qu’un coup d’épée dans l’eau, qui laissera intactes la honte de l’Eglise et la douleur de ses victimes.

 http:.lemonde.fr/idees/article/2018/05/19/pedophilie-la-culpabilite-de-l-eglise_5301557_3232.html

-APPENDICE 3:lemonde.fr

Au Chili, satisfaction prudente des victimes de pédophilie et silence de la classe politique

Si elles se réjouissent de l’annonce de la démission des évêques chiliens, les victimes attendent encore des « actions concrètes » de la part de l’Eglise.

LE MONDE | • Mis à jour le | Par Angeline Montoya

Après avoir reçu trois victimes d'un prêtre pédophile chilien, le pape François poursuit ses entretiens avec les évêques chiliens afin d’échanger sur les scandales d’abus sexuels commis par des membres du clergé, le 17 mai 2018.

Après avoir reçu trois victimes d’un prêtre pédophile chilien, le pape François poursuit ses entretiens avec les évêques chiliens afin d’échanger sur les scandales d’abus sexuels commis par des membres du clergé, le 17 mai 2018. VaticanMedia-Foto/CPP/CIRIC / Catholic Press Photo

Surprise, satisfaction, mais aussi prudence. Ainsi ont réagi les victimes de pédophilie au Chili, qui se sont dans un premier temps réjouies de l’annonce de la démission de l’ensemble des évêques à la suite de la publication d’un document explosif du pape sur leurs agissements. Si elles saluent un geste qui « change les choses pour toujours », comme l’a écrit sur Twitter une des victimes, le journaliste Juan Carlos Cruz, elles attendent toutefois encore « des actions concrètes » de la part de l’Eglise.

« Les évêques ont annoncé une démission qui n’est pas encore effective », a nuancé Juan Carlos Claret, porte-parole de l’Association des laïcs d’Osorno, d’où est parti le scandale. C’est dans cette ville du sud du Chili qu’officiait Mgr Juan Barros, accusé d’avoir couvert le prêtre pédophile Fernando Karadima, et c’est lui que le pape François a longtemps défendu, notamment lors de sa visite au Chili en janvier, dénonçant des « calomnies » à son encontre. « Je ne crois pas que cette démission soit le résultat d’une volonté héroïque des évêques, a continué M. Claret, ils y ont été poussés. »

Classe politique assommée

Les affirmations du pape selon lesquelles des plaintes de victimes ont été hâtivement jugées « invraisemblables » alors qu’elles représentaient « de graves indices d’un délit effectif » ouvrira-t-elle la voie à des procédures judiciaires ? Du côté des personnalités politiques, personne, vendredi soir, ne s’était encore exprimé en ce sens. Personne ne s’était d’ailleurs exprimé tout court, comme si la nouvelle, inédite, de la démission de l’ensemble des évêques du pays avait assommé la classe politique, plus préoccupée par les manifestations féministes contre la violence de genre qui avaient eu lieu la veille dans les rues de Santiago.

Juan Pablo Hermosilla, l’avocat de trois victimes du père Karadima (M. Cruz, José Andrés Murillo…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

Au Chili, satisfaction prudente des victimes de pédophilie et silence de la classe politique

Il vous reste 41% de l’article à lire

Achetez cet article 2 € Abonnez-vous à partir de 1 €

http:.lemonde.fr/international/article/2018/05/19/satisfaction-prudente-des-victimes-de-pedophilie-et-silence-de-la-classe-politique_5301629_3210.html


18 MAGGIO 2018:NON CE ALTRA……

.

,
18 MAGGIO 2018:NO HAY OTRA…..

-APPENDICE:SU LA STAMPA

L’attrice entra in chiesa da sola (circondata da paggetti e damigelle), Carlo la accompagna per qualche metro. Le prime parole del marito alla moglie: “Sei meravigliosa”
REUTERS
Pubblicato il 19/05/2018
Ultima modifica il 19/05/2018 alle ore 17:56
MARIA CORBI
INVIATA A WINDSOR

«I will». Harry pronuncia il suo sì prima che l’arcivescovo di Canterbury finisca la domanda. È emozionato, guarda Meghan e trattiene le lacrime, con le guance rosse, mentre vede Meghan incedere verso di lui in un meraviglioso abito della designer britannica Clare Waight Keller per Givenchy, con un velo ricamato che le copre il viso e che accompagna in un lungo strascico il suo trionfo.

LEGGI ANCHE Nozze reali, ecco dove Harry e Meghan trascorreranno la loro luna di miele da sogno

“Sei meravigliosa”

La madre Doria Ragland la guarda e piange. La regina sembra accennare un sorriso, Kate Middleton è altera è perfetta come sempre. In Chiesa una folla di nobili, miliardari e star di Hollywood che ascoltano con attenzione (qualcuno con stupore) il sermone di Michael Curry, vescovo della chiesa episcopale in Usa, che parla del potere dell’ amore, l’unica forza che potrà cambiare il mondo. La sua energia invade la cappella di San Giorgio e rompe la tradizione, come anche il coro gospel che intona dopo di lui Stand by me. Come se Meghan avesse costretto la monarchia inglese a fare un salto di centinaia di anni entrando nella modernità. «Sei meravigliosa», «You look amazing», sono state le prime parole che Harry ha rivolto a Meghan al suo arrivo all’altare. Rilassato fino all’ultimo, all’ingresso della sua futura sposa nella cappella di St. George il principe si è lasciato scappare qualche lacrima.

I top e flop del “Royal Wedding” tra il principe Harry e Meghan Markle

Carlo accompagna la sposa

Harry e Meghan sono ufficialmente sposi a Windsor. La sposa è arrivata da sola quasi fino a sotto l’altare, entrando accompagnata da 10 paggetti, tra cui Charlotte e baby George, i figli di William e Kate, solo per gli ultimi metri ha preso sotto braccio il principe Carlo e si è fatta scortare fino dal futuro sposo Harry. Secondo quanto ha comunicato Kensington Palace, sono stati i futuri sposi a scegliere i bambini. Due paggetti e una damigella sono i figli di Jessica Mulroney, la migliore amica di Meghan dei tempi in cui viveva a Toronto, sposata al figlio dell’ex premier canadese Brian Multoney e consulente per lo stile della moglie del premier Justin Trudeay, Sophie.

Meghan sposa “solitaria”, Harry le dice: «Bellissima»

REUTERS

Una folla di fan per il matrimonio

Windsor è assediata da una folla di fan reali già da ieri. In molti hanno dormito qui per non perdere un posto in prima fila. Un entusiasmo che non si ricorda per altri matrimoni reali neanche per quello di William e Kate anche se allora il set era Londra, luogo sicuramente più dispersivo. In ogni caso Harry è amatissimo e anche Meghan inizia a entrare nei cuori della gente.

TUTTI I VIDEO del matrimonio reale

Niente voto di ubbidienza per Meghan

Una nuova Diana, dicono e sperano tutti, tranne la regina. Ma Meghan sempre che non si stufi del protocollo di Buckingham Palace potrebbe superare la maestra e già lo sta facendo imponendo nuove regole. È entrata da sola in Chiesa dimostrando indipendenza, ha dato il braccio a Carlo solo per cortesia e per pochi metri. Non ha pronunciato il voto di ubbidienza e ha convinto Harry a indossare anche lui la fede dopo le nozze, una assoluta novità in casa Windsor perché i principi di casa non devono farlo. Piccole cose, certo ma che dimostrano come Meghan non abdicherà ai suoi principi, alla sua battaglia per la parità di genere e per l’emancipazione delle donne.

Tutto quello che dovete sapere sul “royal wedding” tra Harry e Meghan

Alle nozze di Harry arriva anche l’ex fidanzata Chelsy Davy con Pippa Middleton

D’altronde anche lei in queste nozze ha fatto concessioni importanti, accettando di chiudere il suo blog che poteva diventare imbarazzante e soprattutto cambiando religione. Meghan – figlia di un padre episcopale e di una madre protestante –ha dovuto ricevere battesimo e cresima per sposarsi oggi nella St George Chapel in rito anglicano.

Lo scambio delle fedi e il bacio tra Harry e Meghan

Il rito religioso

L’arcivescovo anglicano di Canterbury, Justin Welby presiede il rito religioso, affiancato dal presule afroamericano Michael Curry, titolare della diocesi di Chicago della Chiesa episcopale, emanazione Usa dell’anglicanesimo, invitato per scelta degli sposi a tenere un sermone. «Dobbiamo scoprire il potere dell’amore, il potere redentore dell’amore e quando lo faremo renderemo nuovo questo vecchio mondo». È questa una citazione di Martin Luther King, che è stata pronunciata da uno dei religiosi che officiano il matrimonio, il reverendo Michael Curry, primo vescovo afroamericano a presiedere la Chiesa episcopale negli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE Nozze reali, dall’eutanasia al palazzo reale: la favola del cane trovatello di Meghan Markle

Meghan sexy in abiti succinti: lo spoti imbarazza i reali prima delle nozze

Il ricevimento per 600 ospiti

Le migliaia di persone che si sono radunate a Windsor per seguire le nozze reali hanno travolto di affetto gli sposi durante la passerella in carrozza lungo la Long Walk. Il duca e la duchessa del Sussex hanno salutato sorridenti le persone comuni che li attendevano e si sono diretti poi al castello di Windsor dove la festa proseguiva con il ricevimento offerto dalla regina per seicento ospiti. La torta nuziale è stata disegnata da Claire Ptak, la maestra pasticciera bio di Violet Bakery: un ripieno fatto con la cagliata di limone di Amalfi, crema di fiori di sambuco e decorazione con burro di meringa svizzero e 150 fiori freschi, tra cui peonie e rose.

LEGGI ANCHE Harry e Meghan per il matrimonio scelgono i confetti di Sulmona

Elton John canta al ricevimento di nozze

In serata sarà poi la volta d’un secondo ricevimento, più selezionato, offerto dal principe Carlo per 200 invitati. Come annunciato, il ricevimento è stato allietato dalla performance di Elthon John. Sarebbe stato il principe Harry a chiedere personalmente al cantante di esibirsi in riconoscimento dello stretto legame con la famiglia.

REAZIONE:MA QUALI BARBARI,SELVAGGI SONO!!!!!!,PER QUELLO SONO CONTRO L’EUROPA,SVEGLIATEVI ITALIANI.

LA VERGINE SANTISSIMA E L’ ARCANGELO CI MANDINO IL SALVATORE,IL RISCATTO.

20 MAGGIO 2018:FRA NOI IL PERICOLO,ITALIA,FRANCIA E..(LIBIA)

-SU LE MONDE:lemonde.fr

Entre l’Italie et la France, la frontière de tous les dangers

Face aux flux de migrants venant d’Italie, la France a accentué les contrôles des clandestins, systématiquement reconduits à la frontière. Cette attitude, renforcée après les attentats de 2015, crée des tensions entre les deux pays.

LE MONDE | • Mis à jour le | Par Jérôme Gautheret (Rome, correspondant)

21 décembre 2017. Ce groupe de migrants se réchauffe près de Nevache (Hautes-Alpes) après avoir franchi la frontière franco-italienne.

21 décembre 2017. Ce groupe de migrants se réchauffe près de Nevache (Hautes-Alpes) après avoir franchi la frontière franco-italienne. SIEGFRIED MODOLA / REUTERS

Ce sont des frontières qu’on imagine paisibles depuis toujours. Pourtant la ligne de partage entre la France et l’Italie a été âprement disputée pendant des siècles. En Europe occidentale, c’est l’une des dernières à avoir été dessinées : elle n’a pris sa forme actuelle qu’en 1947, par le rattachement à la France des communes de Tende et La Brigue (Alpes-Maritimes), ainsi que la partie sud de la vallée de la Roya.

A partir de la fin des années 1940, des ­côtes ligures aux massifs alpins, les divers axes traversant la frontière ont été empruntés par des milliers de migrants économiques venant des régions les plus défavorisées d’Italie du Nord, qui traversaient les Alpes pour apporter en France leur force de travail. Aucune organisation en réseaux, juste une série de parcours ­individuels ; en période de plein-emploi, les forces de l’ordre n’avaient aucune raison de lutter contre cette migration. Puis le miracle économique italien a amené le flux à se tarir, et ces frontières ont cessé d’exister matériellement à la fin du XXe siècle, à la suite des accords consacrant la libre circulation des personnes – l’Italie est entrée dans l’espace Schengen en 1997, deux ans après la France.

Profond ressentiment

L’arrivée massive des migrants sur les ­côtes sud de l’Italie, au début des années 2010, a changé la donne. A partir de 2013-2014, la France, de la même manière que l’Autriche, a accentué les contrôles des clandestins, systématiquement reconduits à la frontière. Une attitude renforcée après les attentats de 2015, qui a provoqué, peu à peu, un profond ressentiment des Italiens pour la France, accusée de ne pas vouloir prendre sa part du fardeau de l’accueil des migrants, alors qu’elle a joué un rôle décisif dans la guerre de Libye – un des facteurs de déclenchement des arrivées massives sur les côtes italiennes.

Localement, ces tensions se manifestent par un surcroît d’activités militantes, de part et d’autre de la frontière, et par…

L’accès à la totalité de l’article est protégé Déjà abonné ? Identifiez-vous

Entre l’Italie et la France, la frontière de tous les dangers

Il vous reste 40% de l’article à lire

Achetez cet article 2 € , Abonnez-vous à partir de 1 € , Découvrez l’édition abonnés

http:.lemonde.fr/international/article/2018/05/18/entre-l-italie-et-la-france-la-frontiere-de-tous-les-dangers_5301184_3210.html

20 MAGGIO 2018:ITALIA,COLPO DI STATO
-TITOLARE LA STAMPA:
.
Lega-M5S: accordo chiuso, lunedì al Colle 
Ecco chi è Conte, possibile nuovo premier 
”Eurozona a rischio se Italia non rispetta impegni”
ANDREA CARUGATI
.
REAZIONE:COLPO DI STATO A FAVORE DI BERLUSCONI CHE RESTA ULTIMO PREMIER ELETTO DIRETTAMENTE DAL VOTO.
COLPO DI STATO PERCHE LA LEGA NON HA I NUMERI PER FARE NESSUN GOVERNO,E PERCHE STO CONTE NON LO HA VOTATO NESSUNO.

LA LEGA SOLO POTREBBE FORMARE GOVERNO CON I SUOI SOCI DEL CENTRODESTRA,CASO MAI AVREBBERO MAGGIORANZA,PERCHE COSI LO HANNO PROPOSTO ALL’ELETTORATO.IL POPOLO ITALIANO NON HA VOTATO NESSUN CONTRATTO M5S-LEGA.QUINDI CORRISPONDE COME BERLUSCONI AVEVA PROMESSO TORNARE ALLE URNE.E ADESSO CHE E’ CANDIDABILE PERCHE NON COMPIE LE PROMESSE?DI MAIO SCEMO CHE IMPRESTA I SUOI VOTI AL CENTRODESTRA.STA SUCCEDENDO COME LE ELEZIONI SCORSE CHE I GRILLINI DIEDERO I SUOI VOTI PER VARARE QUEL PARLAMENTO DELLE LARGHE INTESE:ALLORA QUANDO IL M5STELLE CI DICE CHE E’ ANTISISTEMA SOLO STA PRENDENDO IN GIRO GLI ITALIANI.IL M55S SOLO E’ IL PARAFULMINE DEL SISTEMA E DOVRA ASSUMERSI LE CONSEGUENZE.

RESISTERE,DISSOLVERE LE CAMERE E TORNARE ALLE URNE.

ANCHE IL PD DOVRA PRENDERSI LE SUE RESPONSABILITA STORICHE SUL FUTURO DEL PAESE.E ANCHE MICROSOFT.

PD:IL SOLO SONDAGGIO VALIDO E’ QUELLO DELLE URNE.

PD:NIENTE PAURA LA NUOVA ERA METTERA FINE PRESTO A QUESTO ENGENDRO COME LO HA FATTO CON ALTRI CHE SOLO HANNO TIRATO A CAMPARE: BERLUSCONI,MONTI,LETTA,RENZI E COSI VIA.INMPOSSIBILE GOVERNARE L’ITALIA CONTRO I MERCATI E I MERCATI UBBEDISCONO ALLA NUOVA ERA.ANCHE TU NON CI CREDA.

-APPENDICE:TORNA LO SPREAD

-SU LE FIGARO

Italie:les projets de la coalition populiste inquiètent les marchés financiers

Italy Politics

Le leader du M5S Luigi di Maio,jeudis dans les rues du Rome,Giuseppe Lami/AP

INFOGRAPHIE – Luigi Di Maio, du M5S, et Matteo Salvini, de la Ligue, ont annoncé la conclusion du contrat de gouvernement qui prévoit de s’affanchir de la règle des 3% du PIB imposé au déficit public.

Avant même d’exister, le futur gouvernement italien perturbe les marchés et les investisseurs internationaux. Pour preuve, le taux d’emprunt de la dette de l’État italien ne cesse de monter. Jeudi, le taux d’intérêt à dix ans a atteint 2,17 % à la mi-journée, son plus haut niveau de l’année, contre 2,077 % mercredi soir. Surtout, le spread – …

Cet article est réservé aux abonnés. 85% reste à lire.
http:.lefigaro.fr/conjoncture/2018/05/17/20002-20180517ARTFIG00357-italie-les-projets-de-la-coalition-populiste-inquietent-les-marches-financiers.php

20 MAGGIO 2018:QUESTIONE DI COSCIENZA

MITCH LANDRIEU,SINDACO DI NEW ORLANS, PREMIATO PER ABBATTERE STATUE CONFEDERATE

-SU THE WASHINGTON TIMES:


FILE – In questa foto del 16 giugno 2017, il sindaco di New Orleans, Mitch Landrieu, parla a Washington della corsa in America e della sua decisione di demolire i monumenti confederati nella sua città. Landrieu sarà presentato domenica 20 maggio 2018, … altro>

.
L’ex sindaco di New Orleans Mitch Landrieu ottiene il premio JFK per la rimozione dei monumenti confederati
By – Associated Press – Domenica 20 maggio 2018
BOSTON – L’ex sindaco di New Orleans è stato premiato per la sua guida nella rimozione dei memoriali confederati nella sua città.

Mitch Landrieu sarà presentato con il 2018 John F. Kennedy Profile in Courage Award per aver sostenuto la sua decisione di abbattere quattro monumenti.

La Fondazione Biblioteca John F. Kennedy rende omaggio a Landrieu per aver intrapreso l’azione nonostante le sfide legali e le vere minacce di coloro che insistono nel dire che la Confederazione è una parte importante del patrimonio di New Orleans.

Il nipote del presidente Kennedy, Jack Schlossberg, è programmato per la presentazione di domenica sera. Schlossberg afferma che Landrieu “ha trasformato una questione difficile e controversa in un’opportunità”.

Il premio è stato presentato ogni anno dal 1989 ai dipendenti pubblici che hanno preso decisioni coraggiose di coscienza senza riguardo per le conseguenze personali o professionali.

Copyright © 2018 The Washington Times, LLC.
https:m.washingtontimes.com/news/2018/may/20/mitch-landrieu-receive-jfk-profile-courage-award-r/

20 MAGGIO 2018:23 GIORNI CHE HA SPARITO MICCI.

Annunci

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 361

6 MAGGIO 2018:IL MICCI E’ SPARITO

img011-1521068645.jpg

ANCORA NON SO NIENTE DEL MIO GATTINO,MAI E’ MANCATO TANTO TEMPO,MAI HA DORMITO UNA NOTTE FUORI CASA ED E’  UNA SETTIMANA E UN GIORNO CHE NON VIENE.LE SPERANZE DI TROVARLO CON VITA SONO NULLE MA IO NON SMETTERO MAI DI ASPETTARLO,NON SMETTERO MAI DI CERCARLO,AIUTATEMI,VI RICOMPENSERO.AIUTATEMI A SAPERE O A TROVARLO:VIVO O MORTO.

6 MAGGIO 2018:TROVATO IL NOME DELL’ASSASSINO DI BERLUSCONI,SI CHIAMA FRANCO BERNABE,CONSULTAZIONI

-SU LA STAMPA:ULTIMO MOMENTO

Di Maio apre al governo con la Lega: ok a un premier terzo, ma senza Berlusconi

Il leader M5S pronto al passo indietro pur di far partire l’esecutivo. Ora il nodo è la risposta di Salvini
ANSA
 
Pubblicato il 06/05/2018
Ultima modifica il 06/05/2018 alle ore 23:14

Il Movimento 5 Stelle è pronto a un governo politico con la Lega, guidato da «un premier terzo scelto con Salvini», con un impegno su un programma, ma «senza Berlusconi», e dice no a qualsiasi ipotesi di «governo del presidente». È la linea espressa dal leder politico, Luigi Di Maio, intervistato a In Mezz’Ora su Rai Tre, confermando quanto scritto oggi e un mese fa su La Stampa.

«Se il punto è realizzare cose per gli italiani, fare un programma, e quell’ostacolo è Luigi Di Maio premier, come ho detto scegliamo insieme un presidente del consiglio che non sia io», ha detto rispondendo alle domande di Lucia Annunziata.

I tre punti del programma richiesti da Di Maio per fare il passo indietro sono il reddito di cittadinanza, l’abolizione della legge Fornero e «una legge anticorruzione».

Di Maio ha ribadito di voler arrivare a una soluzione per evitare «un altro algido governo tecnico, che noi non voteremo». Quanto a Berlusconi, Di Maio ha affermato: «Io faccio un passo indietro, Salvini fa un passo indietro, ma c’è un altro che deve fare un passo indietro» riferendosi proprio al leader di Forza Italia. Il leader del Movimento 5 Stelle ha spiegato di avere parlato a Salvini di questa possibilità «un po’ di tempo fa» e ha ricordato che «il dialogo con Salvini non è andato avanti perché c’è il tema del centrodestra».

Ora la palla torna nel campo della Lega, che dovrà esprimersi sulle parole di Di Maio. «Se arrivasse una chiusura – ribadisce il leader politico – il M5S non avrebbe nessun problema a tornare al voto».

Di Maio ha anche provato a giustificare l’uscita di Beppe Grillo sul referendum per l’uscita dall’Euro: «Se il M5s viene escluso dal governo e messo in disparte, è chiaro che si presentano alcune istanze con altri strumenti di democrazia diretta o iperdiretta».

http:.lastampa.it/2018/05/06/italia/di-maio-apre-al-governo-con-la-lega-ok-a-un-premier-terzo-ma-senza-berlusconi-dXY6yN4hcUyiooiIwk65pM/pagina.html
——

-ANNESSO:SU LA STAMPA,”UN MESE FA”

Premier terzo, con la Lega. La via d’uscita di Casaleggio

Dietro l’addio di Giannuli la presa d’atto dell’intesa. Il leghista Giorgetti, che tiene i contatti: opzione possibile, a patto sia un politico

Doppio mandato: la regola resta, lo ha deciso Grillo, in un recentissimo vertice M5S. E questo costringe Di Maio nella posizione di doversi giocare il tutto per tutto in questo giro. Casaleggio intanto attende, facendo in giro discorsi sovranisti in economia, che entusiasmano il mondo leghista

 
Pubblicato il 06/04/2018
Ultima modifica il 06/04/2018 alle ore 08:05
Jacopo Iacoboni

Il Movimento è una macchina in leasing, la guida Luigi Di Maio, ma le chiavi sono nelle mani di un’altra persona, colui che detiene la presidenza della piattaforma online su cui gira tutta la vita di questa forza politica: i dati, gli iscritti, le votazioni online, i link ai social network, le candidature. Ecco, qual è la strategia dell’uomo che ha queste chiavi, Davide Casaleggio, in questa difficile crisi per formare una maggioranza?

Casaleggio jr ripete in questi giorni: «Il Movimento ormai è una forza di governo, e deve governare». È finito il tempo dell’opposizione. In questo c’è una differenza anche caratteriale con Beppe Grillo, che non s’è mai tanto posto il problema di andare al governo, mentre invece Davide marcia in sintonia con Di Maio. Tuttavia, mentre Di Maio gioca il tutto per tutta in una partita ormai solitaria, Davide ha un’altra strada davanti più che buona. Per capirlo dobbiamo seguire tre passaggi.

Il primo è una discussione, avvenuta molto di recente, tra Grillo, Casaleggio jr e Di Maio. Tema: il limite del doppio mandato, la regola fondativa del Movimento, voluta da Casaleggio sr e da Grillo, non amatissima dai leader parlamentari, più volte messa nel mirino (si arrivò anche a proporre di interpretare il vincolo del doppio mandato nel senso di dieci anni pieni nelle istituzioni). Bene, il confronto ha avuto questo esito: la regola del doppio mandato resiste. È stato Grillo in persona a decidere che «questa cosa non si tocca, non possiamo cambiare anche questo». A Casaleggio la cosa torna utile, gli consente di tenere a bada un’eccessiva presa di potere di Di Maio. E qui veniamo al secondo punto.

VIDEO:Di Maio entra alla camera e scherza con il cronista:”il mondo finisce qui”

ANSA

L’irrigidimento di Di Maio in questi ultimi giorni – lui come unico premier possibile – è stato in parte conseguenza diretta della conferma del limite del doppio mandato: Di Maio sa di doversi giocare tutte le sue carte adesso. Anche se ieri, all’uscita dal colloquio con Sergio Mattarella, è parso più flessibile; magari solo per opportunità.

Qui arriviamo al terzo tassello del puzzle: come si muove Casaleggio jr in tutto questo? Attende, senza slanci, molto concreto. Sostiene Di Maio; ma se la situazione si dovesse piantare sul suo nome, la sua consonanza con la Lega ha fatto enormi passi avanti, e lui potrebbe accettare «un premier terzo», indicato da M5S-Lega, ne sono convinti anche dentro il M5S, al di là delle smentite di facciata. Ciò che è solido è l’intesa sua con la Lega. Già c’era un’affinità, storica, tra il Carroccio e Casaleggio sr: Roberto diceva ai suoi dipendenti: «Sapete perché la Lega ebbe il successo che ebbe? Perché era nei bar, all’inizio c’erano quattro gatti a sentire Bossi. Ve lo dico perché uno di questi quattro gatti ero io». Ora la sintonia è evidente anche nei temi.

VIDEO:”Luigi premier?E’ quello che ci hanno detto 11 milioni di elettori”

ANSA

Casaleggio jr sa che i sondaggi parlano chiaro: metà dell’elettorato grillino (il 46%, fonte Demopolis) vuole un accordo con la Lega, solo il 18% col Pd, e appena il 25% vuole tornare alle urne. E fa in giro discorsi sovranisti in economia: in un forum recente a porte chiuse ha proposto in Italia, sul modello francese, la creazione di una Banca Pubblica di Investimento che faccia ordine tra tutte le finanziarie statali locali: «Il nostro Paese possiede già tutte le soluzioni al problema del finanziamento dell’innovazione. Ma il coinvolgimento di attori esteri come advisor, il finanziamento statale di soggetti esteri e gli investimenti all’estero e non in Italia da parte dei fondi istituzionali italiani sono sicuramente parte di questo problema». Musica per Salvini. In più, gira il mondo presentando la piattaforma Rousseau nell’ipotesi che possa diventare commercialmente appetibile anche in altri Paesi, per altri partiti.

Rivelatrice, in questo scenario, l’uscita dello storico Aldo Giannuli, che ha abbandonato il M5S. Giannuli – che era amico di Roberto, ed era davvero interno ai meccanismi dell’azienda, e anche di recente pranzava con Davide – ha osservato: «Il M5s delle origini si diceva “né di destra né di sinistra”, ma in realtà ospitava nel suo seno sia destra che sinistra, oggi quella ambiguità è sciolta e, pur continuando a dirsi né di destra né di sinistra, il Movimento sta imboccando una strada decisamente di destra». Dove, al di là della ricostruzione opinabile, ciò che conta è la sicurezza con cui Giannuli, che sa le cose, ci sta dicendo, assertivamente, che il M5S è andato a destra. Destra significa, qui: intesa di fondo con la Lega.

VIDEO:Il peggior rischio per l’economia italiana e’ in governo tra M5S e Lega

ANSA

L’uomo che più sta tessendo i contatti tra mondo leghista e il mondo milanese del M5S è Giancarlo Giorgetti. L’opzione di una premiership affidata a un terzo rispetto ai due leader di partito, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, in un governo della Lega con i 5 Stelle, «può avere un senso», ha spiegato; a condizione che «la persona che guida il governo abbia una legittimazione da parte degli italiani: non può essere un tecnico o un professore». Non pare possa essere Franco Bernabè, pure stimatissimo, in Casaleggio.

FAITES INTERNES 1:CONTINUATON 360

23 APRILE 2018:MOLISE,LINGUAGGIO E METALINGUAGGIO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

REGIONALI

Molise al centrodestra: Toma vince col 43,5%. Il M5S in calo rispetto alle politiche, Pd al 9%

I risultati Fi ha più voti della Lega. Crollo affluenza di GIOVANNI GAGLIARDI Il commento Zavorre sul governo di STEFANO CAPPELLINI Reportage Dal Friuli nero dall’inviato GIAMPAOLO VISETTI

VIDEO
Berlusconi e la saggezza del pastore molisano: “La vecchiaia arriva” 
Il confronto Risultati nella regione alle politiche
REAZIONE:
1-COME SI PUO DIRE CHE HA VINTO IL “CENTRO-DESTRA” QUANDO IL 5 STELLE HA PRESO IL 38 E IL PD IL 9?
VERO E’ CHE DOVUTO ALLA LEGGE ELETTORALE PRESIDENZIALISTA FATTA ALL’AMUCCHIATA FRA GALLI E MEZZE NOTTI CHI PRENDE UN VOTO IN PIU DIVENDRA GOVERNATORE MA MAI E POI MAI SI DEVE DIRE CHE HA VINTO IL CENTRO-DESTRA.HA VINTO TOMA E BASTA.SE NO,PERCHE NON DIRE CHE HA VINTO IL CENTRO-SINISTRA?CHI HA DETTO CHE IL NOSTRO SISTEMA E’ A TRE GAMBE?NO,SOLO NAPOLITANO LO HA DETTO PERO IN REALTA COME HO GIA SPIEGATO IL M5S E’ IL PARAFULMINE DEL SISTEMA NO LA TERZA GAMBA ANTISISTEMA DI UN SISTEMA A TRE.CHI HA DETTO CHE M5 STELLE E PD NON POSSONO ALLEARSI NEL CENTROSINISTRA?E PROPIO IN QUESTE ORE PER MANDATO DI MATTARELLA CI PROVA FICO A FARLO.(1)
FIN QUI QUANTO RIGUARDA ALLA SEMANTICA POLITICA.VEDIAMO ORA COSA SUCCEDE CON LE AUTONOMIE,IL FEDERALISMO E LA NOSTRA CONSTITUZIONE.

(1)CHI NEGA L’ESSISTENZA DI UN CENTROSINISTRA PARLA DEL M5S COME UN SOPRAVISSUTO DELLA DC CON PRATTICHE DI PRIMA REPUBBLICA.

2-NON MI STANCHERO MAI DI RINFRESCARVI LA MEMORIA CHE LA NOSTRA CONSTITUZIONE NON E’ FEDERALISTA MA CENTRALISTRA,CHE IL POTERE RISIEDE A ROMA,E SI ESSERCITA TRA L’ALTRO TRAMITE LE COMUNI,UNA FITTA RETE CAPILARE DI COMUNI,E CHE IL GOVERNATORE E’ CARENTE DI POTERE REALE,POCO PIU CHE UNA CARICA SIMBOLICA,TRANNE CHE NELLE REGIONI A STATUTO SPECIALE,AUTONOMI?ALLORA,CHE SE NE FREGA SE TOMA HA DIVENTATO GOVERNATORE O NO A SCOPO DELLE ELEZIONI POLITICHE? IL MOLISE NON E’ REGIONE AUTONOMA.
E RISPETTARE LE AUTONOMIE SI DEVE INSEGNARE A SALVINI.LE AUTONOMIE E LA CONSTITUZIONE…(2)

(2)I NOSTRI PADRI COSTITUENTI SONO STATI SAGGI E PER EVITARE PERSONALIMI(STALIN,CIAUCESCU,CASTRO,PIN-YONG-YANG,ECC)E AUTORITARISMI(MUSSOLINI,HITLER,ECC)HA SANCITO UN SISTEMA PARLAMENTARE,UNA ESTESA E INTENSA RETE DI COMUNI E ALCUNE REGIONI A STATUTO SPECIALE.ECCO IL SISTEMA CHE IL CENTRODESTRA E IL COMUNISMO,VOGLIONO ABBATTERE PER UN SISTEMA PRESIDENZIALISTA.

SU QUESTO BERLUSCONI E NAPOLITANO SI SONO MESI DI ACCORDO E HANNO SANCITO LE LARGHE INTESE E UNA PRAXIS POLITICA AUTORITARIA(BERLUSCONI-RENZI)OLTRE CHE IRRESPETTUOSI DELLE AUTONOMIE(AD ESSEMPIO SUL MOUS IN SICILIA) E PARA-FEDERALISTA(LE MACROREGIONI O IL REFERENDUM IN VENETO E LOMBARDIA E LA AUTONOMIA ALLA EMILIA ROMANIA)

.
-APPENDICE:LE CITTA SANTUARIO,IL FEDERALISMO RISPETTI LE AUTONOMIE STATUALI
-SU THE WASHINGTON TIMES:
 REAZIONE:GLI USA SONO UN PAESE FEDERALE,WASHINGTON DEVE RESPETTARE LE AUTONOMIE STATUALI,FIGURIAMOCI IN ITALIA


24 APRILE 2016:NO,LA MAFIA E’ VITTIMA DI BERLUSCONI(E LEGA)

.
REAZIONE:CHI LANCIA QUESTA PROPAGANDA VUOLE INFLUENZIARE LE CONSULTAZONI APROFITTANDOSENE DEI SENTIMENTI DI MATTARELLA CHE HA UN FRATELLO UCCISO IN LITE DI MAFIA,MA E’  VOX POPOLI CHE FRA IL CLAN BERLUSCONI-BOSSI-MORATTI-DELLA VALLE E I CLAN MAFIOSI DEL SUD LA SOLA DIFFERENZA E’ L’APPARTENENZA DI QUESTO ULTIMO AL NORD E LA PRETESA DI SENTIRSI MIGLIORI,CIO’E’, IL SUO EGOISMO.LO HA DIMOSTRATO LA NOSTRA GIUSTIZIA.
AVVICINANDOSI A BERLUSCONI LA MAFIA SI HA RESO LA VITTIMA DEI SUOI SENTIMENTI DISCRIMINATORIE NAZIONAL-FASCISTA E,SOPRATUTTO,XENOFOBI VERSO IL MERIDIONE E IL SUO INTERNAZIONALISMO MIGRATORIO.
DIFFERENZE IDEOLOGICHE FRA BERLUSCONI,SALVINI,BOSSI E LA LEGA NON CI SONO TRANNE QUELLE PARENTALI:E “TUTTU U MUNNU E’ UN PAESE”.

24 APRILE 2017:DUE GIORGIO RICOVERATI IN FRETTA

1-GIORGIO NAPOLITANO

-SU LA STAMPA

Napolitano operato d’urgenza al cuore

Il Presidente emerito della Repubblica ha accusato forti dolori al petto
ANSA

Giorgio Napolitano

Pubblicato il 24/04/2018
Ultima modifica il 24/04/2018 alle ore 23:18
Intervento al cuore per il Presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano dopo che era stato stato ricoverato d’urgenza questa sera al San Camillo di Roma per un problema cardiaco. L’ex capo dello Stato, che ha 92 anni, ha avuto un malore nel pomeriggio, con forti dolori al petto. Dopo una visita del suo cardiologo di fiducia e i primi accertamenti sanitari, ne è stato deciso il ricovero nel reparto del professor Francesco Musumeci per un problema all’aorta. Poi la decisione di intervenire chirurgicamente.

.


25 APRILE 2018:BUON GIORNO DI LIBERAZIONE A TUTTI GLI ITALIANI

25 APRILE 2018:MI RACCOMANDO,LEGGI
.
-SU BUSINESS INSIDER(ITALIA):
.
Macron ha sostituito Merkel come ‘migliore amico’ degli Usa. E per la Germania sono guai

Andreas Baumer,9 ORE,1036
.
In tempi di guerra la Germania da tempo interpreta il ruolo di spalla. Quando gli Stati Uniti hanno bisogno di supporto militare, la cancelliera è l’ultima che viene avvertita. Nel momento in cui Donald Trump era alla ricerca di partner per un raid militare contro il presidente siriano, non ha nemmeno contattato Berlino. Probabilmente a ragione: il governo federale ha deciso in fretta di non partecipare. Già ai tempi dell’intervento in Libia nel 2011 la Germania aveva rifiutato il supporto, così come durante la guerra in Iraq nel 2003. Il Paese è una potenza economica, ma resta ben lontano dall’esserlo sul piano militare.

L’esitazione della politica tedesca ha in realtà ottime ragioni. La Germania ha già causato grandi danni in passato. Inoltre, la maggioranza della popolazione non è a favore di eventuali interventi militari. La questione è anche se il supporto tedesco sarebbe veramente utile a spedizioni mirate: molti esperti come l’ex ambasciatore americano John Kornblum ne dubitano. Nonostante tutto, il più potente degli alleati del Paese, gli Stati Uniti, è sempre meno bendisposto nei confronti della Germania.

——–

Leggi anche: ‘L’asse Francia-Germania non esiste e l’Europa sta imbarbarendo a causa del dominio tedesco’. Intervista con Giulio Sapelli

——–

Tra Merkel e Trump non c’è intesa
Per l’ex presidente Barack Obama Angela Merkel è stata la più importante alleata europea. Ha concluso il suo ultimo viaggio ufficiale con una visita a Berlino, e anche l’ultima telefonata che ha fatto dalla Casa Bianca è stata con la cancelliera. Angela Merkel a inizio 2017 si era guadagnata il titolo di “leader del mondo libero“: quei tempi sono ormai passati.

Donald Trump in Europa si è fatto un nuovo amico, Emmanuel Macron. I due hanno molte cose in comune: scelgono parole chiare, prendono posizioni nette e amano la pompa magna. Macron ha invitato Trump a Parigi per la festa nazionale del 14 luglio. Insieme hanno assistito a una grande parata militare. L’intesa era così perfetta che alla fine non riuscivano a lasciarsi, tanto da staccarsi quasi le braccia a forza di strette di mano. Ancora mesi dopo Trump parlava con entusiasmo della sua visita parigina.

Gli equilibri atlantici sono cambiati. La settimana scorsa, ancora prima di chiamare il Regno Unito, tradizionale alleato, per avere sostegno militare, Trump ha telefonato a Macron. Il presidente francese ha accettato di partecipare all’intervento. Pochi giorni dopo Regno Unito, Francia e Stati Uniti hanno preso di mira i luoghi di produzione di armi chimiche. E per la Germania solo critiche. “La Germania avrebbe dovuto partecipare all’alleanza“, ha scritto su Twitter Richard Grenell, che secondo i piani di Trump dovrebbe a breve diventare il nuovo ambasciatore americano a Berlino.

—TWEET

Richard Grenell

@RichardGrenell

French and British forces join the U.S. in striking Syria for a heinous chemical weapons attack on civilians. Germany should have joined this P3 group, too.

22:10 – 13 apr 2018

1.663

724 utenti ne stanno parlando

 ——–

Merkel, la gelida stratega, è in difficoltà con l’impulsivo presidente americano. Il primo incontro tra i due è stato freddo, si dice. Subito dopo essersi salutati, Trump aveva pubblicato un tagliente tweet di congedo: “La Germania deve alla Nato cifre enormi e gli Stati Uniti dovrebbero ricevere più soldi per l’ampia – e costosa – protezione di cui beneficia la Germania”, ha digitato il presidente, visibilmente arrabbiato.

Merkel debole come non mai
Sempre più spesso Trump insiste sul deficit commerciale dell’America rispetto alla Germania o minaccia dazi nei confronti dell’industria automobilistica tedesca e altre importanti settori economici. Fino a questo momento l’Europa è riuscita a respingere le sanzioni commerciali, ma il prossimo ultimatum sta già per scadere. Entro il primo maggio Trump si aspetta concessioni da parte dell’Unione Europea, altrimenti potrebbero effettivamente entrare in atto i dazi su acciaio e alluminio promessi da Trump. Ci sarebbe di nuovo il rischio di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Europa, un incubo per l’industria tedesca, per cui l’export rimane indispensabile.

Proprio ora che l’economia tedesca avrebbe bisogno di Merkel, il suo influsso sulla politica americana sembra diminuire a vista d’occhio. La cancelliera ha iniziato il quarto mandato indebolita, mai ha avuto tanti problemi a formare un governo. Raramente è apparsa così impotente.

Macron ha colto l’attimo. In Europa ormai la forza propulsiva è lui, non Merkel. È lui che è stato accolto in pompa magna alla Casa Bianca, non la cancelliera. A Washington, Macron tenterà nuovamente di ammorbidire il presidente, per allontanare il rischio di dazi contro l’Unione europea. Macron ha già dimostrato in passato di essere capace, e soprattutto di avere quel che finora è mancato a Merkel nel rapporto con Trump: forza di persuasione e fascino.
.
https:it.businessinsider.com/macron-ha-sostituito-merkel-come-migliore-amico-degli-usa-e-per-la-germania-sono-guai/

-ANNESSO 1:SU BI,ITALIA

‘L’asse Francia-Germania non esiste e l’Europa sta imbarbarendo a causa del dominio tedesco’. Intervista con Giulio SapelliE

*Edoardo Toffoletto

*22/4/2018 6:00:46 AM

Giulio Sapelli. Maria Laura Antonelli / Agf

Su queste pagine abbiamo seguito da vicino gli intrecci degli sviluppi delle relazioni franco-tedesche,dalla candidatura di Martin Schulz nel febbraio del 2017 fino alle elezioni tedesche che hanno ricondotto ad una nuova Grande Coalizione, che il 10 aprile si è riunita nel castello di Meseberg per discutere congiuntamente del programma da seguire nei prossimi mesi: si discute in primo luogo di lavoro e di questioni di sicurezza a livello europeo e di Nato.

Per più di un anno la stampa internazionale ha dato molta attenzione al “motore franco-tedesco” o “asse franco-tedesco”, riponendo in esso grandi aspettative per una ripresa non soltanto economica, ma anche politica del progetto europeo. Tuttavia, ad oggi, gli effetti di tale asse europeo sembrano non avere seguito; e forse, mai ne avranno.

Ci rivolgiamo a Giulio Sapelli, attualmente ricercatore associato presso la Fondazione Eni Enrico Mattei, dopo una lunga carriera tra l’accademia e l’impresa, per orientarci sulle ragioni dell’assenza dell’Europa come attore geopolitico sulla scena internazionale. Tematiche che hanno guidato la ricerca dell’autore nelle sue ultime pubblicazioni da Dove va il mondo? Per una storia mondiale del presente (Guerini e Associati, 2013), Frattali. L’età dell’instabilità mondiale (goWare, 2017), Un nuovo mondo. La rivoluzione di Trump e i suoi effetti globali (Guerini e Associati, 2017) fino alla sua ultima pubblicazione Oltre il capitalismo. Macchine, lavoro, proprietà (Guerini e Associati, 2018), dove l’autore sottolinea l’importanza della biodiversità delle forme d’organizzazione dell’impresa come antidoto contro la tirannia di un capitalismo finanziario, in cui riemergono forme di neo-schiavismo.

Le crisi geopolitiche attuali derivano dal mancato ‘Congresso di Vienna’ post-Urss

Edoardo Toffoletto: Cosa pensa degli attuali rapporti tra Francia e Germania? Soprattutto considerando che l’Europa come soggetto geopolitico, se radicato sul duopolio franco-tedesco, sembra essere in attrito, come lei spesso ricorda, con gli equilibri internazionali retti dalla Nato, dunque come si dovrebbe porre l’Europa come soggetto geopolitico sulla scena internazionale?

Giulio Sapelli: Diciamo che la domanda è mal posta, non perché lei la pone male, ma perché è una domanda che non ha il suo ubi consistam – il suo punto d’appoggio. Perché in Europa c’è un grande squilibrio di potenza, derivato fondamentalmente da due fattori, uno esterno e uno interno all’Europa:

Il primo fattore è che gli Americani, crollata l’Unione Sovietica, non hanno dato luogo a quello che probabilmente Ronald Reagan e Gorbaciov si erano impegnati a fare, cioè un nuovo Congresso di Vienna che sistemasse il mondo; non si può, in effetti, dopo il crollo di una superpotenza, quale era l’Urss, non rimettersi ad un tavolo e definire il nuovo ordine mondiale.

Poliziotti della Germania Est al muro lungo Bernauer Strasse nel settembre del 1961. Edwin Reichert/AP

Nel Pacifico si sarebbero accorti per esempio che la Russia, anche se non c’è più la guerra fredda, con Vladivostok è a 20 chilometri dai confini della Corea del Nord. Ci saremmo potuti evitare la pagliacciata di questi ultimi tempi per la quale si afferma che Kim Jong-Un dipenda dalla Cina, e non si ricorda che il nonno di Kim Jong-Un era un funzionario dell’internazionale comunista. Quindi la Corea del Nord è frutto della Russia e dell’Iran, non ha alcun rapporto con la Cina. Se ci fosse stato quell’accordo internazionale post-Urss, di cui parlo, la Russia, gli Usa e le potenze europee avrebbero forse sistemato questa zona del Pacifico, dato uno status al Giappone, e avrebbero cominciato a fare un accordo di denuclearizzazione, di cui tanto si parla in questi giorni per quanto riguarda l’Iran per arrivare fino alla Corea del Nord…

Kim Il Sung, nonno di Kim Jong Un, nel 1956. Wikimedia Commons

Gli Americani si sono illusi, come spiega bene David Calleo (Follies of Power: America’s Unipolar Fantasy, Cambridge University Press, 2009), di un possibile ordine mondiale unipolare. Con relative appendici ideologiche, come la tesi di Francis Fukuyama, che sosteneva, all’indomani del crollo del muro di Berlino, che il neo-liberalismo dispiegato avrebbe segnato la fine della storia. Gli Stati Uniti sono in preda (sono stati in preda) a un potere dinastico dai Clinton, Bush fino agli Obama, che hanno posto le basi per la distruzione della potenza più grande del mondo: con la finanziarizzazione dell’economia e con l’unipolarismo.

Toffoletto: E il secondo il fattore?

Sapelli: Il secondo fattore, quello interno, si potrebbe dire, è una conseguenza del mancato accordo internazionale post-Urss. Infatti, è per questo che non hanno affrontato il nodo che adesso emerge, e da cui deriva la sua domanda: non ci può essere uno squilibrio di potenza così a favore della Germania in Europa: questa è una cosa cheha sempre provocato guerre. E sostengo, sfidando chiunque all’onere della prova, che la retorica che l’unità europea ha impedito la guerra è falsa. Infatti, proprio questo squilibrio di potenza ha fatto sì che, a 70 chilometri da Trieste, le donne serbe evirassero con delle scatole di conserva i mussulmani, così abbiamo avuto SrebrenicaSe questa non è guerra… questo è avvenuto perché la Germania ha riconosciuto la Croazia dimenticandosi, prima di farlo, che doveva mettersi d’accordo con la Francia e coi russi
Mi ricordo De Michelis (Ministro degli Esteri nei primi anni Novanta ndr) che piangeva davanti a me, che per caso l’avevo incontrato, e che diceva: “guarda un po’ cosa m’hanno fatto questi [i Tedeschi]”; lui, che era un uomo molto intelligente, capiva che l’unica speranza era di fare una grande Jugoslavia. Però i Tedeschi dovevano star fermi, quindi loro hanno macchiato di sangue l’Europa. Naturalmente non col loro sangue, ma con quello degli altri.

Una donna prega nel cimitreo e memoriale di Potocari vicino a Srebrenica, dove sono sotterrate molte delle oltre 8 mila vittime del genocidio perpetrato dall’esercito serbo, comandato da Ratko Mladic, ai danni di civili bosniaci. Matej Divizna/Getty Images

.

Toffoletto: Se l’unità europea non ha portato la pace, in che modo si può pensare oggi l’Europa?

Sapelli: In primo luogo, bisognerebbe partire soprattutto dall’Europa così come è adesso, con questo squilibrio di potenza a favore della Germania, frutto degli errori Americani. In secondo luogo, è sbagliato dire che c’è un asse franco-tedesco: c’è una dominazione tedesca, a cui e contro cui la Francia si leva con grandi contraddizioni al suo interno.

Vediamo la sostanza delle cose. In un paese come la Francia, che è il cuore politico dell’Europa, poiché la Germania sarà il cuore economico, ma quello politico è la Francia, il fatto che 24 milioni di persone non votino, ma ne votino solo 22, non significa che c’è la divisione del popolo francese, ma una profonda divisione nell’establishment francese. Inoltre, ci si dovrebbe soffermare sul primo atto di Macron, il quale, appena nominato, licenzia il capo di Stato Maggiore, de Villiers. Quest’ultimo ha un fratello senatore o deputato, che è un uomo forte del gaullismo, diciamo, sarkosiano, e ancora prima chirachiano. Questi elementi dovrebbero far pensare a qualche cosa: la Francia è terribilmente divisa.

Toffoletto: Per tenere insieme gli elementi dei fattori esterni ed interni che contribuiscono all’assenza dell’Europa come soggetto geopolitico sulla scena internazionale, come si posizionano la Francia e la Germania di fronte agli Usa?

Sapelli: Mentre la Germania si è schierata contro gli Stati Uniti, di fatto, i francesi sebbene non abbiano partecipato all’insulso bombardamento dell’Iraq del 2003, hanno molti legami con gli Stati Uniti: la Francia è una delle potenze più legate agli Stati Uniti, dai tempi di Aristide Briand, quando Pierre Mendès France scrisse negli anni ‘30, quel libro famoso, La Banque Internationale, in cui si prende atto che si deve governare il flusso di capitali con l’accordo degli Stati Uniti; in seguito, Jean Monnet, è l’uomo che de Gaulle usa per avere rapporti con gli Stati Uniti.
Il funzionalismo à la Monnet, che è stato un errore catastrofico, con cui si è unificata l’Europa, né federalista, né confederale, però aveva alla base sempre l’occhio a cosa dicevano gli Stati Uniti.

Quindi l’asse franco-tedesco non esiste. C’è una dominazione tedesca. Inoltre, si deve considerare che la Francia è l’unica nazione europea, forse l’unica al mondo, dove tra stato e nazione c’è una contiguità: dove lo state building si è costruito su una nation building. I tedeschi, figurati… nel 1848 la Prussia fa uno Zollverein – un’unione doganale tra i Länder tedeschi – poi prima del 1870 i tedeschi non esistono. La Spagna durante la guerra di successione spagnola (1701-1714) era spaccata tra Borboni e Hohenzollern. Quindi la Francia è l’unica nazione europea. Ma la Francia è oggi molto preoccupata. Di qui l’Europa chiaramente non può avere alcuna forza per esprimere una volontà coerente sulla scena internazionale.

.

Germania dominante, ma non egemonica perché le manca il potere culturale

Toffoletto: Il dibattito tedesco mostra una certa superficialità quando si tratta di tematizzare le tensioni geopolitiche. Sembra esserci una generale rinuncia al pensiero strategico; anche nell’ambito della ricerca universitaria vi è una sudditanza al pensiero anglo-americano nel senso più deteriore: perfino un rinnegamento della propria storia culturale. Lei cosa ne pensa?

Sapelli: In effetti, l’altra grande questione è la deflazione. La deflazione usata dai tedeschi per mantenere il proprio surplus commerciale, che poi non usano accecati dall’ideologia ordo-liberale. La storia tedesca stessa falsifica l’ipotesi marxista che il centro della società sia l’economia: i problemi legati all’imposizione su scala europea della politica economica tedesca mostrano quanto il problema sia prima di tutto culturale, vale a dire lo spazio simbolico dentro il quale situare l’attività economica. Pur essendo la nazione dominante, non riescono a essere leader, quindi c’è un difetto di egemonia, loro esercitano un dominio, ma non riescono ad avere un potere egemonico, perché non hanno più un potere culturale, come le sue osservazioni dimostrano. L’ultimo che si è accorto di questo è stato Helmut Schmidt, che critica il Governatore della Bundesbank con la seguente osservazione: “Lei pensa che si possa entrare in Europa senza un’idea, con solo l’approccio monetario?”. Questo è quello che è avvenuto.

Toffoletto: Riprendendo questo problema da un angolo prettamente geopolitico, mi ricordo che Der Spiegel si stupiva di quanto la questione dei gasdotti Nord-Stream, in cui l’ex-Cancelliere Gerhard Schröder era invischiato in quanto consulente presso Gazprom, fosse intrinsecamente politica. Il lemma stesso Geopolitik è un tabù, ricordava Lucio Caracciolo su un editoriale di Limes. Come è possibile stupirsi che i rapporti economici, e soprattutto le questioni energetiche, siano eminentemente (geo-)politiche?

Sapelli: Ma la geopolitica per loro significa nazismo, così come anche a livello artistico e culturale, nella stessa Bayreuth, si può osservare nella scenografia la negazione dello spirito wagneriano. Allo stesso modo l’avanguardia nella Repubblica di Weimar diceva di non voler più fare la prima guerra mondiale e poi però è venuto Hitler. E’ un grande pericolo quello di agire rinnegando la propria cultura, come se intrinsecamente connessa con le tragedie del XX secolo, ma di questo non si discute.

Toffoletto: Mi verrebbe da dire che sarebbe meglio che la Germania attingesse nuovamente al suo immenso patrimonio culturale, ridotto spesso alle nozioni di Heimat (Patria), Volk (Popolo) o Geist (Spirito) e reso astrattamente causa degli orrori del nazismo, che su queste nozioni fondava la sua retorica. Paradossalmente, se si pensa a quanti pensatori dell’Ottocento tedesco, da Kant fino a Simmel, hanno immaginato un’Europa come Concerto delle Nazioni, il suo patrimonio culturale potrebbe essere l’antidoto all’ideologia ordo-liberale…

Sapelli: Esattamente la necessità di un’idea d’Europa che esprimeva Helmut Schmidt, la cui mancanza fa emergere il vero problema che è la mutualizzazione del debito. Naturalmente, i tedeschi non la vorranno mai; aggiungiamo che adesso anche l’Olanda si è espressa a sfavore, cioè il paese più internazionalizzato al mondo rispetto al Pil, e che per certi versi è forse più importante della Germania. Inoltre, come si può andare avanti, con un Parlamento europeo che non decide?

Toffoletto: Restano ancora oscure le motivazioni delle scelte di Macron, tra cui l’attacco al funzionariato francese e le privatizzazioni delle ferrovie (Sncf) quando il possibile interlocutore tedesco sta aprendo ad una legislatura segnata da investimenti in infrastrutture.

Emmanuel Macron durante la campagna elettorale. Jean-Philippe Ksiazek/Afp/Getty Images

Sapelli: Mi sono abbonato alla newsletter di En Marche!, la cosa che mi ha più interessato è stata che quando faceva propaganda elettorale, metteva i suoi interventi anche nelle Logge del Grande Oriente di Francia, le quali, tuttavia, lo criticavano aspramente per essere troppo un liberale di destra. La massoneria francese è nota per le sue tendenze socialiste: in effetti, il primo maggio i massoni sfilano dietro Force Ouvrière (terzo sindacato francese) a Parigi. Assieme all’America, la Francia è l’unico paese in cui la massoneria è solidale con il sindacato. Mi sono convinto quindi che Macron esprima una parte del potere francese, legata ad altri circuiti massonici più conservatori, come il Rito Scozzese Antico e Accettato, cioè la massoneria inglese legata alla Casa Reale. Eppure, mi pare che anche lì siano molto divisi. Come si fa a mettersi contro, come sta facendo lui, al funzionariato francese? Ciò non può essere coerente con una visione élitaria del potere, quale è quella massonica. I funzionari francesi non sono soltanto l’asse della Repubblica, ma del potere francese. Neanche Chirac, da plebeo che voleva smontare l’Ena (La Scuola Nazionale di Amministrazione), è riuscito a smantellare la struttura del funzionariato che è uno dei pilastri della potenza diplomatica francese. Macron veramente vuole togliere i privilegi ai funzionari…

Toffoletto: La mossa di attaccare i privilegi dei funzionari, potrebbe essere letta tra quelle “necessarie riforme” per venire incontro alla Germania?

Sapelli: Secondo me, il potere tedesco sta facendo venir fuori il peggio dell’Europa: dai nazionalismi dell’est Europa, ai Paesi Bassi fino a far venir fuori la Spagna castigliana con il suo volto franchista nel modo in cui sta trattando gli indipendentisti catalani. L’Europa sta imbarbarendo a causa del dominio tedesco… tutti questi fenomeni, includendo l’auto-devertebrazione dello Stato francese operata da Macron, non dovrebbero essere compresi come echi del pilota automatico imposto dalla Germania all’Europa?

.

Il futuro dell’Europa è in Africa

Toffoletto: In mezzo a queste scissioni e squilibri di potere, quale sarà il criterio per capire se l’Europa riuscirà a trovare una sua coerenza geopolitica?

Sapelli: Il futuro dell’Europa si misura rispetto all’Africa e il fatto che ci sia un’Europa così divisa è tragico. Si parla di Piano Marshall verso l’Africa, ma come è possibile se stiamo ancora a discutere della mutualizzazione del debito? Abbiamo stanziato 4 miliardi per il Piano Marshall per l’Africa, ma vi ricordate cos’era il Piano Marshall, altro che 4 miliardi, 40.000 miliardi! Per questo bisogna cambiare paradigma rispetto al problema del debito…

Poi i tedeschi ritorneranno in Africa, e lì dovranno essere armati, si parla di riarmo, come la mettiamo con la Nato?

Migranti soccorsi da una nave italiana in attesa di sbarcare al porto di Catania. 21 marzo 2017. Giovanni Isolino/AFP/Getty Images
.
La schizofrenia della geopolitica del regno unito

Toffoletto: Lei ha sempre dato importanza alla Brexit, sottolineandone le profonde radici storico-culturali. Come si situa il Regno Unito nel plesso delle relazioni internazionali?

Sapelli: La questione è qui ancora più complicata. Per un verso la storia così torna al suo posto: l’Inghilterra non ha mai avuto alcun legame con l’Europa, si è semmai sempre preoccupata che non vi fosse uno squilibrio di potenza al suo interno, per esempio a causa dei tedeschi, e quindi creando alleanze con la Francia. Anche il Regno Unito però ora è in una crisi spaventosa: aspirano a ricostituire l’anglosfera tramite un rapporto stretto con gli Americani; però lo vogliono avere contestualmente con i cinesi, con la Cina. Il che non può andare d’accordo. I rapporti simbolici nelle relazioni internazionali, come anche nelle relazioni sociali sono importanti. Il Regno Unito, nella persona della Regina Elisabetta II, non può accogliere con la carrozza reale Xi Jinping: dare a lui quel dono simbolico, avrebbe detto Levi-Strauss, che non ha mai dato a nessuno. E allo stesso tempo, il Regno Unito vuole fare l’anglosfera? Chiaramente è una strategia che confligge con la posizione americana.

Toffoletto: Quali sono le cause della crisi di un paese, il Regno Unito, che ha plasmato con il suo Impero la storia a cavallo tra il XIX e il XX secolo?

Sapelli: Torno un po’ in maniera ossessiva a quello che dicevo prima: il fatto che non si è impegnata anche la Gran Bretagna in quel famoso Congresso di Vienna, che si doveva fare, fa sì che l’Inghilterra abbia perso profondamente il suo ubi consistam. E passa una crisi come quella che passava con il canale di Suez negli anni ’50, quando con la Francia manda i paracadutisti per impedire la nazionalizzazione del Canale di Suez da parte di Nasser. Gli Usa stanno a guardare, appoggiando sottobanco Nasser. Oggi, gli Stati Uniti e gli europei dovrebbero capire che il Regno Unito è in crisi, e invece insistono a continuare a dargli botte – tra Brexit dura, morbida. Le potenze europee dovrebbero capire che si tratta della crisi di un grande paese, che è poi la civilizzazione. Io dico sempre che tre cose hanno portato la civiltà: il cristianesimo, l’Impero Britannico e le multinazionali. Dove sono mancate una di queste tre cose è mancata la civilizzazione, che è una cosa scalare e non circolare come la cultura.

Toffoletto: L’atteggiamento dell’Ue di fronte alla Brexit potrebbe sempre spiegarsi attraverso il tabù del debito?

Sapelli: Sì, si ritorna sempre al feticcio del debito, come criterio ultimo delle relazioni internazionali: la storia ha mostrato che si è andato avanti condonando i debiti, non esigendoli fino all’ultimo centesimo, come l’esempio della crisi Greca ci mostra. La Germania nel XX secolo non è appunto potuta ripartire grazie agli aiuti europei e americani e la cancellazione quasi integrale dei suoi debiti di guerra?

Il leader cinese Xi Jinping. Lintao Zhang/Getty Images

Insomma, l’Inghilterra è in una crisi terribile. Perché la Cina è inaffidabile. Xi Jinping non comanda nessuno. È un pregiudizio illuministico pensare che 60 milioni di comunisti controllino solo con il terrore 1.400.000.000 di cinesi. Nella relazione al Congresso del Partito Comunista cinese, c’è scritto che si devono riportare a casa i capitali esportati. E invece, il mondo è invaso da capitali cinesi: vuol dire che non controllano neanche le shadow bank o le shadow pool, le banche finte. Gli Imperatori – basta leggere Needham, Granet – non hanno mai governato la Cina. E gli Inglesi vogliono avere un’alternativa alleandosi con la Cina? E fanno questo, mettendosi in più contro i russi?

Meno male che almeno è arrivato Trump, benché pieno di contraddizioni, dice almeno che la Cina la deve smettere di inondare il mondo con le sue merci.

.

https:it.businessinsider.com/leuropa-e-il-grande-assente-sulla-scena-geopolitica-e-la-germania-ha-troppo-potere-intervista-con-giulio-sapelli/

-ANNESSO 2:SU BI(ITALIA)

Germania più vulnerabile di tutti ai dazi di Trump

*21/3/2018 7:50:10 AM

iStock

L’industria dell’auto tedesca rischia grosso. Ma Berlino continua a preoccuparsi della disciplina di bilancio degli altri paesi, a partire dall’Italia. E c’è chi pensa a una clausola di espulsione dall’euro.
Forse la Germania dovrebbero preoccuparsi di più dei dazi di Trump e meno di introdurre nei trattati clausole per l’espulsione degli indisciplinati dall’euro, come ha proposto l’economista Clemens Fuest, presidente dell’Istituto di ricerca teutonico IFO dopo l’esito delle elezioni italiane, che ha premiato i partiti ritenuti populisti e euroscettici come M5S e Lega di Matteo Salvini.
GERMANIA A RISCHIO
A leggere quello che scrive Wolfgang Münchau sul Financial Times, infatti, la Germania sta rischiando uno ‘scacco matto in due mosse’ sul fronte che finora l’ha vista stravincere nell’arena economica globale, quello delle esportazioni, che le ha fatto accumulare un surplus stellare nella bilancia commerciale. Secondo il foglio londinese color salmone, la Germania è la più vulnerabile ai dazi di Trump se il presidente americano dovesse passare, come ha annunciato, dalla penalizzazione di acciaio e alluminio che scatta venerdì a misure sulle importazioni di auto.

APPROFONDIMENTO
Misure protezionistiche, il vero rischio da seguire con attenzione

BREXIT AMARA
Il think-tank di Bruxelles Bruegel calcola che una barriera tariffaria del 35% sulle importazioni americane di auto europee costerebbe 17 miliardi di euro l’anno, il grosso a carico della Germania. Se a questo si dovesse aggiungere una Brexit ‘dura’, sarebbero dolori ancora più acuti. Secondo le statistiche più recenti, infatti, se gli Stati Uniti sono la principale destinazione delle esportazioni tedesche, la Gran Bretagna è la seconda, a livello globale.

APPROFONDIMENTO
Vichinghi indifferenti alla Brexit
EXPORT OLD STYLE
A questo si aggiunge un ulteriore problema, che la Germania, per le esportazioni, si è affidata a prodotti arrivate a fine ciclo, come per esempio le auto diesel, destinate a essere buttate nel giro di qualche anno del tutto fuori mercato dall’arrivo delle ibride e delle elettriche. Gli europei, ironizza il FT, potrebbero sempre rispondere con dazi sul burro di arachidi o sul succo di arancio della Florida e della California. Forse non è un caso che la Borsa di Francoforte, da quando il Toro di Wall Street ha pensato bene di tirare il fiato e mettersi seduto, è quella che accusa più duramente il colpo quando gli altri mercati arretrano
.
https:it.businessinsider.com/germania-piu-vulnerabile-di-tutti-ai-dazi-di-trump-2/

26 APRILE 2018:VIOLENZA SESSUALE FRA I LUTERANI DELLA LAPONIA

-SI BUSINESS INSIDER(ITALIA):

Orrore in Norvegia: stupri di massa e violenze sessuali in un villaggio della Lapponia

.
*Luciana Grosso
*29/11/2017 8:32:24 AM

.
Sarebbero circa 82 le vittime di stupro, uomini e donne e molti bambini, e 92 i sospetti carnefici a Drag, nel comune di Tysfjord un villaggio lappone di 2.000 abitanti, nella Lapponia norvegese.L’indagine è arrivata dalla denuncia di undici persone che hanno raccontato di aver subito violenza nel villaggio.

Secondo quanto riporta il Guardian, sarebbero almeno 151 i presunti casi di molestie e violenze sessuali, che avrebbero coinvolto persone tra i 4 e i 75 anni.

Grandissima parte delle vittime, come pure dei sospettati di violenza, farebbero parte della comunità Sami (prima noti come lapponi), gli originari abitanti nomadi – della Lapponia, il cui territorio è suddiviso tra Norvegia, Svezia e Finlandia, e che hanno un’economia basata sull’allevamento della renna.

——-

Leggi anche: Non solo ministri, star del cinema, produttori di Hollywood: le violenze sessuali sono una pandemia globale

———

L’inchiesta della polizia è partita dalla denuncia del  giornale Verdens Gang (VG), che nel 2016 ha pubblicato le testimonianze di 11 tra uomini e donne che affermavano di essere stati aggrediti a Tysfjord, un comune situato sopra il Circolo Polare Artico con meno di 2.000 abitanti.

Alcuni bambini davanti al centro multiculturale Arran a Drag. Tore Meek/AFP/Getty Images

La polizia ha identificato almeno 81 vittime e 92 sospetti, comprese tre donne, alcuni dei quali ricadono in entrambe le categorie.

—–

Leggi anche: Ecco tutte le donne che dicono di aver subito violenza o molestie sessuali da Harvey Weinstein. E i loro raccapriccianti racconti

Circa il 70% di essi fanno parte della comunità Sami, e molti di essi sono anche seguaci del Laestadia nesimo, un movimento conservatore di rinascita luterana che prende il none dal pastore e botanico svedese Lars Levi Læstadius.

Lars Levi Laestadius. Wikipedia
—–

Leggi anche: Perché la gerarchia della chiesa cattolica rende difficile punire i prelati colpevoli di abusi sessuali

—–

Dei 151 casi di violenza sessuale contestati – tra cui 43 stupri, tre dei quali su bambini – più di 100 sono stati prescritti per superamento dei limiti di tempi: alcuni casi risalgono al 1953.

“La polizia non ha motivo di credere che l’etnicità o le credenze religiose siano una spiegazione alle violenze che hanno avuto luogo“, ha detto l’ufficiale di polizia Tone Vangen in una conferenza stampa.

Ma ha sottolineato che alcuni “meccanismi” in questa comunità “hanno reso difficile far emergere delle cose“. Ha detto che alcuni sospetti si sono rivolti alla religione per il pentimento invece che alle autorità giudiziarie.

Tuttavia la donna si è anche scusata per il ritardo con cui la polizia ha agito, anche dopo che erano state presentate diverse denunce.

———

Leggi anche: Scandalo delle foto di soldatesse Usa nude su Internet. Una “cultura dello stupro” che coinvolge militari di tutti i corpi
.
https:it.businessinsider.com/orrore-in-norvegia-stupri-di-massa-e-violenze-sessuali-in-un-villaggio-della-lapponia-e-altri-9-fatti-del-giorno/
REAZIONE:SPERIAMO CHE ANCHE IN FINLANDIA E LA SVEZZIA SI APRANO INDAGINI DEL GENERE DELLA NORVEGGIA.
 E SPERIAMO CHE SI FACCIA COSCIENZA PERCHE LE DENUNCIE VENGANO FATTE FUORI DELLE AUTORITA RELIGIOSI E…….LA POLIZIA NON ABBIA TROPPI RITARDI.
CI DICONO CHE NON CE CAUSALITA FRA ETNICITA E RELIGIONE,MA VI RICORDO COME CI SIA UN FATTORE DI FONDAMENTALISMO RELIGIOSO FRA LA ATTIVITA PASTORILE DEGLI ALLIEVATORI SIA DI RENI CHE DI MUCCHE O PECORE :ABELE PER ESSEMPIO.
.
-ANNESSO:PEDOFILIA,GERARCHIA  CLERICALE,SOCIETA PASTORILI DEL POLO SUD,CASO PELL

 -SU BUSNESS INSIDER(ITALIA,)

.

*Mathew Schmalz*, The Conversation
*20/7/2017 6:00:02 AM

.

23 novembre 2014: l’arcivescovo di Granada Francisco Javier Martinez (terzo da destra) prostrato sul pavimento della cattedrale cittadina insieme ad altri preti per chiedere persono alle vittime di abusi sessuali. -/AFP/Getty Images

.
Il cardinale George Pell, tra i maggiori consiglieri di Papa Francesco, è tornato alla sua nativa Australia il 10 luglio per affrontare delle accuse relative ad abusi sessuali a suo carico. Non sono stati resi noti né i terumini delle accuse né i denunciatori, mentre il cardinale continua ad affermare che si tratta di un “attentato alla reputazione”. Il suo caso sarà dibattuto dalla corte australiana.

Non è la prima volta che la chiesa cattolica è stata coinvolta in accuse di abusi sessuali. (l’ultimo caso è scoppiato proprio in questi giorni e riguarda presunti abusi compiuti sui bambini del coro di Ratisbona, diretto dal fratello dell’ex papa Ratninger ndr.)

Anche se alcune riforme nella chiesa cattolica degli Stati Unitihanno reso obbligatorio ai sacerdoti di riferire i casi di abuso sessuale,nel resto del mondo c’è ancora molto lavoro da fare.

Dal mio punto di vista di studioso della religione cattolica, una delle sfide da vincere per affrontare il problema è la stessa gerarchia ecclesiastica. È ancora difficile far sì che gli alti prelati si assumano responsabilità, sia per i misfatti compiuti da loro sottoposti che per quelli a carico di loro stessi.

La struttura della chiesa

Al vertice della gerarchia della chiesa cattolica c’è il Papa. È considerato il successore dell’apostolo Pietro, al quale Cristo disse: “Sei Pietro, e su questa pietra costruirò la mia chiesa”. Per i cattolici il Papa è la grande “pietra” che garantisce alla chiesa fondamenta saldeIl Papa parla in modo infallibile, “senza errore” dal punto di vista della dottrina. Non è però infallibile quando si tratta di decidere qualcosa di personale, come ad esempio da chi ottenere consigli.

Papa Francesco a colloquio con vescovi e cardinali.
Drew Angerer/Getty Images
.

Al di sotto del papa ci sono i vescovi, che lo servono come i 12 apostoli originari seguirono Gesù.

Ci sono anche i cardinali, designati dal papa: solo loro possono designare il suo successore. I cardinali governano inoltre la chiesa durante la vacanza tra un papa e l’altro. I cardinali sono un livello superiore a quello dei vescovi,quindi non tutti i vescovi sono cardinali. Tutti i cardinali sono oggi vescovi, anche se in passato ci sono state delle eccezioni. George Pell è sia vescovo sia cardinale, oltre ad essere al terzo posto nella gerarchia vaticana.

La struttura gerarchica della chiesa cattolica assomiglia a quella militare, con i suoi alti livelli di controllo sulla sua amministrazione. Nella percezione propria del mondo cattolico, la “chiesa” non è però solo un ente burocratico, ma anche una sacra istituzione voluta da Dio.

I preti e l’obbedienza

I preti occupano il più basso livello della gerarchiaQuando sono ordinati, offrono ai loro superiori i voti di castità, povertà e obbedienza. Normalmente i preti sono soggetti all’autorità del vescovo locale, la cui area amministrativa è chiamata “diocesi”.

Mentre in molte nazioni i sacerdoti sono obbligati sia dalla legge ecclesiastica sia da quella civile a denunciare gli abusi sessuali alle commissioni ecclesiastiche e alle autorità giudiziarie, c’è ancora una cultura del diniego e dell’omertàche impedisce alle accuse di essere pienamente investigate. Un documento vaticano del 1962istruiva i vescovi a mantenere il più stretto segreto nei casi di abusi sessuali, e di considerare l’abuso sessuale, o “istigazione” come una faccenda interna alla chiesa, e non un reato da riferire alle autorità locali.

Malgrado Papa Francesco abbia nominato una commissione con il compito di analizzare i problemi e promuovere la soluzione dei casi piu aretrati, non ha ancora stabilito un protocollo per gestire le accuse di abuso sessuale nella totalità della chiesa cattolica. Ha però indicato delle linee guida per rimuovere dalla loro carica i vescovi che si siano rivelati “negligenti” nel segnalare casi di abuso. Nonostante ciò, vari commentatori sostengono che questi provvedimenti non siano sufficienti.

L’abuso sessuale è ignorato

C’è una lunga storia di protezione dei maggiori leader cattolici dalle accuse loro rivolte di abuso sessuale, e questo è un fatto.

Quando nel 1995 alcune indagini portarono alla luce che il cardinale austriaco Hans Hermann Groeraveva molestato monaci e scolari, questi abusi sessuali furonominimizzati come “ragazzate” dal vescovo Kurt Krenn. Così come fu rivelato che le vittime avessero ricepurevuto denaro in cambio del loro silenzio. Le accuse di abusi sessuali a carico del cardinale Groer furono poi confermate.

Un altro caso, i cui fatti risalgono alla fine degli anni Quaranta, rivelò come Marcial Maciel, il fondatore dell’ordine religioso dei Legionari di Cristo, fosse un molestatore sessuale seriale. Quando furono per la prima volta sollevate le accuse contro Maciel, Giovanni Paolo II le ignorò. Joseph Ratzinger, confidente di Giovanni Paolo II e suo successore, osservò: “Nessuno può mettere sotto processo un amico così intimo del papa”. Anche se Maciel fu infine punito(con la pena della rinuncia a ogni ministero pubblico l’imposizione di una vita riservata di preghiera e di penitenza ndr.) all’elezione di Ratzinger come Papa Benedetto XIV, Maciel evitò di essere incriminato fino alla sua morte, avvenuta nel 2008.

Negli Stati Uniti il cardinale Bernard Law, che durante il suo mandato dal 1984 al 2004 protesse prelati colpevoli di abuso nell’arcidiocesi di Boston, scampò a sua volta alle azioni legaliLaw fu addirittura promosso a capo di una delle chiese più famose del mondo cattolico, Santa Maria Maggiore a Roma.

Segnalazioni scomode

In tutti questi casi, la struttura gerarchica della chiesa non ha favorito che questi alti esponenti del clero fossero consegnati alla giustizia. Quando ai propri superiori si deve la massima obbedienza, la soglia da superare per agire contro questi ultimi è molto alta. I superiori possono, allo stesso modo, proteggere i prelati di grado minore colpevoli di abuso.

Nella chiesa cattolica, la presunzione di integrità va di pari passo con i livelli più alti della gerarchia. È spesso difficile credere che un vescovo possa commettere o coprire un crimine così terribilecome lo stupro o l’abuso sessuale. Inoltre, dato che la chiesa cattolica è un’istituzione divina necessaria alla salvezza, ci sarà quindi anche chi proteggerà ad ogni costo la sua reputazione.

C’è però stato un giro di boa. Il momento chiave che ha portato alle dimissioni del cardinal Law è stata una lettera, firmata da 58 preti, che chiedeva appunto le sue dimissioni.

Un momento decisivo:l’incriminazione di Pell

Il cardinalel George Pell. Alberto Pizzoli/AFP/Getty Images
.

Il compendio della confessione cattolica, “Il Catechismo della Chiesa Cattolica” osserva che la “santità” della chiesa è “reale”, ma allo stesso tempo “imperfetta.” In altre parole, la chiesa è composta da esseri umani, con i loro limiti. Da questo punto di vista il problema non è certo la gerarchia in sé, ma il modo in cui i suoi superiori abusano del potere.

Benché i cattolici siano consapevoli della “umanità” della chiesa, le accuse al cardinal Pell sono state traumatiche per i molti cattolici che si aspettavano integrità dai propri leader.

Il caso del cardinal Pell è un ulteriore esempio di come la chiesa cattolica stia lottando per affrontare l’abuso sessuale nelle sue stesse fila. La sua accusa segna un punto importante, perché si tratta del più alto esponente della gerarchia ecclesiastica coinvolto in accuse penali.

Indipendentemente da come la vicenda si concludeà, credo che la statura internazionale del cardinal Pell possa aiutare, in quanto esempio decisivo, a sviluppare da parte della chiesa cattolica nella sua accezione più globale un approccio coerente all’abuso sessuale.

*Professore associato di Religione, College of the Holy Cross, Worcester, Massachusetts (Usa).

Questo articolo è tradotto da The Conversation. Per leggerlo in lingua originale vai qui
.
https:it.businessinsider.com/perche-la-gerarchia-della-chiesa-cattolica-rende-difficile-punire-i-prelati-colpevoli-di-abusi-sessuali/
.

-ANNESSO 2:PEDOFILIA CLERICALE NEL TROPICO,FATTORE STRUTTURALE,LA REPRESSIONE SESSUALE
.
-SU LE MONDE:lemonde.fr

En Colombie, l’Eglise étouffe les scandales de pédophilie

Les victimes des prêtres ne bénéficient pas du soutien de l’opinion publique et les dénonciations font peu de bruit.

LE MONDE | • Mis à jour le | Par Marie Delcas (Bogota, correspondante)

Pendant la Semaine sainte, en Colombie, en mars 2018.

Pendant la Semaine sainte, en Colombie, en mars 2018. LUIS ACOSTA / AFP

En Colombie, le couvercle tient bien. Les scandales de prêtres pédophiles font peu de bruit. « La diffusion de mon reportage radio sur la situation au sein de l’Eglise de Medellin a suscité, dans une partie de l’opinion publique, une réelle indignation… dirigée contre moi, le journaliste, pas contre les curés pédophiles », raconte Juan Pablo Barrientos.

Diffusé le 21 mars sur les ondes de la radio W, son reportage intitulé « Laissez venir à moi les petits enfants » se penche sur le cas de 17 prêtres accusés d’abus sexuel dans le diocèse de Medellin. Sur les réseaux sociaux, le journaliste se fait traiter de «menteur» et de «pédé». A Bogota, une trentaine de croyants s’enchaînent même au pied des studios de la radio W en signe de protestation.

A Medellin, les paroissiens du prêtre Carlos Yepes sont particulièrement véhéments. Ce charismatique curé a longtemps été chapelain de la préfecture, un poste de pouvoir dans la très catholique Colombie. Aujourd’hui âgé de 36 ans, Hernan Morales affirme avoir été violé quand il était enfant par le père Yepes.

Des pressions du juge

Il a porté plainte en 2011 avant de se rétracter. « J’avais peur », dit M. Morales, en affirmant avoir subi des pressions du juge d’instruction. L’affaire n’a donc pas été jugée. « Hernan est le diable, c’est un malade mental, il veut de l’argent », s’est défendu à la radio le père Yepes. Il demande à la radio W de retirer le programme du Web.

Originaire de Medellin, Juan Pablo Barrientos, qui a passé deux ans au séminaire quand il était jeune, a gardé au sein de l’Eglise des amis et des contacts : « Une mine précieuse d’informations. » Il a mené enquête sur 34 prêtres mais n’a publié que les dossiers les plus solides.

Le père Mario Castrillon a été condamné en 2009 à cent mois de prison pour abus sexuel sur mineurs de moins de 14 ans. Sa peine a été confirmée…

http:.lemonde.fr/ameriques/article/2018/04/25/en-colombie-l-eglise-etouffe-les-scandales-de-pedophilie_5290326_3222.html
.
REAZIONE:NON SOLO LA ATTITUDINE DEI MINISTRI DELLA CHIESA E LE SUE GERARCHIE RENDONO DIFFICILE PUNIRE LA PEDOFILIA CLERICALEI,VI E’ ANCHE UN FATTORE RELIGIOSO STRUTTURALE,SOCIALE,EDUCAZIONALE COME LA REPRESSIONE SESSUALE CHE PORTA A IMPEDIRE LA PUNIZIONE E ALTRE DEVIAZIONI.

.
-APPENDICE:BIPOLARISMO

Wikipedia

Regioni polari

 

Posizione delle regioni polari

Le regioni polari della Terra sono le aree del globo che circondano i poli. L’Artide è definita in vari modi, come ad esempio tutte le terre a nord del circolo polare artico o a nord di 70 gradi di latitudine. L’Antartide è il continentepiù meridionale della Terra, comprendente le terre e i mari che circondano il Polo Sud, tra i 66 e i 90 gradi di latitudine sud.

DescrizioneModifica

Il Polo Nord e il Polo Sud sono i centri intorno ai quali sorgono queste regioni, e queste terre (calotte polari) sorgono rispettivamente sull’oceano e sul continente dell’Antartide. La calotta polare artica sta diminuendo la sua estensione, mentre quella antartica la sta leggermente aumentando; questo fatto è spesso citato dagli avversari della teoria del riscaldamento globale.

Le regioni polari sono caratterizzate da clima polare, temperature estremamente fredde, pesanti glaciazioni ed estrema variazione della luce diurna; l’estate è caratterizzata da 24 ore di sole (il sole di mezzanotte) ed è molto fredda; l’inverno è invece caratterizzato da oscurità permanente e gelo.

Esistono molti insediamenti nelle regioni polari a Nord della Terra, ma nessuna (eccetto le basi per la ricerca scientifica) nelle regioni meridionali, che sono più fredde di quelle settentrionali.

La vita ai poli è molto difficoltosa, a causa del freddo costante. L’unica popolazione che si è stanziata nella regione polare artica (a nord) è quella degli Inuit.

https:it.m.wikipedia.org/wiki/Regioni_polari

.
26 APRILE 2018:NON FAI ONORE ALL’ITALIA
.

REAZIONE:


26 APRILE 2018:FUMO GRIGGIO,AVREMMO GOVERNO M5S-PD
E’ANCORA NEL FORNO MA FATTO,NIENTE PIU ASPETTARE,IL TEMPO E’ FINITO
-AGGIORNAMENTO,27/4/2018:
O PD POST(SENZA)RENZI E LE SUE RIFORME NEOLIBERALI DETTATI DA BERLUSCONI E NATI DAL PATTO  ANTIPATRIOTICO CON  NAPOLITANO E FRANCESCHINI, O MEGLIO NON PERDERE IL TEMPO E ANDARE ALLE URNE GIA.NON SI DEVE CHIEDERE AL PD RINEGOZIARE NIENTE MA UN CONTRIBUTO PATRIOTICO TRADOTTO IN VOTI(DEMOCRATICO QUINDI),UN PICCOLO NUMERO DI VOTI,UNA MANCIATA DI VOTI,PER PORTARE AVANTI IL PROGRAMMA DI DI MAIO.SE CONTINUANO A PENSARE CHE IL PARTITO E’ AL DI SOPRA DELLA PATRIA,O MEGLIO,CHE PARTITO-PATRIA E GOVERNO SIANO COME NELL’URSS,UNA SOLA COSA,ALLORA FUORI,ALLE URNE GIA.NON DIAMO PER IL LORO CONTRIBUTO PIU DI QUANTO NON VALGA.E SE NON SI PUO AVERE UN GOVERNO E CHIUDERE LA STAGIONE DEL CENTRODESTRA,APROFITTIAMO LA OCCASIONE DEL RIVOTO PER RENDERE UN SERVIZIO ALLA NAZIONE:

PENSIONIAMO DEFINITIVAMENTE BERLUSCONI(FI)E PD,TANTO LA LEGA NON GOVERNERA MAI DA SOLA E IL 5S EQUIVALE AL NON-VOTO,SQUAGLIERA ALLA PRIMA OCCASIONE COME L’UKIP DI FARAGE IN GRAN BRETAGNA.
-TITOLARE LA STAMPA:

FESTEGGIAMENTI DEL 25 APRILE
Scontro tra Mussolini e il sindaco di Macerata per il fantoccio del duce
FRANCO GIUBILEI



28 APRILE 2018:CONSULTAZIONI,IL MALE IN AGUATO
LE ELEZIONI POLITICHE NAZIONALI SONO FINITI,IL CENTRODESTRA A PERSO,IL NON VOTO(ASTENSIONISMO PIU M5S),HA VINTO.E SE COSI NON TI PIACE PERCHE NON E’ UNA ESPRESSIONE DI GOVERNO,HA VINTO IL CENTROSINISTRA,CIO’E’ M5S PIU PD POST RENZI.QUESTA ULTIMA FORMULAZIONE ELETTORALE E’ LO SCHIERAMENTO VINCENTE,E QUASI SICURAMENTE PROSSIMO GOVERNO.MA IL CENTRODESTRA INSISTE E PRETENDE GOVERNI SENZA MAGGIORANZE,O ALTRE FORMULAZIONI FACENDO RIAPRIRE LE CONSULTAZIONI CON DI MAIO MENTRE SE INVOCA LE ELEZIONI REGIONALI IN MOLISE E FVG,CHE COME DETTO NON SONO LE POLITICHE NAZIONALI.E PERFINO UNA MARCIA SU ROMA BIS,”SOVERANISTA”,PROMETTE SALVINI MOBILITANDO MILIONI DI PERSONE,ALTRO CHE CONSULTAZIONI IN RETE ALLE BASE M5S E PD.
INSOMMA QUELLO DEL TITOLO.
PD:OVVIAMENTE,LA PROPOSTA PREELETTORALE DI BERLUSCONI DI TORNARE ALLE URNE SE IL CD VINCEVA SENZA MAGGIORANZE ERA SOLO UNA BOUTADE PERCHE AL TRIONFO DEL CENTRODESTRA NON CI HA MAI CREDUTO,SOLO FANFARRONATE PREELETTORALI PER TIRARE SU IL MORALE.


-APPENDICE,29 APRILE 2018:
QUALCOSA HA SUCCESSO AD UN VOSTRO CONOSCIUTO DI QUESTE PUBBLICAZIONI,IL MICCI,IL MIO GATTINO PROTAGONISTA DELL’IMU
A CREBBIO,ABADIA LARIANA,LECCO,PARROCHIA SANTO ANTONIO:E’SPARITO IN CAMPO,A CASA MIA DI MONTEVIDEO URUGUAY ED E’ DA TRE GIORNI CHE NON VIENE A CASA.SONO IDENTIFICATI AGRESORI COLLETTIVI:LA BANDA MATTA GATTI.QUALORA IL GATTO NON TORNI BERLUSCONI SARA RITENUTO PERSONALMENTE RESPONSABILE DEI SUOI DANNI.

-APPENDICE 1:”LA PAGHERA,LA  PAGHERANNO”

-SU REP:

Approfondimento
Governo
Di Maio si arrende e pensa al voto subito: “Il Pd la pagherà”

Il capo politico del Movimento ha risposto a Matteo Renzi con un post sulla sua pagina Facebook e sul blog
COMMENTI
“La pagheranno”, dice Luigi Di Maio, in un post in cui non riesce a trattenere la rabbia. Ha seguito Matteo Renzi in tv interrompendo la tregua che aveva cercato in Sicilia. Dovevano essere due giorni per staccare, si sono trasformati nella fine di ogni illusione. Dopo questo, non ci potrà essere un governo in cui i 5 stelle daranno le carte. Dopo le parole di Renzi, la strada più probabile è quella – chiesta a gran voce da un folto drappello di parlamentari M5…..
https:rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/04/29/news/di_maio_si_arrende_e_pensa_al_voto_subito_i_dem_la_pagheranno_-195144480/
.
-APPENDICE 2:DALLA PIUMA DI BERLUSCONI
-SU IL GIORNALE:

Il Diffamatore e l’Assassino

29 Aprile 2018

La gang degli anti-Berlusconi pensa che l’Italia debba essere il Paese dei (loro) balocchi. Sono solo degli illusi

Alessandro Sallusti

Avete presente quelli che fanno una battuta e la ripetono all’infinito sperando faccia sempre più ridere e non si accorgono che dopo un po’ la gente ride sì, ma di loro? Ecco, il Fatto Quotidiano e Marco Travaglio sono su questa china dell’informazione-barzelletta che fa ridere solo loro. Hanno scoperto che in una sentenza un giudice esprime, al riparo dell’immunità professionale, un proprio parere su Silvio Berlusconi, definendo il Cavaliere un «delinquente». Bene, da allora ogni due per tre piazzano la parola «Delinquente», con la «D» maiuscola perché la classe non è acqua, al posto di «Berlusconi» nel titolo di prima pagina. Lo hanno fatto anche ieri, con «Il Pd preferisce il Delinquente», immaginiamo rispetto a quell’«assassino» di Beppe Grillo nella trattativa per formare il nuovo governo. Con la differenza che mentre «delinquente» è l’opinione non richiesta di un magistrato, «assassino» è un fatto accaduto, confermato con sentenza definitiva dalla Corte di cassazione. Ma andiamo oltre.

Se una persona può essere denigrata in base al contenuto di una sentenza, allora posso sostenere che Marco Travaglio non è un giornalista ma un «diffamatore», avendo lui perso tante cause per diffamazione, soprattutto una in cui aveva dato del mafioso a Cesare Previti e di conseguenza a Berlusconi. Il Diffamatore (D maiuscola per par condicio) secondo una sentenza della Corte europea (a cui fece ricorso sperando di sfangarla), aveva manomesso degli atti giudiziari pubblicando solo la parte che a lui faceva comodo, un po’ come il suo amico carabiniere di Napoli che voleva incastrare il papà di Renzi con intercettazioni taroccate.

Il Diffamatore T. dice anche che bene fa Di Maio a voler mettere le mani su Mediaset, perché è assurdo che un leader politico possegga mezzi di informazione. Nella sua foga accusatrice, il Diffamatore T. scorda che il suo amico Assassino G. (Beppe Grillo, per chi si fosse perso, ndr) e il di lui socio Casaleggio jr sono contemporaneamente proprietari di un partito (i Cinquestelle) e di due siti di informazione (mascherati da blog) tra i più seguiti in Italia. Ovviamente non penso che il Diffamatore T. ritenga questo un pericoloso conflitto di interessi su cui «mettere mano».

Perché il Diffamatore T. e l’Assassino G. pensano di essere i più furbi di tutti, tipo il Gatto e la Volpe di Pinocchio. E che l’Italia debba essere il Paese dei (loro) balocchi. Illusi

http:m.ilgiornale.it/news/2018/04/29/il-diffamatore-e-lassassino/1520575/

REAZIONE:

1-COME MAI IL DELINQUENTE BERLUSCONI CHIAMA I SUOI AVVERSARI COME INTEGRANTI DI UNA GANG?ALLORA NON E’ UN “CONFLITTO DI INTERESSI” MA UN REGOLAMENTO DI CONTI FRA QUELLI DELLA GANG-PRO STATO E IL CLAN DEL DELINQUENTE BERLUSCONI?:”IL GIORNALE” E’ IL GIORNALE DELLA FAMIGLIA BERLUSCONI.

BERLUSCONI E’ UN DELINQUENTE NON PERCHE LO DICE UN GIUDICE IN UNA SENTENZA MA PERCHE…….COME CHIAMERESTI TU UN PROCESSATO AL CARCERE PER DELITTI COMUNI?

2-BERLUSCONI NON E’ UN MAFIOSO?FORSE,PERCHE BERLUSCONI E’ UN NEONAZI CHE NEL SUO RAZZISMO CREDE DI ESSERE DI UNA RAZZA SUPERIORE ALLA (LATINA) DEI POST-FASCISTI COME SALVINI.(A)

3-PAPA E MAMA RENZI SONO,OGGI, VERAMENTE INCASTRATI PERCHE SONO STATI INVIATI A GIUDIZIO PER RICEVUTE FALSE.LASCIAMO STARE STO CARABINIERE PRESUNTAMENTE “NAPOLITANO”.(PERCHE NON E’ LO STESSO SE FOSSE UN COMMISSARIO DEL NORD, “TEDESCO” METTIAMOCI.NON CI TIENE?

4-UN GIUDICE NON PUO CHIAMARE DELINQUENTE AD UN PROCESSATO  PER DELITTI COMUNI E LUI PUO CHIAMARE ASSASINO AD UNO NON CARCERATO?CASO MAI,LASCIANDO LA SEMANTICA DI LATO,DELINQUENTI SONO TUTTE DUE.

5-MARCO TRAVAGLIO E’ UN DIFFAMATORE DI CESARE PREVITI MA NON LO E’ DI BERLUSCONI STANDO ALLA “LOGICA GIURIDICA” DELL’ARTICOLISTA.IN REALTA NON SBAGLIA CON BERLUSCONI NE CON I GENITORI DI RENZI.

6-FA BENE DI MAIO A METTERE MANI SU MEDIASET PERCHE E’ ASSURDO CHE UN “LIDERE” POLITICO ABBIA TANTI  MEZZI DI COMUNICAZIONE,TRA QUI QUESTO GIORNALE CHE STIAMO LEGGENDO.E’ ASSURDO SI CHE IL CLAN BERLUSCONI CONCENTRI SU DI SE UN VERO IMPERO MEDIATICO PRIVATO IN CONCORRENZA CON QUELLO DI STATO,SOPRATUTTO QUANDO LUI CONCENTRAVA ANCHE IL POTERE POLITICO DELLA NAZIONE.IN REALTA SI TRATTA DI UN VERO COLPO DI STATO CON DEVIAZIONE DI FONDI PIU CHE UN CONFLITTO DI INTERESSI.

IL PROBLEMA E’ STATO CHE I MEZZI E IL METODO GIORNALISTICO DI BERLUSCONI SONO DIVENTATI INADEGUATI E OSSOLETI DI FRONTE AI NUOVI MEDIA E I MEZZI DELLA NUOVA ERA,E ALLORA BERLUSCONI HA PERSO L’IMPERO SIA MEDIATICO CHE POLITICO.E LO HA PERSO PER SEMPRE E PER PEGGIORE,BERLUSCONI E’ IL PASSATO CHE NON TORNA.

E NON C’E’ CONFLITTO DI INTERESSI NELL’USO DEI NUOVI MEZZI:IO POSSIEDO 8 BLOG DI GOOGLE CHE SI PUBBLICANO NON SOLO IN TUTTA ITALIA MA IN TUTTA EUROPA E  IN TUTTO IL MONDO ,MA NON SONO PROPIETARIO DI GOOGLE……

QUINDI NON PENSO DI ESSERE PIU FURBO DI NESSUNO,NE MI ILLUDO CON CHE ITALIA EUROPA E IL MONDO DEBBANO ESSERE IL CAMPO DELLE MIE INFLUENZE.SONO SENZA FINE DI LUCRO(MA PAGO L’IMU)
.
(A)ESSERE NATO A MILANO E NON NEL LATIUM,PORTARE LA BARBA,E ESSERE AGRESSIVO E VIOLENTO NON CONVERTE A SALVINI IN ATILA,BE MENO IN UN SUO DISCENDENTE.NO LO ERANO NE ANCHE MUSSOLINI E HITLER CHE NON ERANO MENO VIOLENTO DI LUI.

-ILLUSTRAZIONE:IL GATTO E LA VOLPE(DIFFAMATORE E ASSASINO)DI BENNATO


30 APRILE 2018:IL MIO GATTINO NON HA TORNATO.MANCA DAL VENERDI 27 AL MATTINO.E’LUNEDI MATTINA,QUONDI 3 NOTTI E TRE GIORNI.LE SPERANZE DI TRIVARLO CON VITA SONO QUASI ZERO.NON E’ RANDAGGIO.

30 APRILE 2018:IL MOVIMENTO 5 STELLE NON E’ NUOVA ERA E NON LA REPRESENTA.LA NUOVA ERA NON FA POLITICA.CASO MAI IL M5STELLE SONO SIMPATIZZANTI.

30 APRILE 2018:TITOLARE LA REPUBBLICA

ELEZIONI REGIONALI E GOVERNO

Pd, rivolta contro Renzi dopo stop ai 5s. Martina: “Impossibile guidare partito in queste condizioni”

Franceschini: “Matteo fa il signornò, è ora di fare chiarezza”. L’ex segretario ribatte: “Ho diritto di illustrare le mie scelte”

di PIERA MATTEUCCI e MONICA RUBINO

Elezioni anticipate sempre più vicine. Di Maio a Salvini: “Urne  a giugno”  video

Fvg, a Fedriga il 57%.  Il M5S dimezza i voti Tutti i risultati di ALBERTO CUSTODERO

REAZIONE:SI TORNA ALLE URNE A GIUNIO.

-BUON PRIMO MAGGIO A TUTTI GLI UTENTI LAVORATORI

PRIMO MAGGIO DEL 2018:PELL FINALMENTE PROCESSATO

-SU LA REPUBBLICA:

Abusi sessuali, il cardinale Pell sarà processato per un caso di alcuni anni fa in Australia

Abusi sessuali, il cardinale Pell sarà processato per un caso di alcuni anni fa in Australia

(afp)

A stabilirlo il tribunale di Melbourne dopo 4 settimane di udienze, segnate dall’esame incrociato di decine di testimonianze

 
 .
 Il cardinale australiano George Pell, prefetto della Segreteria per l’economia in Vaticano in congedo, sarà processato per almeno almeno una delle accuse di abuso sessuale.
—–
-VIDEO:Vaticano, Pell: “Respingo totalmente ogni accusa di abusi sessuali. Torno in Australia per difendermi”
392489-thumb-full-pell_sotto2

Lo ha stabilito il tribunale di Melbourne dopo 4 settimane di udienze, segnate dall’esame incrociato di decine di testimonianze. Il porporato, 76 anni, uno degli uomini più centrali della Curia di Roma, si è sempre professato innocente.

LEGGI: Il DISCUSSO “CANGURO” CHIAMATO A RISANARE I CONTI DEL VATICANO

Il giudice di Melbourne Belinda Wallington ha stabilito che ci sono prove sufficienti per un vero e proprio rinvio a giudizio del cardinale australiano. Il porporato è accusato di abusi sessuali ai danni di minori avvenuti tra la fine degli anni Settanta e Ottanta a Ballarat, suo paese di nascita, e tra la fine degli anni Novanta e gli inizi del 2000 nella diocesi di Melbourne, dove Pell era arcivescovo.

I dettagli delle diverse accuse non sono ancora noti ma oltre a quelle che lo vedono direttamente coinvolto vi sarebbero episodi di copertura di altri sacerdoti abusanti e perfino uno stupro. Il giudice si è definito “soddisfatto” con le prove per rinviare a giudizio Pell per una delle accuse, respingendo le altre.


VIDEO:Australia: l’arrivo del cardinale Pell a Sydney

394083-thumb-full-cardinalepell1007

——
http:.repubblica.it/esteri/2018/05/01/news/abusi_sessuali_il_cardinale_pell_sara_processato_per_un_caso-195221906/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-T1
.
-APPENDICE:Pedofilia, il discusso “canguro” chiamato a risanare il Vaticano
.

Il soprannome del cardinale Pell gli deriva dalle origini australiane e dalla capacità di saper lottare se messo alle strette. Decisionista e insofferente della burocrazia romana, nonostante le indagini in Australia per abusi sessuali su minori ha cercato di avocare a sé tutta la gestione dei conti

di PAOLO RODARI

(afp)

CITTÀ DEL VATICANO – Oltretevere lo chiamano il “canguro”, per le sue origini australiane, ma anche per il suo saper lottare se messo alle strette. Per questo Francesco l’ha voluto al suo fianco, non solo affidandogli la segreteria della curia romana, ma anche portandolo dentro il C9, il consiglio dei cardinali che lavora a stretto contatto con lui nella riforma della Chiesa. Ma la domanda che in tanti si pongono oggi è una: ce la farà questa volta? Difficile rispondere.

Di certo c’è che Pell, 76 anni, creato cardinale nel 2003 da Giovanni Paolo II quando era arcivescovo di Sydney e primate d’Australia, proverà ancora a vendere cara la pelle, nonostante la terribile incriminazione: abusi sessuali su minori. Un’accusa che nel pontificato di Francesco, che soltanto ieri aveva mostrato il pugno di ferro con don Mauro Inzoli, l’ex leader di Comunione e Liberazione ridotto allo stato laicale dopo l’accertamento di diversi abusi, fa parecchio male. Pell non si è mai sottratto agli interrogatori e ha sempre negato ogni addebito, ma il congedo concessogli dal Vaticano per tornare nel suo Paese a difendersi dice molto dell’incertezza che grava oggi sulla sua persona.

Da quando è prefetto per l’economia il porporato ha sempre cercato di tenere il più possibile lontane dal lavoro ordinario le notizie provenienti dall’Australia. Ha lavorato con il suo tipico decisionismo, facendosi entro le mura leonine anche parecchi nemici. Le ultime dimissione del revisore dei conti Libero Milone sono una sconfitta anche di Pell, che con Milone stava cercando di avocare a sé ogni gestione sui conti interni di tutti i dicasteri vaticani. Ma l’Apsa, e soprattutto la segreteria di Stato vaticana si sono messe di traverso tanto da portare il membro laico del comparto economico della Santa Sede a fare improvvisamente un passo indietro.

In questa vicenda, come in tante altre, Pell non si è scoraggiato. Come un canguro che non ha mai imparato a fare passi indietro ma soltanto in avanti, ha rilanciato il suo lavoro oltre l’ostacolo non dando retta ai detrattori e a chi, costantemente, ha provato a screditarlo anche agli occhi del Papa.

Il limite di Pell, fino a oggi, è stato quello di non essersi reso fino in fondo conto che la curia romana non è Sydney, non è l’Australia. È un mondo dove l’attivismo e il decisionismo anglosassone devono sapersi contemperare con la lentezza e la burocrazia romana, stanze abituate ad altri ritmi e ad altro stile.

Pell è classificato come cardinale conservatore, amante del rito antico, degli abiti liturgici di pregio. A motivo della sua imponente stazza vola sempre in prima classe, un lusso motivato, a suo dire, da problemi fisici e per il quale non ha mai dovuto giustificarsi davanti a Francesco.

Difficile dire, invece, se i due abbiano mai parlato approfonditamente delle accuse di abusi. Oltretevere, infatti, finché non si dimostra il contrario tutti sono innocenti.

Ma certo la notizia di oggi apre una crepa non da poco. Tanto che in molti pensano che già tempo fa Francesco avrebbe dovuto fare come Wojtyla con il cardinale arcivescovo di Vienna Hans Wilhelm Groër: accusato di pedofilia fu costretto a ritirarsi in un monastero benedettino.
.

http:.repubblica.it/cronaca/2017/06/29/news/pell_il_canguro_decisionista_che_non_batte_mai_in_ritirata-169469227/

-APPENDICE 2:COSI SU CORRIERE DELLA SERA

corriere.it
.
Pedofilia, Pell a processo in Australia Il cardinale rinviato a giudizio
MELBOURNE

1 maggio 2018 – 05:56

L’arcivescovo australiano, già «ministro delle Finanze» della Santa Sede, è accusato di abusi. L‘estate scorsa aveva lasciato il Vaticano per tornare in patria e difendersi. Anche ieri si è dichiarato «non colpevole»

Il cardinale George Pell, 76 anni, all’uscita dall’aula dopo il rinvio a giudizioIl cardinale George Pell, 76 anni, all’uscita dall’aula dopo il rinvio a giudizio

Il cardinale George Pell sarà processato in Australia per abusi sessuali. Lo ha deciso il tribunale di Melbourne. Il porporato australiano, a 76 anni il più anziano funzionario Vaticano coinvolto nello scandalo pedofilia, sarà processato con l’accusa di aver abusato sessualmente di diverse vittime alcuni anni fa. Il magistrato Belinda Wallington ha respinto alcune delle accuse che erano state ascoltate durante l’udienza preliminare di quattro settimane fa, ma ha deciso che ci sono comunque elementi sufficientemente forti da giustificare un processo davanti a una giuria. Quando ha chiesto a Pell come si dichiarasse, il cardinale si è alzato e ha detto con voce ferma: «Non colpevole».

L’applauso del pubblico

Quando il magistrato ha lasciato l’aula dopo aver letto la decisione, molte persone stipate nella galleria del pubblico hanno applaudito. i legali della più prestigiosa figura della Chiesa cattolica australiana, intanto, hanno ribadito alla stampa che si tratta di accuse false, impossibili da provare e quindi da rigettare. Pell, già «ministro delle Finanze» della Santa Sede, era stato accusato lo scorso giugno di aver abusato sessualmente diverse persone nello stato australiano di Victoria. I dettagli delle accuse non sono ancora stati resi noti al pubblico, anche se la polizia hha spiegato che si tratta di episodi avvenuti diverse decine di anni fa.

Il percorso del cardinale

Da quando è tornato in Australia dalla Santa Sede, lo scorso giugno, Pell vive a Sydney ed è volato a Melbourne per seguire le sedute dell’udienza preliminare. Per il cardinale , il processo rappresenta una minaccia alla libertà personale, alla reputazione e alla brillante carriera. Ma il caso ha un valore decisivo per tutto il Vaticano, dopo che papa Francesco ha lanciato l’impegno alla «tolleranza zero» per i casi di abusi sessuali nella Chiesa. Pell era stato ordinato prete a Roma nel 1966, prima di tornare in Australia nel 1971 dove aveva salito tutti i gradini della gerarchia ecclesiastica:nominato arcivescovo di Melbourne nel 1996, poi di Sydney nel 2001, era stato scelto da Bergoglio nel 2014 per dare più trasparenza alle Finanze del Vaticano. I rappresentanti della Chiesa cattolica in Australia oggi lo sostengono senza tentennamenti: «È un uomo specchiato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

http:.corriere.it/cronache/18_maggio_01/pedofilia-pell-processo-australia-cardinale-rinviato-giudizio-vaticano-papa-francesco-21db48d0-4cef-11e8-a1cf-d60abdb1ce87.shtml

REAZIONE:FATE LE CORNA PURE AL CORRIERE DELLA SERA:COSA VUOLE FARCI CREDERE, CHE IL PAPA HA VOLUTO QUESTO PROCESSAMENTO?CHE A ROMA CE TOLLERANZA ZERO E ALLA CHIESA AUSTRALIANA NO?E PERCHE LO HA CHIAMATO A RISANARE I CONTI DEL VATICANO?(1)

NO,PIU TOSTO IL VATICANO ANZI CHE PROTEGGERE I PEDOFILI GLI INVII ALLA GIUSTIZIA CIVILE DEL PAESE DOVE E’ STATO COMESSO IL REATO E DI PROCESSAMENTI CONCRETI COME IN AUSTRALIA NE VEDREMMO DI PIU.IL VATICANO PROTEGGE I PRETI PEDOFILI.

(1)ANCHE TOLLERANZA ZERO A MONSIGNOR RICCA ALLO IOR?

1 MAGGIO 2018:IL MIO GATTINO NON HA TORNATO


1 MAGGIO 2018:CONSULTAZIONI,SI TORNA ALLE URNE IN LUGLIO.

NON SI DEVE PERMETTERE ALLA LEGA,ORA NORD,AVERE L’ULTIMA PAROLA NEL FVG.MAI E POI MAI IL CENTRODESTRA VINCERA UNA ELEZIONE NAZIONALE.

CHIARIAMO:PARLO DELLA SOLITA PROPAGANDA DI SALVINI.PERCHE I GOVERNATORI IN ITALIA COME GIA DETTO,NON AVENDO UN SISTEMA CONSTITUZIONALE FEDERALISTA,SONO UNA FIGURA SOLO DECORATIVA SENZA POTERE REALE MALGRADO GLI INCONSTITUZIONALI REFERENDUM DEL VENETO E LA LOMBARDIA.

2 MAGGIO 2018:TORNARE ALLE URNE,

1-GOVERNO DI TREGUA?NO,E’ UNA NUOVA LARGA INTESA PER SODISFARE BERLUSCONI,MATTARELLA E GENTILONI.

2-TORNARE ALLE URNE SUBITO:OCCORRE MANDARE VIA BERLUSCONI,IL PD DI RENZI(CHE DEMOCRATICO NON E’ MA “TERRORISTA” COME HA DIMOSTRATO LA VICENDA FIORENTINA DI VERDONI),GENTILONI E MATTARELLA.
(LA LEGA?A LIVELLO NAZIONALE NON ESSISTE)


-IL GIORNO DOPO:ARTE MURARIO,IL  MURALE DI BERLUSCONI “CHEZ RENZI”

-SU LA REPUBBLICA:

POLITICA

Renzi porta in salvo Berlusconi sulle spalle: vicino al Nazareno nuova opera di street art

Lo street artist Sirante torna a dire la sua sulla situazione politica. Stavolta lo fa prendendo spunto dall’affresco di Raffaello ‘Incendio di Borgo’, ospitato nei Musei Vaticani, riletto in chiave anti-renziana. Stamattina a largo del Nazareno, a pochi passi dalla sede nazionale del Pd, è comparsa l’opera che raffigura, al posto delle figure raffaelliane, Renzi che porta sulle spalle Berlusconi, e intorno Boschi, Orfini, Verdini. Il lavoro, come già i precedenti, è stato prontamente rimosso ma è lo stesso Sirante a spiegare sulla sua pagina Fb il messaggio: “Da quando Matteo Renzi ha preso la guida del Partito Democratico – scrive – è iniziato un lungo declino che ci ha portato fino ad oggi … a quattro anni dall’innesco, il partito è avvolto dalle fiamme dell’indecisione. L’ex segretario del partito ha governato con plurindagati e pluricondannati ma ora, assumendo finte posizioni etiche, di principio, snobba chiunque gli proponga anche solo un semplice dialogo. Non abbandonerà mai il suo Silvio, non può fare a meno dei consigli di Verdini… Salverà il suo anziano e fedele ‘padre’, il suo fedelissimo Orfini e i soliti vecchi amici?”.

Un suo lavoro era già apparso nei dintorni del Quirinale nei giorni delle consultazioni. Allora a ispirare l’artista era stato il quadro ‘I bari’ di Caravaggio, con i ritratti di Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Luigi Di Maio al posto dei volti dei tre personaggi.

Era invece firmata da Tvboy l’altro lavoro di street art apparso nei vicoli di Roma, il bacio tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, diventato popolarissimo in rete. Anche questo fatto subito sparire per motivi di decoro urbano

http:.repubblica.it/politica/2018/05/03/foto/renzi_porta_berlusconi_sulle_spalle_vicino_al_nazareno_nuova_opera_di_street_art-195408311/1/

REAZIONE:MANCA DUDU

3 MAGGIO 2018:DIESELGATE,

CARCERE AL CEO DEL VOLSWAGEN

-SUL CORRIERE DELLA SERA:

LO SCANDALO EMISSIONI

Dieselgate, ex ad Volkswagen Winterkorn incriminato negli Usa

di Redazione Online

Gli inquirenti: sapeva degli imbrogli della casa sulle emissioni ma ha proseguito con la frode


4 MAGGIO 2018:CAZZATE,IL MIRACOLO TEDESCO NON ESSISTE PIU

.
REAZIONE:CAZZATE NOSTALGICI DELLA DESTRA E LA SINISTRA,OGGI ORO,EURO,MONETE E PETROLEO NON VALGONO PIU NIENTE,HA VALORE LA INTELLIGENZA,LA SCIENZA,LA TECONOLOGIA,CIO’E’GLI INDICI TECNOLOGICI.
QUINDI NON ESSISTE LA RICCHEZZA TEDESCA,NE IL MIRACOLO TEDESCO NE LA EGEMONIA TEDESCA,VALE PIU LA MIA OPERA SCRITTA DI TUTTA LA RICHEZZA MATERIALE ACCUMULATA DAI TEDESCHI TUTTI E DALLA GERMANIA TUTTA.E DI FATTO NOI DALLA NOSTRA ISOLA LA ABBIAMO CACCIATO.

PD:SCUSATE LA REAZIONE FORSE SMISURATA MA CERTE COSE QUALCUNO LE DEVE DIRE
.
4 MAGGIO 2018:CONSULTAZIONI

NIENTE GOVERNO DI TREGUA,NIENTE GOVERNO ECONOMICO,SI DEVE RIVOTARE SUBITO,IN LUGLIO


5 MAGGIO 2018:SENZA VINCITORI
.
-SU LE MONDE:

1-TITOLARE:

A man reads the "Il Messaggero" newspaper in a bar in Rome
image: http:img.lemde.fr/2018/05/04/340/0/3499/1748/312/156/60/0/c92f3fe_MXR05_GLOBAL-MEDIA-_0504_11.JPG

.
Le président italien recevra lundi 7 mai séparément chaque parti pendant vingt minutes pour leur rappeler l’enjeu d’aboutir à un consensus.
Deux mois après une élection sans vainqueur,où en est l’Italie ?

Les tractations sont presque un passage obligé de la politique italienne. Mais cette fois aucune solution de sortie de crise ne semble s’esquisser.

*En Italie,les «égoïstes» du Nord contre les «assistés» du Sud
*Italie:qu’est-ce que le Mouvement 5 étoiles?
*«Le complexe et délétère cocktail de “l’anomalie italienne”»

En savoir plus sur http:.lemonde.fr/#JtqjpgbQfFzuPFu8.99

-NOTA COMPLETA:lemonde.fr

Deux mois après une élection sans vainqueur, où en est l’Italie ?

Les tractations sont presque un passage obligé de la politique italienne. Mais cette fois aucune solution de sortie de crise ne semble s’esquisser.Le président italien recevra lundi 7 mai séparément chaque parti pendant vingt minutes pour leur rappeler l’enjeu d’aboutir à un consensus.

Le président italien recevra lundi 7 mai séparément chaque parti pendant vingt minutes pour leur rappeler l’enjeu d’aboutir à un consensus. MAX ROSSI / REUTERS

Au lendemain de l’élection législative du 4 mars, le quotidien italien Il Tempo avait titré en « une » « Che bordello ! ». Deux mois plus tard, le constat se révèle au moins aussi approprié à la situation du pays, sinon davantage encore.

L’impasse politique est telle que le président italien, Sergio Mattarella, a lancé des négociations de la « dernière chance », lundi 7 mai. La cinquième en deux mois. Comment l’Italie en est arrivée à cette crise politique ? On récapitule.

Que s’est-il passé le 4 mars ?

L’élection du 4 mars – la première depuis la vaste réforme du système électoral italien, baptisée « Rosatellum bis » – a débouché sur une impasse. L’alliance du parti d’extrême droite la Ligue et du parti de droite de Silvio Berlusconi a obtenu 37 % des voix. Un score important, mais insuffisant pour former un gouvernement.

De son côté, le Mouvement 5 étoiles (M5S), nébuleuse populiste difficilement classable sur l’échiquier politique, a obtenu 33 % des votes. Enfin, le parti de centre gauche de Matteo Renzi a subi un revers sans précédent, récoltant seulement 18 % des voix.

Lire aussi :   En Italie, les « égoïstes » du Nord contre les « assistés » du Sud

Que s’est-il passé depuis ?

Comme souvent en Italie les soirs de vote, chacun a sorti sa calculette pour élaborer les scénarios de coalition possible. C’est en effet monnaie courante dans le pays de voir des partis s’associer par pragmatisme, malgré des programmes parfois résolument divergents.

Mais deux mois après l’élection, aucune hypothèse d’alliance ne s’est concrétisée. Le M5S a tenté de s’accorder avec la coalition de droite. En vain, la Ligue de Matteo Salvini n’envisageant pas de prendre ses distances avec son allié Silvio Berlusconi, condition sine qua non pour qu’un tel gouvernement puisse voir le jour.

Le dernier scénario en date, qui prévoyait de former un gouvernement dirigé par le M5S avec l’appui du Parti démocrate (PD), a été sèchement écarté par Matteo Renzi, malgré des désaccords au sein de la formation.

Lire aussi :   Italie : qu’est-ce que le Mouvement 5 étoiles ?

Est-ce si inhabituel ?

Les tractations politiques sont presque un passage obligé de la politique italienne. En moyenne, il faut un mois et demi pour former un gouvernement. C’est le gouvernement Amato de 1992 qui détient – pour l’heure – le record, avec quatre-vingts-quatre jours de négociations, soit près de trois mois. Mais la situation cette fois paraît tout de même particulièrement bloquée, et aucune sortie de crise ne semble s’esquisser.

Comment la situation peut-elle évoluer ?

Le président italien, Sergio Matarella, recevra lundi séparément chaque parti pendant vingt minutes pour leur rappeler l’enjeu d’aboutir à un consensus. Mais il est fort probable que ce nouvel épisode de négociations soit condamné à l’échec.

De son côté, le dirigeant du M5S, Luigi Di Maio, a réitéré vendredi sa demande de nouvelles élections dans les plus brefs délais, constatant le blocage des « partis traditionnels » à son idée de « gouvernement de changement ». Dans un entretien au journal Il Fatto Quotidiano, Luigi Di Maio estime que le scrutin pourrait avoir lieu le 24 juin et réfute l’objection d’un calendrier trop restreint pour permettre le vote des Italiens résidant à l’étranger.

Le leadeur de la Ligue, Matteo Salvani, appelle pour sa part à de nouvelles élections à la fin de l’année, pour donner le temps notamment de modifier le système électoral. La dernière réforme, le Rosatellum bis, avait particulièrement complexifié le scrutin, et est jugée en partie responsable de l’impasse actuelle.

Lire aussi :   Italie : « L’un des pays les plus europhiles est devenu euromorose et eurosceptique »

Le président italien a exclu pour sa part la tenue de nouvelles élections dans l’immédiat. D’autant que les derniers sondages laissent supposer que de nouvelles élections ne permettraient pas de sortir de l’impasse.

Faute d’un accord viable entre les partis lundi, Sergio Matarella soutient la formation d’un gouvernement de transition composé de techniciens, en mesure d’établir avant la fin de décembre le budget 2019. Selon plusieurs journaux, le président Mattarella pourrait nommer dès mardi prochain un chef de gouvernement issu de la société civile, doté d’un mandat limité. Mais pour Luigi Di Maio, l’idée d’un tel gouvernement de technocrates reviendrait à voler au peuple le résultat de l’élection.

Lire aussi :   « Le complexe et délétère cocktail de “l’anomalie italienne” »

Y a-t-il des conséquences à cette instabilité politique ?

Pour l’heure, le chef du gouvernement, Paolo Gentiloni, continue d’expédier les affaires courantes, ce qui limite les effets déstabilisants de cette vacance du pouvoir. Mais cette difficulté à former un gouvernement n’est pas sans conséquence, notamment au plan économique.

Ces dernières semaines, les taux d’emprunt des pays du sud de l’Europe se sont tendus du fait de cette instabilité. « Il y a eu beaucoup d’annonces contradictoires (…) Cette confusion et la perspective éventuelle de nouvelles élections en cas d’impasse a pesé sur les taux d’emprunt italien » et « par contagion sur les autres pays du sud de l’Europe », a relevé auprès de l’Agence France-Presse Daniel Stefanetti, gérant obligataire de la société de gestion luxembourgeoise Ethenea.

Symbole de cette mise en berne de la quatrième économie de l’Union européenne, l’Italie s’est fait dépasser par l’Espagne en termes de richesse par habitants, selon le Fonds monétaire international (FMI). Une donnée imputée notamment à l’instabilité politique du pays.

En outre, les dernières prévisions économiques de la Commission européenne soulignent la nécessité d’un gouvernement disposant d’une majorité au Parlement afin d’entreprendre des réformes jugées nécessaires pour que l’Italie maintienne ses objectifs de croissance. Le vote du budget 2019 est notamment crucial dans ce processus, mais risque d’être intenable faute de coalition parlementaire.

http:.lemonde.fr/europe/article/2018/05/04/deux-mois-apres-une-election-sans-vainqueur-ou-en-est-l-italie_5294600_3214.html

REAZIONE:DOPO DI DUE MESI (DEL VOTO)DOVE E’ L’ITALIA?:

LE TRATTATIVE SONO UN “PASAGGIO(PRESSA POCO CHE)OBLIGATO” DELLA POLITICA ITALIANA……….

MA QUESTA VOLTA NESSUNA SOLUZIONE……
.

.
5 MAGGIO 2018:MICCI SCOMPARSO

MICCI IL MIO COMPAGNO DI TUTTE LE ORE,L’UNICO CALORE DI VITA CHE MI HA ACOMPAGNATO DA 7 ANNI,MICCI L’EMBLEMA E IL DISTINTIVO IDENTITARIO DI QUESTE PUBBLICAZIONI,NON HA TORNATO PIU.NON SMETTERO MAI DI ASPETTARLO,NON SMETTERO MAI DI CERCARLO MA ORMAI MANCA DA UNA SETTIMANA E LE SPERANZE DI TROVARLO CON VITA SONO PARI A ZERO.

TANTE VOLTE SU QUESTE PAGINE HO DENUNCIATO LE AGRESSIONI A LUI E GLI ALTRI MIEI GATTINI E FINALMENTE GLI ASPRI SELVAGGI INTEGRANTI DEL SISTEMA SEMINATORE DI ORRORE HANNO CONCRETATO.OVVIO CHE NON  RESTERO CON LE MANI NELLE MANI E DA ORA RIBADISCO CHE CONSIDERO BERLUSCONI RISPONSABILE PERSONALE DI QUESTA MANCANZA.(1)

SI MI MANCA NON DEVO DIRLO,LA MIA SOFFERENZA E’ UN FATTO PRIVATO MA LA SUA SCOMPARSA NO E QUINDI LA LETTURA DI “IL GATTO NERO” DI EDGAR ALAN POE CHE CONDIVIDO CON VOI MI CONSOLA.LA SUA INFINITA FEDE IN DIO,IL BENE E LA GIUSTIZIA MI PARLA DI SPERANZE.LA COSCIENZA DEL CRIMINE COME FOSSE GUIDATA DALLO SPIRITO SANTO LO HA TRADITO,DELATATO E CIO MI DA FEDE NELLA GIUSTIZIA DIVINA.SOPRA CE QUALCUNO…..
(1)E NATURALMENTE SALVINI.


6 MAGGIO 2018:SOS TERRORISMO,UE,”CHI INCROCIA LE NOSTRE FRONTIERE?”,URUGUAY SOTTO CONTROLLO
.
-SU EL OBSERVADOR:El Observador
.
MUNDO UNIÓN EUROPEA

Uruguayos deberán hacer un trámite previo para entrar a Europa
Mayo 4, 2018 20:15 3’
.
Hasta ahora no se precisaba nada; aprobación será válida por tres años o hasta el vencimiento del pasaporte

AFP
“Debemos saber quién cruza nuestras fronteras. De esta manera, sabremos quiénes viajan a Europa, incluso antes de que lleguen”, decía el presidente de la Comisión Europea, Jean-Claude Juncker, en 2016. Dos años después, se dio a conocer un nuevo requisito que deberán cumplir 62 países para ingresar al espacio Schengen a partir de 2020.

El nuevo trámite se llama ETIAS, y representa el Sistema Europeo de Información y Autorización de Viajes. El formulario para tramitarlo, que estará disponible online, someterá al solicitante a un control de seguridad detallado. Con ello se determinará la entrada o no a cualquier país perteneciente al acuerdo Schengen, firmado en 1990. Este acuerdo se firmó para abolir, de forma gradual, las fronteras entre países europeos, y controlar más exhaustivamente las fronteras exteriores.

Con ETIAS, los países que lo exigen buscan asegurarse de que aquellos que no necesitan una visa para viajes de 90 días de máxima duración no supongan un riesgo para la seguridad. La página oficial de Schengen asegura que la futura implementación de ETIAS se debe a “los recientes problemas en torno al terrorismo y la crisis migratoria” que “reclaman una mejor gestión de las personas que acceden a las fronteras de la Unión Europea”.

Lea también: Alemania, Francia y Reino Unido piden a la UE que actúe frente a medidas de EEUU

Los países miembros de Schengen afirman que ETIAS reducirá los problemas de seguridad mediante sus sistemas de recopilación de datos e de información. El sistema podrá denegar el acceso a personas que supongan un riesgo para los países.

Además, ETIAS busca reducir los trámites y períodos de espera, mejorar la gestión de las fronteras de los países de la UE, contribuir a la detección y reducción de crímenes y terrorismo, prevenir la migración irregular y complementar la política de liberalización de visados de la UE.

El espacio Schengen apunta a que el sistema electrónico de ETIAS sea sencillo de utilizar y el trámite se pueda realizar de manera rápida. Completar el formulario de solicitud llevará unos 20 minutos y exigirá datos básicos como nombre, apellido, fecha y lugar de nacimiento. Se le preguntará al solicitante algunos datos sobre su ciudadanía, domicilio, correo electrónico y número de teléfono, así como su formación y experiencia laboral. Habrá preguntas vinculadas a condiciones médicas y anteriores denegaciones de entrada a otros países, así como antecedentes penales. Finalmente, se preguntará sobre los motivos del viaje a Europa y posible parentesco con ciudadanos de la UE.

El costo de ETIAS será de 7 euros para mayores de 18 años. Los menores de edad no deberán pagar ningún costo. Su aprobación por parte de las autoridades competentes será válida por tres años o hasta el vencimiento del pasaporte.

Lea también: La Unión Europea acude a la OMC por aranceles de EEUU

En caso de que a una persona se le deniegue el requisito, podrá apelar a esta decisión o al motivo en el que se base su denegación, para volver a tramitarlo.

Para hacer uso de la autorización de viaje ETIAS, la persona deberá iniciar su visita a Europa en el primer país que indicó en su solicitud. Una vez haya accedido al primer país, podrá visitar cualquier otro del espacio Schengen durante 90 días.

Países de Latinoamérica a los que se les exigirá ETIAS
Argentina
Brasil
Chile
Colombia
Costa Rica
El Salvador
Guatemala
Honduras
México
Nicaragua
Panamá
Paraguay
Perú
Uruguay
Venezuela
.
https:.elobservador.com.uy/uruguayos-deberan-hacer-un-tramite-previo-entrar-europa-n1228503
.
REAZIONE:ANCHE USA IN QUESTI GIORNI HA IMPLEMENTATO CONTROLLI FERREE PER CHI INGRESA DA QUESTO PAESE MA A DIFFERENZA DELLA UNIONE EUROPEA NON E’SENZA FINE DI LUCRO E GLI URUGUAYANI CHE VOGLIONO INGRESSARE IN AMERICA DEVONO DIMOSTRARE QUANTIOSE POSESSSIONI IN VALUTA.

6 MAGGIO 2018:NO,SI DEVE TORNARE A VOTARE

-TITOLARE LA STAMPA:

6 Maggio

L’ipotesi del Colle, premier donna e una squadra di ministri super competenti
Di Maio, ultima offerta a Salvini
fabio martini, ilario lombardo
.
REAZIONE:NE UNA COSA NE L’ALTRA SI DEVE TORNARE AL VOTO.NON CREDO AI SONDAGGI,NON TEMO A RIMONTA DEL CENTRODETRA A LIVELLO NAZIONALE,HO FIDUCIA NEL POPOLO ITALIANO,E COME GIA HO DETTO IN ULTIMA RATIO SERVE SBARAZZARSI DEFINITIVAMENTE DI FI E PD,DI BERLUSCONI E RENZI.LA LEGA MAI E POI MAI VINCERA ELETTORALMENTE A LIVELLO NAZIONALE.

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 359

2 APRILE 2018:A BARDONECCHIA
.
-SU LA STAMPA:
LaStampa.it ITALIA
SEZIONI
Lungo la nuova rotta dei disperati dove i gendarmi dettano legge u “Siamo in Italia, ma comandano loro”
I volontari denunciano gli abusi: pUò“Operano senza autorizzazioni” La rabbia dei valsusini: in piazza chiedono i documenti anche a noi.

LAPRESSE
Al confine La presenza degli agenti della Gendarmeria è frequente a Bardonecchia. I mediatori culturali raccontano che alcuni minori sono stati respinti alla frontiera: «Un atto contro ogni accordo internazionale di protezione»
.
Pubblicato il 01/04/2018
Ultima modifica il 01/04/2018 alle ore 14:00
LODOVICO POLETTO
INVIATO A BARDONECCHIA
Dicono che a primavera, e con il disgelo, la montagna regalerà brutte sorprese. E che da sotto la neve ridotta in poltiglia affiorerà il corpo di chi non ce l’ha fatta ad attraversare il confine inseguendo il sogno della Francia. E dicono anche che l’incidente dell’altra notte con la polizia francese non è certo una novità.

Non nel senso che gli agenti sono entrati altre volte a controllare i migranti della stanzetta del Comune di Bardonecchia accanto all’ingresso della stazione, dove operano medici e volontari di Rainbow for Africa. E allora che cosa significa non è un caso unico? Moussa, il senegalese che fa da mediatore culturale in quelle tre stanze si rolla l’ennesima sigaretta e, con calma, spiega che: «Quelli fanno ciò che vogliono. Sui treni e alla frontiera. Rimandano indietro la gente anche se ha soldi e documenti a posto». E ancora: «Fanno come fossero loro i padroni di casa. Molto duri, con pochissima umanità».
——–
Bardonecchia, il sindaco: un errore il blitz dei gendarmi


-VIDEO NON RIPORTATO
———-
La frontiera invisibile

Bardonecchia, vigilia di Pasqua, dodici ore dopo l’irruzione che è diventata un caso diplomatico, è un paese che si sveglia con il sole. Sciatori sulle piste, seconde case con le tapparelle alzate, auto, parcheggi impossibili e il solito affollamento dei periodi di festa. Questa è la terra dove Francia e Italia si fondono, dove lo frontiere – se non conosci il territorio benissimo – diventano ipotesi sulle quali ognuno può dire la sua. E il piazzale davanti alla stazione è un non luogo nel quale i furgoni bianchi con la banda tricolore della Gendarmeria vanno e vengono tutto il giorno e scaricano migranti fermati alla frontiera. «Fanno tutto ciò che vogliono» insistono davanti alla stazione. Chi? I gendarmi? «Tutti, anche le dogane». E così accade che alle undici del mattino i tre agenti francesi appena scesi dal treno in arrivo da Modane, per il servizio di pattugliamento e controllo viaggiatori tra Italia e Francia, chiedano i documenti anche a chi sta in piazza: «S’il vous plait». Italiani. Non migranti. Ma questo è territorio italiano e le persone a cui lo domandano non sono scese dal treno. «Fanno sempre così, con tutti» raccontano al bar davanti alla stazione. Operano in modo indipendente in una sorta di attività extraterritoriale condotta in autonomia, cioè senza l’appoggio delle autorità italiane. Che sarebbe indispensabile. Perché, se non c’è, è un abuso.
—–
Greppi: “Se l’Italia non ha dato il consenso preventivo una violazione del diritto internazionale”

-VIDEO NON RIPORTATO
—–
Le intimidazioni

Lo dice alle due del pomeriggio anche Edoardo Greppi, docente di diritto internazionale all’Università di Torino che, ancora con addosso la tuta da sci si presenta davanti alla stazione per capire cos’è accaduto. «Non è scoppiata la terza guerra mondiale, certo. Ma un abuso c’è stato e i contorni sono tutti da definire».

Lo ribadisce il sindaco Francesco Avato, dopo che quelli di Rainbow for Africa hanno denunciato sul web ciò che accaduto l’altra notte. Dopo che Moussa ha spiegato ai microfoni che quando gli agenti sono entrati con quel ragazzo al loro seguito erano decisi. E lei Moussa che cosa ha fatto? «Ho detto che non potevano e sa che cosa mi hanno risposto? Hanno messo il dito davanti alla bocca, così. E mi hanno detto di stare zitto. Cioè che loro potevano fare ciò volevano».

Le accuse dei mediatori

Quando cala la sera su Bardonecchia nevica. La polizia francese non si vede in paese dalle tre del pomeriggio. Poi parli con quelli che si occupano di migranti e saltano fuori mille altre storie che puoi trovare solo in questa terra di mezzo, dove i temi dell’immigrazione si confondono con la convivenza, dove i ruoli non sono mai netti. Dove le norme sono sempre e comunque interpretate. E le storie che circolano in paese andrebbero chiarite fino in fondo. Come quella che raccontano ancora i mediatori: «I minori vengono respinti alla frontiera. In barba a ogni accordo internazionale di protezione dei più piccoli». Conferma Avato: «Lo sappiamo, ne abbiamo sentito parlare». Ma se ci fossero dubbi sulla effettiva età dei migranti? «Deve comunque prevalere la protezione della persona. Quindi prima l’accoglienza, poi tutto il resto».
——
Il testimone: “La gendarmeria francese ha fatto irruzione armata”


LAPRESSE
-VIDEO NON RIPORTATO
——
E salta fuori di nuovo la storia di Beauty, malata di linfoma in fase terminale, incinta di sette mesi, morta dopo essere stata respinta alla frontiera e subito dopo aver dato alla luce il figlio, grazie all’impegno e agli sforzi dei medici dell’ospedale Sant’Anna di Torino. «Un altro abuso, un’altra cosa che i doganieri francesi non potevano fare» insistono i volontari. A Briançon, appena oltre frontiera, storcono il naso i gendarmi. E il giornale locale dice che non è andata così. Che è stato fatto tutto secondo la legge. E Bardonecchia si prepara per un’altra serata di neve e di gelo. Di migranti che arrivano. Di polemiche. Di confini fisici e legali che si confondo, si mescolano, non si capiscono più.
Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

http:.lastampa.it/2018/04/01/italia/cronache/lungo-la-nuova-rotta-dei-disperati-dove-i-gendarmi-dettano-legge-siamo-in-italia-ma-comandano-loro-DGOpc7FFLjvxCg51LoWm1M/pagina.html
—-
-A BARDONECCHIA 2,AGGIORNAMENTO
.
-SU LA STAMPA:
.
lastampa.it

 Blitz della Gendarmerie a Bardonecchia, la dogana francese sospende i controlli
Gianpaolo Sarti

Italia e Francia sull’orlo di una crisi diplomatica, come non accadeva da anni. E ancora una volta lo scontro si consuma sul tema dell’immigrazione, o meglio sul controllo della frontiera comune. A scatenare l’ira del governo e l’indignazione della politica italiana tutta è stato il «blitz» di doganieri francesi avvenuto venerdì scorso in una sala della stazione di Bardonecchia, dove opera l’ong Rainbow4Africa, per effettuare un test delle urine a un nigeriano, immigrato regolare fermato sul treno Parigi-Milano e sospettato di traffico di stupefacenti.

«L’Italia è una nazione sorella. Mi recherò lì nei prossimi giorni per discutere con le autorità italiane dell’incidente alla stazione di Bardonecchia. Nell’attesa ho chiesto alla dogana francese di sospendere i controlli». È questo l’annuncio fatto via Twitter dal ministro francese dei Conti pubblici Gérald Darmanin.

Ospite della trasmissione Le Grand Jury di Rtl-Le Figaro-Lci, Darmanin non si è scusato per l’accaduto. Rispondendo alla domanda se intendesse presentare «le sue scuse» all’Italia, ha risposto: «No. Dobbiamo delle spiegazioni, l’Italia è un Paese fratello, una nazione sorella evidentemente» e «mi recherò in Italia nei prossimi giorni per spiegarmi direttamente, se necessario, con il governo italiano».

LEGGI ANCHE Blitz dei gendarmi a Bardonecchia, la Farnesina convoca l’ambasciatore francese: “Atto grave, a rischio gli accordi transfrontalieri”

L’incontro in Farnesina

«Un atto grave», tuona la Farnesina dopo che nel pomeriggio di sabato ha convocato l’ambasciatore francese in Italia, Christian Masset, per esprimergli «la ferma protesta del governo italiano sulla condotta dei doganieri, ritenuta inaccettabile». Roma reagisce, dunque, con «conseguenti e immediati effetti operativi sul concreto funzionamento della sinora eccellente collaborazione frontaliera». A ricevere l’ambasciatore è stato il direttore generale per l’Unione europea, Giuseppe Buccino Grimaldi, che al collega francese ha anche manifestato «il disappunto per l’assenza di risposte alle nostre richieste di spiegazioni». La Farnesina deve infatti aver giudicato insufficiente la ricostruzione di quanto avvenuto al confine, fornita dal ministro per l’Azione e i Conti pubblici francese, Gerald Darmanin, con un comunicato: secondo Parigi, i doganieri francesi a Bardonecchia hanno agito legittimamente in territorio italiano, «in virtù di un accordo sugli uffici a controlli nazionali abbinati del 1990, nel rispetto della legge e delle persone». Una spiegazione considerata «non soddisfacente e inesatta», però, anche dal Viminale che starebbe valutando l’opportunità di sospendere le `incursioni´ del personale di polizia e doganieri francesi in Italia.

LEGGI ANCHE Lungo la nuova rotta dei disperati dove i gendarmi dettano legge “Siamo in Italia, ma comandano loro”

—–

Il testimone: “La gendarmeria francese ha fatto irruzione armata”

https://players.brightcove.net/4235717405001/default_default/index.html?videoId=5761450906001

Bardonecchia

—–

Le due versioni a confronto

Secondo la versione del ministro francese, inoltre, in base allo stesso accordo, il locale della stazione di Bardonecchia usato per fare il test delle urine al nigeriano «con il suo consenso scritto», «è a disposizione della dogana francese» e «da qualche mese concesso anche all’associazione di aiuto ai migranti». Gli agenti avrebbero quindi chiesto la possibilità di accedere al bagno, «cosa che è stata loro accordata». Ma la Farnesina replica che le dogane francesi erano state «messe al corrente» che quei locali della stazione, «precedentemente accessibili ai loro agenti, non lo sono più», proprio perché ormai occupati dall’ong. Proprio su questa questione, era già stato previsto un incontro per il 16 aprile alla prefettura di Torino.

Abuso d’ufficio

Ed è anche la procura di Torino a voler fare luce su quanto accaduto al confine, con l’apertura di un fascicolo a carico di ignoti, perché non si conoscono le generalità degli agenti. I reati sono abuso in atti di ufficio, violenza privata e violazione di domicilio. Si sta valutando anche l’eventuale sussistenza del reato di perquisizione illegale.

—–

LEGGI ANCHE Blitz a Bardonecchia, la Procura apre un’inchiesta

—-

Bardonecchia, il sindaco: un errore il blitz dei gendarmi

https://players.brightcove.net/4235717405001/default_default/index.html?videoId=5761407516001

.lastampa.it

——

http:.lastampa.it/2018/04/01/italia/cronache/blitz-della-gendarmerie-a-bardonecchia-la-dogana-francese-sospende-i-controlli-gExATJNfPBOG3pJ7JNSzvO/pagina.html


-A BARDONECCHIA 3:

-SU LA REPUBBLICA:
Repubblica.it
TORINO CRONACA
La Francia insiste: “A Bardonecchia non c’è stata violazione della sovranità italiana”

.
Il prefetto Torino Saccone in Valsusa per ringraziare i volontari della Ong: “Fate un ottimo lavoro”
di CARLOTTA ROCCI
02 Aprile 2018
.
La Francia non cambia atteggiamento sulla vicenda di Bardonecchia: “Non c’è stata nessuna violazione della sovranità italiana, solo un stretta applicazione dell’accordo del 1990 che consente di effettuare da una parte e dell’altra delle frontiera dei controlli”: lo ha ribadito il gabinetto del ministro dell’Azione e dei Conti pubblici, Gerald Darmanin. Un parere che era già stato espresso sabato ma che non aveva soddisfatto la Farnesina che ha deciso di sospendere la possibilità per gli agenti francesi di intervenire sul suolo italiano. In settimana, si è appreso, il direttore generale delle Dogane francesi, Rodolphe Gintz, sarà in Italia per incontrare il suo omologo italiano e “ripristinare l’accordo, ora sospeso”.

Secondo il gabinetto del ministro Darmanin, anche lui atteso a Roma (la data non è stata ancora stabilita), gli “sconfinamenti per controlli”, previsti dall’accordo del 1990 sia da parte francese sia da parte italiana, sono “frequenti”. Ne avvengono “in media uno o due al mese, compresi quelli nei locali in questione”, cioè la stazione di Bardonecchia. Inoltre, precisano le fonti, “in questo caso non si trattava di un controllo migratorio ma di una ricerca di stupefacenti”.

Per il ministro Darmanin, che ha chiesto dal Direttore delle dogane di recarsi al più presto in Italia, “gli incontri dovrebbero consentire la ripresa dell’accordo di cooperazione doganale in tutti i suoi punti, compresa l’utilizzazione del locale nella stazione di Bardonecchia”. Il gabinetto del ministro ha precisato anche che “non si ricordano finora incidenti” del genere nell’esecuzione dell’accordo tra Francia e Italia e che proprio la logica dell’intesa vuole che tali, previsti, sconfinamenti possano avvenire “senza la necessità di avvertire i doganieri dell’altro paese”. “Il fatto che il locale sia stato di recente messo a disposizione di una ong non cambia in nulla il fatto che resta a disposizione dei doganieri francesi”.

Oggi intanto è salito a Bardonecchia il prefetto di Torino: “Sono stato a Bardonecchia per portare il mio saluto al sindaco e a chi opera nella saletta vicino alla stazione” spiega il prefetto Renato Saccone che questa mattina ha incontrato il sindaco Francesco Avato, i mediatori culturali del Comune e i volontari di Rainbow4Africa. “Ho voluto ringraziare gli operatori e i volontari del centro per l’ottimo lavoro che stanno facendo la saletta della stazione, un progetto che nasce dalle Istituzioni ed è gestito dal comune di Bardonecchia”, così ancora il prefetto Saccone.

La visita del prefetto è stato un incontro istituzionale dopo i fatti di venerdì quando un gruppo di doganieri francesi ha fatto irruzione nella sala vicino alla stazione adibita all’ospitalità dei migranti che da qui tentano il passaggio in Francia attraverso il Colle della Scala. “Di quel che è successo si sta discutendo a livello nazionale, un dialogo che va oltre le competenze di una singola prefettura”, ha precisato Saccone che sabato aveva incontrato anche il vescovo di Susa e i sindaci coinvolti dall’emergenza migranti.

Il lavoro dei mediatori culturali ingaggiati dal Comune di Bardonecchia e dei volontari dell’associazione Rainbow4Africa non si è mai fermato.

Nelle ultime ore è stato soccorso un migrante minorenne. “Il progetto non si ferma – spiega il sindaco di Bardonecchia, Francesco Avato – il nostro obiettivo è continuare a lavorare per evitare che Bardonecchia diventi una nuova Ventimiglia”.

Tra l’altro il prefetto Saccone doveva incontrare il collega francese a Chambery il 16 aprile per discutere del progetto di cooperazione tra Italia e Francia, vertice deciso prima del caso Bardonecchia. Ora l’incidente diplomatico potrebbe anche far slittare o cancellare l’appuntamento. Quasi certamente prima di quella data il ministro francese responsabile delle Dogane Gerald Darmanin incontrerà rappresentanti del governo italiano per chiarire le ombre. Ieri intanto il ministro ha deciso di sospendere i controlli di gendarmi e agenti delle Dogane in territorio italiano e ha sottolineato come l’Italia “sia una sorella della Francia”.

Bardonecchia è “un paese solidale”. A dirlo è don Franco Tonda, il parroco della località dell’Alta Valsusa sulla nuova rotta dei migranti. “Hanno iniziato ad arrivare la scorsa estate – racconta -. C’era bel tempo, passavano senza fermarsi. Con l’inverno, però, la situazione è peggiorata”.

Anche la parrocchia, con i volontari della Caritas, si è subito mobilitata per assistere i profughi di passaggio.
“Abbiamo raccolto indumenti da regalare, come qualche giacca a vento, e portato bevande calde. Il Comune si è subito attivato. Ma nonostante si spieghino ai migranti i pericoli del viaggio, loro vogliono andare avanti…”
.
http:torino.repubblica.it/cronaca/2018/04/02/news/torino_il_prefetto_a_bardonecchia_per_ringraziare_i_volontari_della_ong-192793055/

-ANNESSO:IL PROGETTO DI COOPERAZIONE

-SU LA REPUBBLICA:

Emergenza migranti, il “modello Bardonecchia” si estende anche a Oulx e Clavière

Postazioni mobili e mediatori culturali offriranno informazioni e assistenza agli stranieri. Niente sgombero per la parrocchia di Clavière

di CARLOTTA ROCCI

.

Il modello Bardonecchia si estende anche a Clavière e Oulx. Lo hanno stabilito questa mattina in un incontro con il prefetto i sindaci dei due comuni insieme con il sindaco di Bardonecchia, Francesco Avato, che sarà coordinatore del progetto concordato con la prefettura torinese. “Ci sarà a Oulx una postazione mobile e l’attività di un mediatore culturale”, ha spiegato il sindaco Paolo De Marchis. Il mezzo è un furgone messo a disposizione dall’associazione Rainbow4Africa che sarà in valle già domani sera. Il mediatore dell’Asgi, l’associazione studi giuridici sull’immigrazione, sta lavorando ad Oulx gia da qualche giorno “ma grazie al mezzo mobile avrà a disposizione uno spazio vicino alla stazione più adatto”, spiega ancora il primo cittadino. Il modello, anche se con numeri diversi, è quello della saletta vicino alla stazione di Bardonecchia. Il colloquio dei sindaci con il prefetto Renato Saccone è durato diverse ore. Clavière e Oulx sono i comuni più vicini alla Francia, i più coinvolti dall’emergenza migranti che per tutto l’inverno hanno tentato di attraversare il confine attraverso il colle della  Scala e quello del Monginevro.
——

.
Il migrante respinto dai gendarmi al confine: “La neve non mi spaventa, il mio futuro è in Francia”
DURATA: 00:02:40
.
VIDEO NON RIPORTATO
———
Il tema più urgente riguarda Clavière dove da giovedì, dopo che era stata fissata la riunione tra i sindaci, decine di persone hanno occupato una sala della parrocchia nella piazza del paese. L’occupazione è stata promossa dal gruppo Briser les Frontieres che da mesi assistono i migranti sul lato francese. La possibilità di evacuare la chiesa occupata non è un’ipotesi presa in considerazione. “Non è un tema sul tavolo  in questo  momento. Non abbiamo intenzione di sgomberare la chiesa”, spiega il sindaco di Claviere Franco Capra. “Al momento la situazione è sotto controllo – aggiunge il collega di Bardonecchia, Avato – La cosa più importante ora è far capire ai migranti che il sistema di accoglienza italiano offre più garanzie. Bisogna far comprendere che non è una buona idea andare in un paese inospitale come la Francia. Qui hanno più diritti e garanzie”.
.
http:torino.repubblica.it/cronaca/2018/03/27/news/emergenza_migranti_il_modello_bardonecchia_si_estende_anche_a_oulx_e_clavie_re-192352961/?ref=drnweb.repubblica.scroll-3
.
REAZIONE:COSA STRANNA TUTTO UN TRATTO BARDONECCHIA E’ UN CASO DIPLOMATICO E SALVINI VUOLE DICHIARARE LA GUERRA ALLA FRANCIA!!!!!
PIU O MENO COME HA FATTO BERLUSCONI AI TEMPI DI RENZI CHE VOLEVA INVIARE LE TRUPPE ALLA LIBIA COME GUALTIERE A FATTO ALLE FAULKLAND.

 —–

4 APRILE 2018:CONSULTAZIONI?

NO ALLA DE-GENERAZIONE TELE-MACO

.
-APPENDICE:IN SICILIA NON PASSA SALVINO CAPUTO
“Posti di lavoro in cambio di voti”. Ai domiciliari l’ex deputato Salvino Caputo
074432976-7f2606cd-8b4f-439e-86b0-7b02644a6e20
Salvino Caputo
L’avvocato è l’ex commissario di Palermo di “Noi con Salvini”. Provvedimento anche per il fratello, candidato non eletto della Lega alle regionali. Indagato Pagano, coordinatore della Lega in Sicilia occidentale: chiesta alla Camera l’autorizzazione ad utilizzare le intercettazioni. Coinvolti in 20 nell’inchiesta: ci sono anche Attaguile e un assessore di Termini Imerese
di SALVO PALAZZOLO
04 Aprile 2018
.
Con l’accusa di voto di scambio i carabinieri del comando provinciale di Palermo hanno arrestato l’ex deputato regionale siciliano Salvino Caputo, dirigente di “Noi con Salvini”. L’ex parlamentare, avvocato di Monreale, commissario straordinario per i comuni della provincia di Palermo del movimento leghista durante le elezioni della scorsa primavera, è finito agli arresti domiciliari su proposta della procura di Termini Imerese. Ai domiciliari anche il fratello, Mario Caputo, avvocato pure lui, candidato non eletto durante le ultime elezioni dell’Ars nelle liste del movimento “Noi con Salvini”. Un terzo provvedimento riguarda Benito Vercio, 62enne, ritenuto un procacciatore di voti, è di Termini Imerese. Nell’inchiesta ci sono anche altri indagati a piede libero, una vera bufera per Lega in Sicilia: indagato pure il coordinatore del movimento in Sicilia occidentale Alessandro Pagano, neo eletto alla Camera, la procura di Termini Imerese chiede l’autorizzazione ad utilizzare le intercettazioni emerse nei suoi confronti.

——
LEGGI Bufera sulla Lega nel giorno delle consultazioni: Salvini convoca i leader siciliani

———–
Con lui è coinvolto anche l’altro coordinatore della Lega in Sicilia, Angelo Attaguile, che pochi giorni fa si era auto-candidato alla guida del Comune di Catania. Una bufera sulla Lega che ha spinto Matteo Salvini, nel giorno in cui prendono il via le consultazioni per il nuovo governo, a convocare i due leader siciliani.
——
VIDEO
433115-thumb-full-caputo
Termini, il procuratore Cartosio: “Mario Caputo prestanome del fratello”
DURATA: 00:01:38
———-
Nel corso dell’inchiesta, la Procura diretta da Ambrogio Cartosio ha accertato “dodici episodi di compravendita di voti in cambio di promesse di posti di lavoro o altre utilità”, questa l’accusa. L’indagine dei carabinieri del comando provinciale diretto da colonnello Antonio Di Stasio si riferisce alle Regionali del novembre 2017, in cui era candidato Mario Caputo detto Salvino, un chiaro riferimento al fratello più celebre.
—–
LEGGI: Caputo, l’ex missino folgorato da Salvini
——-
Nel 2013, Salvino Caputo era stato costretto a lasciare l’Assemblea regionale siciliana dopo che nei suoi confronti era divenuta definitiva una condanna ad un anno e cinque mesi per tentato abuso d’ufficio. L’ex deputato regionale di An e poi Pdl cercò di fare annullare alcune multe quando era sindaco di Monreale, multe che avevano raggiunto l’allora arcivescovo Salvatore Cassisa e alcuni assessori. La nomina di Caputo nel movimento di Salvini aveva creato qualche malumore all’interno del gruppo siciliano leghista, ma il coordinatore regionale Alessandro Pagano aveva tagliato corto: “Tutto il movimento si stringerà attorno a Caputo con grande impegno, al fine di portare avanti il nostro progetto insieme a Matteo Salvini in tutto il territorio siciliano”. “Pagano – dice il suo avvocato, Nino Caleca – darà il consenso all’uso delle intercettazioni. Quale coordinatore della Lega ha sempre operato in difesa dei principi di correttezza e legalità”.
Dice il procuratore di Termini Imerese, nel corso della conferenza stampa: “Salvino Caputo era soggetto aduso ad atti contra legem, quali il voto di scambio, attività che esercitava in modo sistematico”. L’inchiesta condotta dalla sostituta procuratrice Anna Domenica Gallucci contesta ai fratelli Caputo non solo la compravendita di voti ma anche l’ipotesi di reato di attentato ai diritti politici dei cittadini. Il procuratore Cartosio parla di “stratagemma utilizzato per ingannare gli elettori”: nei manifesti elettorali si faceva cenno solo al cognome Capito, senza indicazione del nome. E nella lista, il riferimento a “detto Salvino”.
Inchiesta nata da un esposto anonimo
L’inchiesta è nata da un esposto anonimo arrivato in procura. Si faceva riferimento a un dipendente comunale, Agostino Rio, custode della biblioteca: durante le comunali di Termini procacciava voti per due consiglieri dell’attuale maggioranza, Loredana Bellavia e Michele Galioto, che risultano indagati. Bellavia, del movimento di Salvini, è anche assessore della giunta cittadina presieduta da Francesco Giunta. Alle Regionali, Rio era invece impegnato per Caputo, insieme ad alcuni “grandi elettori”, come li definiscono i magistrati. È lungo l’elenco degli indagati. I Caputo avrebbero promesso posti di lavoro e anche il sostegno per il superamento del test di accesso al corso di scienze infermieristiche. Gli indagati sono una ventina.
Le intercettazioni: “Non possiamo perdere settemila voti”
120448053-d9714fc3-a478-4c2d-a273-b51c070ae373
Il volantino di Mario Caputo “detto Salvino” per le Regionali
—–
Pagano e Attaguile vengono indicati nel capo di imputazione come “istigatori” della compravendita. E nelle intercettazioni è finito pure l’assessore Gaetano Armao. A lui Salvino Caputo chiese un parere dopo la notizia della sua incandidabilità. Era il 29 settembre 2017. Armao, “dopo avere espresso il suo parere – scrive il gip di Termini, Stefania Gallì, nella ordinanza – gli prospettava la possibilità di candidare il fratello”. Idea che poi fu lanciata da Pagano. “Questo – annota il giudice – al fine di non perdere i voti ottenuti grazie alla campagna elettorale in atto da oltre sei mesi”. Diceva Pagano: “Tu mi devi fare una cortesia, non possiamo prendere settemila voti, seimila voti, non meno di questi e buttarli al macero. Male che va candidi a tuo figlio… Caputo, senza fotografie… detto Salvino, punto basta e così funziona”.
.
http:palermo.repubblica.it/cronaca/2018/04/04/news/_posti_di_lavoro_in_cambio_di_voti_ai_domiciliari_l_ex_deputato_salvino_caputo-192917463/

images

-ANNESSO 1:

-SU REP:

Commento
Lega
Voto di scambio leghista, trasformismo alla padana

Senza farsi troppi scrupoli, il partito del Nord ha imboccato la scorciatoia dei riciclati e dei gattopardi

C’è tutta la perfidia della sorte in questo Salvino di Monreale che inguaia il Salvini di Milano, in questo Caputo luogotenente sudista della Lega che si fa arrestare per voto di scambio proprio mentre il suo capo nordista sta scegliendo il vestito per salire al Quirinale. Ma il leader della Lega non può prendersela, come Saragat, con il destino cinico e baro, perché l’indagine della Procura di Termini Imerese ha semplicemente tolto il velo alla spregiudicata op…

https:rep.repubblica.it/pwa/commento/2018/04/04/news/voto_di_scambio_leghista_trasformismo_alla_padana-192997831/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-T2
.
-ANNESSO 2:
-SU REP:
Salvino Caputo (con la cravatta) e Angelo Attaguile (alla sua destra con gli occhiali) al cimitero di Lampedusa con Salvini e l’ex sindaca Giusi Nicolini
Approfondimento
Elezioni Amministrativi
“Votatemi e vi farò lavorare”, così parlavano i ras della Lega arrestati

L’inchiesta sulle elezioni regionali in Sicilia. Salvino Caputo e il fratello ai domiciliari. Indagati i due commissari di Salvini, Pagano e Attaguile

PALERMO. L’uomo forte della Lega in Sicilia, l’ex deputato regionale Pdl Salvino Caputo, non voleva rassegnarsi a essere un impresentabile. E aveva escogitato una truffa elettorale quasi perfetta in vista delle Regionali 2017: candidato era il fratello Mario, “ma nella lista mettiamo “detto Salvino” – spiegava ai suoi fedelissimi – in modo da non perdere voti, le persone sono convinte che sono io”. E così l’incandidabile avvocato Salvino Caputo, condann…

Paywall
https:rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/04/04/news/arresti_lega_sicilia-193001513/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-T2


5 APRILE 2018:”NOI CON SALVINI” COMMISSARIATO,NIENTE LEGA IN SICILIA

-NOTIZIA 1:PAGANO,PROTEGGERE IL CAPO,”NON TIRATE SALVINI IN BALLO”.
.
-VIDEO SU LA REPUBBLICA:

4 aprile 2018
Lega, l’indagato Pagano: “Non mi dimetto. Salvini è straordinario, non lo tirate in mezzo”
“A me non è arrivato nessun atto, se arriverà convocheremo una conferenza stampa per spiegare come stanno le cose”. Così, nei pressi di Montecitorio, il deputato della Lega, Alessandro Pagano, replica alle accuse di istigazione di voto di scambio mosse contro di lui dalla procura di Palermo. Pagano non spiega l’intercettazione in cui sembra suggerire al dirigente siciliano di “Noi con Salvini” Salvino Caputo – ex deputato dell’assemblea regionale siciliana, incandidabile a seguito di una condanna definitiva – alcuni stratagemmi per far eleggere il fratello Mario alle elezioni per l’Ars del 2017. “Con Salvini parlo tutti i giorni, è il mio capo – dice -. Non credo ci siano le condizioni per cui mi debba dimettere”, conclude il deputato.

di Marco Billeci
.
https:¿video.repubblica.it/politica/lega-l-indagato-pagano-non-mi-dimetto-salvini-e-straordinario-non-lo-tirate-in-mezzo/301424/302053?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-L
.
-NOTIZIA 2:SALVINI IN BALLO CI SI TIRA SOLO,MA….. FA L’OUT-SIDER
.
-SU LA REPUBBLICA:

Lega, gli arresti di Palermo: il deputato indagato convocato da Salvini

Il leader del Carroccio chiama Alessandro Pagano per un chiarimento. Il parlamentare: “Io estraneo alla vicenda, ma mi chiedo se sia un caso che questi provvedimenti giudiziari giungano alla vigilia delle consultazioni”

di EMANUELE LAURIA
04 aprile 2018

Lega, gli arresti di Palermo: il deputato indagato convocato da Salvini

Alessandro Pagano, il deputato siciliano della Lega indagato nell’ambito di un’inchiesta per compravendita dei voti alle ultime Regionali siciliane, è stato convocato di gran fretta da Matteo Salvini. In queste ore un incontro fra il leader e il parlamentare, sponsor dell’ex consigliere regionale siciliano Salvino Caputo e del fratello Mario, gli esponenti del Carroccio finiti questa mattina agli arresti domiciliari. Salvini, si apprende, vuole sapere di più di cosa sia successo in Sicilia in occasione dell’ultima campagna elettorale e di come sia stata selezionata la classe dirigente sul territorio. Negli ambienti della Lega c’è preoccupazione per un’inchiesta che riguarda esponenti di spicco del movimento nell’Isola e che deflagra proprio alla vigilia delle consultazioni al Quirinale, in vista della formazione di un governo che potrebbe avere Salvini fra i protagonisti. “Non  so che dire, non capisco cosa c’entri io con questa storia – afferma Pagano – Qualsiasi cosa abbiano fatto i fratelli Caputo, e io no dubito della loro innocenza, non l’hanno fatta certo con il mio assenso o con consapevolezza da parte mia. Comincio a pensare che siamo diventati un movimento importane e ne paghiamo le conseguenze – aggiunge Pagano – Mi chiedo se l’arresto di due esponenti di “Noi con Salvini”, in questo momento politico delicatissimo,siano casuali.

Per quel che mi riguarda – conclude il deputato – ho già dato l’autorizzazione all’uso delle intercettazioni da parte della Camera, quando saranno richieste”.

Ha chiesto un incontro a Salvini, ancora prima della notizia dell’inchiesta, anche Angelo Attaguile, responsabile della Lega per la Sicilia orientale, che risulta indagato come Pagano.
Secondo alcune indiscrezioni, non è da escludere il commissariamento del movimento in Sicilia.
.
http:palermo.repubblica.it/politica/2018/04/04/news/lega_gli_arresti_di_palermo_il_deputato_indagato_convocato_da_salvini-192947315/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P3-S1.8-L
.
REAZIONE:”NOI CON SALVINI” COMMISSARIATO?:NIENTE LEGA IN SICILIA.

PD:NE PRENDA ATTO MATTARELLA..

5 APRILE 2018:BERLUSCONI,IL VERO GENUINO TELE-MACO

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

DOPO IL VOTO

Lega: veto su Berlusconi porta alle urne. Salvini:

Lega: veto su Berlusconi porta alle urne. Salvini: “Incarico a me? Per ora inutile”. Di Maio: “Spero di vedere presto i leader di Pd e Carroccio”
Rep tv I forzisti: “Capo M5S non rispetta gli elettori”
Rosato (Pd): basta col teatrino, M5s ha già accordo coi leghisti

di MONICA RUBINO, video di MARCO BILLECI


REAZIONE:BERLUSCONI RIVOTARE?NO,SOLO VUOLE UN’ALTRO PREMIER NON ELETTO,UN TERZO IN DISCORDIA.
PD:QUALCUNO CREDE CHE FI NON HA VOTATO MEGLIO PERCHE BERLUSCONI NON ERA CANDIDABILE?NO ,NE MENO LUI CI CREDE.QUALCUNO CREDE CHE BERLUSCONI TORNERA CANDIDABILE?
BERLUSCONI PORTA SFORTUNA PER LUI E PER CHI STA CON LUI,QUESTO E’ STATO DIMOSTRATO UNA E MILLE VOLTE E LA PARABOLA DI BERLUSCONI E’ QUELLA DEI SATELLITI ESSAURITI CHE INVECCHIANO,NON FUNZIONANO PIU E RICADONO SULLA TERRA:SI FRANTUMANO IN MILLE PEZZI CONTRO L’ATMOSFERA PER POI INESSORABILMENTE ANDARE A FINIRE NEI FONDALI DEL MARE.

La vidéo de la désintégration de la station chinoise

Waterhouse: Circe offrendo il calice a Odiseo (Circe Offering the Cup to Odysseus, 1891). Gallería d’Arte di Oldham.
.

-PD(7 APRILE):COME NELLE ELEZIONI PREVIE,OGGI PERO PARADOSSALMENTE, LA VERA INCOGNITA E’ ANCORA IL M5S:VUOLE DA VERO EREGERSI IN MOVIMENTO ANTISISTEMA ,E ALLORA DOVRA PRENDERE IN MANO LE REDINE DEL GOVERNO,O CONTRARIAMENTE A QUANTO AFFERMATO DA NAPOLITANO,ANCORA ABDICA AL RUOLO DI TERZO IN DISCORDIA IN UN DISEGNO POLITICO A TRE GAMBE E DIVENTA UN’ALTRA VOLTA IL PARAFULMINE DEL SISTEMA COME NELLE LARGHE INTESE PD-CENTRODESTRA DEL NAZZARENICO PATTO RENZI-BERLUSCONI?RICORDIAMO QUINDI CHE CHI HA APERTO ALLORA E’ STATO IL PROPIO M5S DANDO I VOTI A BERSANI PER UN PARLAMENTO CHE CI HA REGALATO RENZI,GRASSO,BOLDRINI,ALFANO,BERLUSCONI,MARONI,SALVINI,ECC,CIOE UNA LARGHISSIMA INTESA DOVE OGGI SI MANIFESTANO TUTTI SMEMORIATI PARACADUTISTI,PRINCIPALMENTE SALVINI E BERLUSCONI.

UNA LARGHISSIMA INTESA CHE EBBE COME SINIESTRO STRATEGA E DIRETTORE ESSECUTIVO FRANCESCHINI(ALLORA AI FERRI CORTI CON BERSANI),PROPIO QUELLO CHE OGGI SI DICE DISPONIBILE AD UNA APERTURA PD VERSO DI MAIO ARCHIVIANDO RENZI.

E GRILLO CHE ALLORA QUALIFICO DI TRADITORI GLI ACCORDISTI CON BERSANI COSA NE PENSA?SI FIDA DI FRANCESCHINI?

SARA STORICO?DOPO TUTTO NON HO MAI VISTO GOVERNARE UN BUFFONE DI CORTE.(PERFINO FARAGE SE NE E’ SFILATO.QUESTO SI, DOPO TIRARE LA GB E LA COMMONWEALTH FUORI DELLA UE BREXIT MEDIANTE,E CONSEGNARE MAY A TRUMP).

7 APRILE 2018:ACCORDO ITALIA-FAULKLAND,PER L’ENERGIA

-SU MERCOPRESS(SOUTH ATLANTIC NEW AGENCY)

Le Falkland hanno partecipato alla cessione in Italia della propria unità petrolifera e del gas

Giovedì 5 aprile 2018 – 09:29 UTC

Articolo completo
10 commentiEdison ha detto che nel 2017 smetterebbe di investire nel business upstream e concentrarsi sulla distribuzione di petrolio e gas e creare una nuova società per gestire le attività a monte.Edison ha detto che nel 2017 smetterebbe di investire nel business upstream per concentrarsi sulla distribuzione di petrolio e gas e creare una nuova società per gestire le attività a monte.
—–

Il gruppo energetico italiano Edison, parte dell’utilità francese EDF, sta preparando la vendita della sua unità petrolifera e del gas, l’ultimo produttore di energia ad abbandonare i combustibili fossili per concentrarsi sulla sua attività al dettaglio, hanno detto quattro fonti del settore e citato da Reuters. La sua unità di petrolio e gas comprende interessi nelle Isole Falkland.

Edison ha selezionato le banche d’investimento Rothschild e Perella Weinberg per organizzare un’asta per la divisione esplorazione e produzione, che potrebbe essere valutata in 2 miliardi di dollari USA a 3 miliardi di dollari, secondo una delle fonti.

La società ha cercato di aumentare le dimensioni della propria attività di vendita al dettaglio di elettricità e gas, scommettendo sul mercato aprendosi a una maggiore concorrenza, con i clienti di energia al dettaglio sempre più in grado di scegliere il proprio fornitore.

La Reuters ha riferito che Edison ed EDF non hanno voluto commentare, così come Rothschild e Perella Weinberg.

Edison, controllata al 99,48% da EDF, è il terzo maggior produttore di energia in Italia dopo il leader di mercato Enel ed Eni. È anche il terzo grossista di gas con una quota del 6%, rispetto all’83% di Eni. EDF ha assunto il controllo di Edison nel 2012.

La produzione di petrolio e gas di Edison è cresciuta notevolmente negli ultimi dieci anni, con attività concentrate in Italia, nel Mare del Nord britannico e norvegese, in Egitto, Israele, Algeria, Croazia e Isole Falkland.

Le sue risorse egiziane, che includono la concessione di Abu Qir e più di 250 milioni di barili di petrolio equivalente in riserve, sono considerate una delle parti più interessanti del portafoglio, secondo le fonti. Edison ha provato a vendere le sue attività nel settore del petrolio e del gas nel Mare del Nord l’anno scorso, ma non è riuscito a trovare un acquirente, secondo i banchieri coinvolti nel processo.

La produzione di gas della società è salita a oltre 2 miliardi di metri cubi nel 2017 da circa 1,9 miliardi di metri cubi all’anno, mentre la produzione di petrolio è diminuita leggermente a circa 4 miliardi di barili da 4,14 miliardi di barili nel 2016, secondo i dati annuali del 2017.

La società ha detto che nel 2017 smetterebbe di investire nel business upstream e si concentrerà sulla distribuzione di petrolio e gas. Ha anche detto in passato che creerebbe una nuova società per gestire le sue attività a monte.

Negli ultimi anni, il settore energetico europeo è stato colpito da una debole domanda energetica in mezzo a una crescita economica lenta, bassi prezzi dell’energia all’ingrosso e un’impennata della domanda di energia rinnovabile più pulita che sta sostituendo le centrali elettriche a carbone e carbone e interrompendo modelli di business per le utilities .

Il pezzo di Reuters sottolinea che le tradizionali utility europee, che in passato hanno iniziato la produzione di petrolio e gas alla ricerca di una copertura contro i costi variabili degli idrocarburi, sono state costrette a ripensare le loro strategie.

La Francia Engie ha ceduto l’attività di esplorazione e produzione a Neptune Energy, sponsorizzato da private equity, per 4,7 miliardi di euro (5,77 miliardi di dollari) l’anno scorso, mentre l’utility tedesca RWE ha ceduto l’unità di produzione di petrolio e gas DEA nel 2015.

Secondo il sito del conglomerato italiano, Edison nelle Isole Falkland ha la licenza di produzione 001 (PL001) i, che si trova al largo, coprendo parte del bacino del North Falkland. La licenza è stata inizialmente concessa nel 1997 e, dal 15 settembre 2015, i diritti di esplorazione sono stati detenuti da Noble Energy Falklands Ltd (75%, Operatore) ed Edison International SpA (25%).

L’attuale fase di esplorazione 2, che scade il 25 novembre 2019, include un impegno ben definito. Le principali attività svolte dall’attuale JV sono il commercio e l’interpretazione di 4500 km2 di dati sismici 3D contigui, ca. 1500 di questi sono all’interno dei confini della licenza e G & G e studi di ingegneria. Sono stati identificati diversi prospetti e potenziali stratigrafici. Le sabbie torbiditiche lacustre del Cretaceo sono previste per essere i serbatoi più promettenti, mentre le rocce principali di origine sono rappresentate da scisti lacustri anossici grossolanamente coevi.

http:en.mercopress.com/2018/04/05/falklands-included-in-italy-s-edison-divesting-of-its-oil-and-gas-unit

8 APRILE 2018:MALOCCHIO

-SU LA REPUBBLICA:

Pedopornografia, arrestato in Vaticano ex addetto della nunziatura di Washington

L’ordine di custodia per monsignor Capella è stato firmato dal giudice istruttore su richiesta del Promotore di giustizia ed eseguito dalla gendarmeria. L’accusa è di possesso di ingente materiale pornografico avente per oggetto anche soggetti minori
.
07 aprile 2018



*Vittime dei preti pedofili, sit in di protesta davanti al Duomo di Napoli
.
*Curia di Napoli: “E’ stato riaperto il caso del sacerdote accusato di pedofilia”
———-
Pedopornografia, arrestato in Vaticano ex addetto della nunziatura di Washington
Questa mattina, su proposta del Promotore di Giustizia, il giudice istruttore del Tribunale del Vaticano ha emesso un mandato di cattura a carico di monsignor Carlo Alberto Capella, ex funzionario della Nunziatura di Washington. Il provvedimento è stato eseguito dalla gendarmeria vaticana. L’imputato è detenuto in una cella della caserma del Corpo della Gendarmeria, a disposizione dell’autorità giudiziaria. L’arresto giunge al termine di un’indagine del promotore di giustizia per possesso di ingente materiale pedopornografico. La notizia è stata resa nota dalla Sala stampa vaticana.

L’arresto è stato proposto dal promotore di giustizia della Città del Vaticano, Gianpiero Milano, a seguito della denuncia arrivata per via diplomatica dal governo degli Stati Uniti. Monsignor Capella, di origine emiliana, fino al 2015 in servizio in Segreteria di Stato come officiale della Sezione per i Rapporti con gli Stati. In questa veste aveva partecipato alla sottoscrizione della Convenzione fiscale con lo Stato italiano. E successivamente inviato come secondo segretario a quella prestigiosa sede diplomatica che è la Nunziatura Apostolica di Washington.

Nella capitale Usa avrebbe compiuto i suoi reati, anche se vi sono rapporti su di lui con accuse analoghe arrivati anche dal Canada. Il promotore di giustizia ha aperto il fascicolo dopo che lo scorso 21 giugno il Dipartimento degli Stati Uniti aveva notificato il possibile reato. Attualmente il sacerdote indagato è stato richiamato in Vaticano, ospitato presso il Collegio dei Penitenzieri.

Il reato di pedopornografia è previsto dalla Santa Sede nella legge numero VIII del 2013. La legge – che introduce modifiche al codice di diritto penale per diverse tipologie di reato, – tratta del reato di pedopornografia negli articoli 4, 10 e 11, che riguardano definizione del reato, atti di pedopornografia e detenzione di materiale pedopornografico. “E’ una questione grave. Speriamo che la Santa Sede fornisca maggiori dettagli”, aveva auspicato al momento della denuncia il capo della Conferenza episcopale americana, il cardinale Daniel DiNardo.

Le notizie delle indagini prima ed ora dell’arresto hanno suscitato scalpore e sconcerto visto che si tratta di un prete non di secondo piano nella gerarchia della diplomazia vaticana, per giunta nella importante nunziatura presso gli Stati Uniti.

http:.repubblica.it/vaticano/2018/04/07/news/pedopornografia_arrestato_ex_addetto_nunziatura_washington-193244253/?ref=RHRS-BH-I0-C6-P1-S1.6-T1
.
REAZIONE:PAPA FRANCESCO LO PROTEGGE,ERA STATO DENUNCIATO DAGLI STATI UNITI E HA ANCHE UN MANDATO DI CATTURA CANADIESE MA NON SE NE FECE NULLA FINO A ADESSO CHE E’ STATO FATTO RIENTRARE IN VATICANO.E LO SI PROCESSERA SECONDO LE LEGGI ULTRAPERMISSIVE DI QUEL PAESE.SE LA CAVERA CON SOLO 12 ANNI.NON SAPPIAMO SE SARA ALLONTANTO DEL CONTATTO CON POSSIBILI VITTIME.
I REATI SESSUALI DEI PRETI DEVONO ESSERE PROCESSATI PER LA GIUSTIZIA ORDINARIA DEL PAESE DOVE SI HA COMMESSO IL REATO A QUI DOVRANNO CONSEGNARLO LE RISPETTIVE GERARCHIE CATTOLICHE,IN QUESTO CASO CANA DA O USA,E NO PORTARLO NELLO STATO VATICANO.QUESTO E’SOLO UN SALVO CONDOTTO.
.

.
-APPENDICE 1:PEDOFILIA A NAPOLI,SIT IN

Vittime dei preti pedofili, sit in di protesta davanti al Duomo di Napoli

(ansa)
.
“Perché il cardinale Sepe non fa sentire la sua voce? Dove si trova il prete autore degli abusi?” hanno detto oggi esponenti della ‘Rete l’Abusò dinanzi alla cattedrale di Napoli per fare un volantinaggio tra i fedeli, che proseguirà anche domani, sul tema delle violenze subite da un presunto prete pedofilo napoletano. Tra di loro un ragazzo che aveva il volto coperto da una maschera di Anonymous (come altri due) e che ha denunciato di aver subito nel 1989, quando aveva 13 anni, abusi sessuali da un sacerdote nel quartiere Ponticelli. Questione che, sotto il profilo penale, è coperta da prescrizione ma che il giovane vuole che non finisca nel dimenticatoio. Ha intrapreso una causa civile ma attende dalla Chiesa un provvedimento che “faccia giustizia, che butti fuori questo prete e altri come lui, come ha detto più volte il Papa”.
“Quella vicenda mi ha stravolto la vita. Dopo la denuncia ho anche perso il lavoro” ha detto ancora, puntando l’indice anche contro il cardinale Crescenzio Sepe che, a suo dire, non avrebbe imposto alcun restrizione al sacerdote. Il sacerdote è stato visto di recente in provincia di Pavia. Dicono i manifestanti: “Non ha nessuna restrizione tant’è che fa catechismo a 40 minorenni oltre a svolgere tutte le attività parrocchiali a contatto con i ragazzi”. Negli anni passati sarebbe stato accolto in una struttura della provincia di Napoli.,”Sarebbe questa la ‘tolleranza zero’ della Diocesi di Napoli. Cosa fa il cardinale Sepe?”, ha proseguito Diego manifestando insieme con altre persone sempre con il volto coperto da una maschera. Alcuni hanno detto di aver subito abusi. Intanto dalla Curia fanno sapere che dopo alcuni recenti articoli di stampa la Dottrina della Fede ha riaperto il caso.
07 aprile 2018
.
http:napoli.repubblica.it/cronaca/2018/04/07/foto/vittime_dei_preti_pedofili_sit_in_di_protesta_davanti_al_duomo_di_napoli-193231915/1/?ref=nrct-1#1

-APPENDICE 2:SACERDOTE ACCUSATO A NAPOLI

Napoli città »

Curia di Napoli: “E’ stato riaperto il caso del sacerdote accusato di pedofilia”Curia di Napoli:

La protesta davanti al duomo (fotogramma)

Oggi sit-in di protetsa davanti al Duomo

E’ stato riaperto, per decisione di Papa Francesco, il caso relativo al sacerdote della Diocesi di Napoli accusato di pedofilia e l’indagine avviata dall’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, è in atto. Lo ricorda una nota della Curia arcivescovile di Napoli, nel giorno in cui, all’esterno del Duomo di Napoli, si è svolto un sit-in di protesta patrocinato dall’associazione Rete L’Abuso per chiedere conto dell’esito dei procedimenti canonici nei confronti dei preti accusati di violenza su minori.
——-
Vittime dei preti pedofili, sit in di protesta davanti al Duomo di Napoli
Navigazione per la galleria fotografica

“Già lo scorso anno – spiega la nota – dalla Cancelleria diocesana venne precisato che la Congregazione Dottrina della Fede, alla quale la Diocesi di Napoli aveva rimesso tutta la documentazione relativa all’istruttoria fatta in loco, ‘nel 2016 riteneva non essere emersi gli elementi sufficienti per avviare un processo penale a carico’ del sacerdote in questione”.

———-
Diego, vittima del prete pedofilo denunciato a Napoli: “Solo il Papa può darci serenità”

All’inizio di quest’anno, dopo una denuncia fatta da un’altra persona direttamente alla Santa Sede, “il Santo Padre – prosegue la nota – ha deciso la riapertura del caso,incaricando la Congregazione Dottrina della Fede di procedere a tutti gli adempimenti, per cui, poco prima della Pasqua, alla Diocesi di Napoli è stato affidato il compito di effettuare l’indagine previa, che il cardinale arcivescovo ha immediatamente avviata ed è, quindi, in atto”. Una volta completata tale indagine, conclude la nota, “verrà tutto rimesso per competenza alla stessa Congregazione Dottrina della Fede per le valutazioni e determinazioni”

http:napoli.repubblica.it/cronaca/2018/04/07/news/curia_di_napoli_riaperto_il_caso_del_sacerdordote_accusato_di_pedofilia-193245682/

8 APRILE 2018:GUERRE COMMERCIALI,INFORMATEVI “S’il Vous Plaît”

-SU LA REPUBBLICA:Eurobarometro
.
Dazi, l’arma totale è in mano alla Cina: Pechino è il maggior finanziatore degli Usa di Trump
.
Il colosso asiatico il maggior detentore di un debito pubblico in forte crescita per le politiche fiscali aggressive della Casa Bianca. Utilizzarlo come arma contro le politiche commerciali di Washington sarebbe una mossa clamorosa. Più facile che la Cina lavori sul cambio e la complicazione burocratica per i colossi Usa che vendono in Oriente
di MAURIZIO RICCI
.
07 Aprile 2018
Dazi, l'arma totale è in mano alla Cina: Pechino è il maggior finanziatore degli Usa di Trump
(ansa)
Altri dazi sulle importazioni dalla Cina? Se veramente Trump desse seguito alla minaccia di imporre tariffe su altri 100 miliardi di dollari di prodotti cinesi, l’offensiva anti-Pechino arriverebbe a coprire vendite per 150 miliardi di dollari, una cifra colossale, pari ad un terzo dell’export cinese verso gli Usa e una buona parte della spesa quotidiana dell’americano medio. Basterebbe questo per smentire l’idea, cara al presidente, che le guerre commerciali siano semplici e facili da vincere. Ma c’è molto di più: quanto è facile vincere una guerra commerciale, se quello che hai di fronte è anche il tuo principale creditore e dei suoi prestiti hai un disperato bisogno?

Forse, per uno che, nel mondo degli affari, è stato soprattutto un palazzinaro in grande stile e, dunque, viene da un settore in cui i debiti sono pane quotidiano, la cosa non fa impressione, ma le cifre non lasciano dubbi. Nell’intreccio sempre più fitto che è l’economia mondiale oggi, il grosso dei quattrini che la Cina fa vendendo in America viene prontamente reinvestito, da anni, negli Usa, sotto forma di buoni del Tesoro. Il debito Usa è, in assoluto, uno dei più grossi al mondo, e, su 5 dollari di buoni in mano a stranieri, uno sta nelle casse di Pechino. In soldoni: l’America deve restituire alla Cina 1.200 miliardi di dollari presi in prestito.

Erano di più. Rispetto a fine 2013, la quantità di titoli Usa in mano a Pechino si è ridotta dell’11 per cento, man mano che il governo cinese si preoccupava di rafforzare lo yuan e ribilanciare l’economia nazionale. Anche così, solo la Fed ha in mano più Treasurys della Cina. E la Casa Bianca ha un gran bisogno di creditori ben disposti.
Il disavanzo di bilancio sfonderà l’anno prossimo, secondo le previsioni, i mille miliardi di dollari, quasi il doppio dei 587 miliardi dell’ultimo anno di Obama. Prima che il Congresso varasse una costosa riforma fiscale, si calcolava che quei mille miliardi di buco sarebbero stati raggiunti solo nel 2022. Ora si valuta che, già nel 2027, il rosso supererà i 2 mila miliardi di dollari.

E’ questo il ghiaccio sottile su cui sta camminando Trump. Nessun analista pensa che una eventuale ritirata di Pechino dal suo stock di titoli del Tesoro (magari per comprare euro) possa sconvolgere, di per sé, mercati così ampi come quello del debito pubblico americano. Altri compratori si troverebbero, ma non a costo zero: l’onda creata da una fuga di Pechino si infrangerebbe sui tassi di interesse. La Fed sta alzando i tassi con grande gradualità. Già l’esplosione del disavanzo può accelerare questo rialzo, fino a portarlo fuori giri. Se a questo si dovesse aggiungere la necessità di rimpiazzare un creditore importante come la Cina, rendimenti e tassi ne assorbirebbero il contraccolpo. I centri studi calcolano che se gli interessi dovessero crescere un 1 per cento in più, rispetto alle previsioni, il costo per il bilancio pubblico sarebbe di 1.500 miliardi di dollari in dieci anni.

Oggi, la Cina non ha nessun interesse ad augurarsi uno scenario di questo genere. Un fuggi fuggi dai titoli del Tesoro Usa ne comporterebbe un crollo dei prezzi e, dunque, anche del valore di quelli nelle casse cinesi. Inoltre, l’indebolimento di un dollaro in tempesta farebbe salire il prezzo delle sue esportazioni in quello che, per Pechino, resta comunque il più importante mercato di sbocco. Tutti motivi per cui è più facile che la Cina scelga strade meno vistose per far sentire la sua pressione sugli americani. Un lento e insidioso scivolamento dello yuan, che avrebbe l’effetto di ammortizzare, abbassando il costo delle merci cinesi, l’impatto dei dazi. Oppure, un soffocamento burocratico delle imprese americane in Cina: la General Motors, in fondo, vende più auto lì che negli Stati Uniti. A parere generale, le teste fredde sono a Pechino, piuttosto che a Washington. Ma se la partita diventa uno scontro sulla base dell’orgoglio nazionalistico il rischio è che si ricorra non ai mezzi non più prudenti, ma a quelli che fanno, comunque, più male.
http:.repubblica.it/economia/rubriche/eurobarometro/2018/04/07/news/dazi_l_arma_totale_e_in_mano_alla_cina_pechino_e_il_maggior_finanziatore_degli_usa_di_trump-193219101/?ref=RHPPBT-VE-I0-C6-P10-S2.2-T1
.
REAZIONE:GUERRE COMMERCIALI?:
NE SENZA FINE DI LUCRO NE LUCRO SENZA FINE,BUSSINESS ARE BUSSINES.

8 APRILE 2018:POPOLISTA NON E’ POPOLARE

-SU Rep: Luigi Di Maio

Approfondimento
movimento 5 stelle
“Forza Italia stia fuori”: la mossa di Di Maio per il governo con Salvini

I 5Stelle offrono un “contratto” anche al Pd (senza Renzi): subito respinto. Il leader della Lega: dialogo senza veti
.

Simulano battaglia attorno a Silvio Berlusconi, il principale ostacolo sulla strada verso il governo populista. Battibeccano vistosamente in vista delle consultazioni. E continueranno a strattonarsi ancora per un po’. Eppure, Matteo Salvini e Luigi Di Maio procedono senza sosta verso l’intesa giallo-verde. Piccoli passi, a volte dissimulati, spesso mimetizzati dietro polveroni da social network. Ma il patto regge all’urto del Cavaliere. Al Colle, ad esempio, Lega e Movimento port….

Paywall
https:rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/04/03/news/_forza_italia_stia_fuori_la_mossa_di_di_maio_per_il_governo_con_salvini-192903378/
.
REAZIONE:CON QUALE PERVERSA LOGICA LA REPUBBLICA VUOLE FARCI CREDERE CHE BERLUSCONI E’ UN OSTACOLO AL “POPOLISMO”?
“POPOLISTA” E’ QUALCUNO CHE OFFRE DEI VALORI CHE APPARTENGONO A MOLTA GENTE MA SUI QUI NESSUNO VORREBBE VEDERSI RISPECCHIATO.E’ PER QUESTO CHE UN “POPOLISTA” NON NECESSARIAMENTE SIA POPOLARE .POPOLARE E’ INVECE QUALCUNO CHE INCARNA E OFFRE DEI VALORI SUI QUI SI VEDONO RISPECCHIATI,O PIACIONO A MOLTA GENTE,NON IMPORTA QUALI SIANO QUESTI VALORI.IN QUESTO SENSO BERLUSCONI E’ STATO ED E’ IL PRIMO VERO GENUINO POPOLISTA.NON ESCLUDO CHE SALVINI LO SIA,ANZI ESSIBISCE SPUDORATAMENTE LE SUE VANALI VANALITA DA TANTO SIMPATICO COME  SEMPLICIONE RAGAZZONE MILANESE,MA BERLUSCONI CON LA SUA POLITICHERIA TELEVISIVA E LE SUE DOMENICHE SPORTIVE MILANESE HA INAUGURATO E MONOPOLIZZATO LA STAGIONE DEI VALORI SOCIOSPORTIVE E POLITICHE CHE LA DOMENICA APPARTENGONO A MOLTA GENTE MA CHE NESSUNO LE VUOLE COME LA SUA IDENTITA PERMANENTE:NESSUNO VUOLE ESSERE DEFINITO COME UNO CHE TIFA MILAN E BASTA,UN BUONO A NULLA SAREBBE INSOMMA.MA NE BERLUSCONI NE SALVINI SONO MAI STATE POPOLARI.QUANDO HANNO DA SOLI RAGGIUNTO OLTRE IL 30?NON SIGNIFICA QUESTO CHE DI MAIO SIA POPOLARE MA DI CERTO NON E’ POPOLISTA:O QUALCUNO CREDE CHE IL 32 PER CENTO DEGLI ITALIANI POSSONO ESSERE DEFINITE COME PAGLIACCI?
E SE NON HO CAPITO ANCORA CON QUALE PERVERSA LOGICA LA REPUBBLICA VUOLE FARCI CREDERE CHE BERLUSCONI NON SIA POPOLISTA,NON HO NE MENO CAPITO CON QUALE ALTRA LOGICA,NON MENO PERVERSA CERTAMENTE,CI VUOLE FARE CREDERE CHE DI MAIO E SALVINI POSSANO ESSERE CONSENSUATI INSIEME IN UN PRESUNTO “PATTO” CHE RESISTE AGLI URTI DI BERLUSCONI?DI MAIO E SALVINI IN UNA STESSA FAMIGLIA POLITICA?QUALE?ANCORA INSISTIAMO CON FARE DEGLI EUROSCETTICI TUTTI UN SOLO FASCIO?CONFONDERCI NON DISTINGUENDO FRA ANTI-EUROPEI COME  BERLUSCONI,SALVINI,LA LE PEN,WILDER, ECC,E ANTI EURO O ANTI UNIONE EUROPEA COME I BREXISTI?
INSOMMA IL VERO POPOLISTA E’ BERLUSCONI.NON LO E’ DI MENO SALVINI.E NE BERLUSCONI,NE SALVINI NE DI MAIO POSSONO ESSERE AMMUCHIATI IN UNA STESSA FAMIGLIA:LE LARGHE INTESE SONO INVENZIONI DI NAPOLITANO E BERLUSCONI MA ANCORA NON HANNO UN PARTITO CON UNA SEDE E UNA PERSONERIA GIURIDICA.CASO MAI E’ UNA ENTELECCHIA CHE PER APPARTENERCI BISOGNA AVERE UN QUALCOSA IN COMUNE CHE SALVINI NON HA:ESSERE ITALIANO

.
ANNESSO:MONTATURA PROPAGANDISTICA ELETTORALE,HA CAPITATO IN GB LA VISPERA DEL VOTO BREXIT,HA CAPITATO NELLA SPAGNA LA VISPERA DEL VOTO PER ZAPATERO,ECC,
E’ QUESTO IL MODO CON QUI GLI ESREMISTI VOGLIONO INFLUENZIARE IL VOTO IN ESTREMIS:

(dovrebbe migliorare l’efficenza)

PD(10 APRILE 2018):CREDO CHE QUESTO VIDEO CHE VEDRETE DI SEGUITO GIUSTIFICA CHE LA NOSTRA GIUSTIZIA CHIAMI SALVINI PER SENTIRE IL SUO PARERE ED ESCLUDERE EVENTUALI RESPONSABILITA.IL CONVOLGIMENTO E’ NETTO,INNEGABILE E LE MOTIVAZIONI POLITICHE-ELETTORALI DEL RAID OLTRE CHE EVIDENTE SONO CONFESSE DA TRAINI,E COINCIDENTE CON IL SUO COINVOLGIMENTO PASSIONALE CON LA UCCISA,ANCHE INNEGABILE.NON SI DEVE RESTARE A GUARDARE DICENDO CHE SALVINI E’ IL MANDANTE MORALE:SOLO MORALE?INSOMMA,RAID A SFONDO PASSIONALE E/O STRATEGGIA POLITICO-ELETTORALE?

PERSONALITA PSICOPATICA E ANTISOCIALE

TERZO IN DISCORDIA

.
REAZIONE:SALVINI DEVE AMMETERE CHE LUI E’ IL VERO CLANDESTINO CHE PRETENDE FARE DEGLI ITALIANI STRANIERI NELLA PROPIA PATRIA.
PD:EDITORIALE
LA NUOVA ERA NON STA PENSANDO A NESSUN GOVERNO NE NESSUNA COMPAGINE GOVERNATIVA CON LA LEGA,SIA NORD,DI SALVINI O DI CHIUNQUE CAVOLO SIA.LA NUOVA ERA PENSA ALLA DISSOLUZIONE DELLA LEGA,NON CREDE A NESSUNA ROTTAMAZIONE,17 NON DIFERISCE TROPPO DAL 13 DI BOSSI,IL NUMERO MASSIMO MAI RAGGIUNTO DA QUESTO MUCCHIO DI EVERSIVE.(1)NULLA HA CAMBIATO E LA NUOVA ERA NON SI LASCIA PRENDERE DALLA PROPAGANDA NE DALLA IRREALE NOOSFERA POLITICO-PROPAGANDISTICA CREATA DAI MEZZI TRADIZIONALI E DAL SISTEMA POLITICO-GIORNALISTICO.LA NUOVA ERA HA I SUOI PROPI MEZZI DE ESPRESSIONE, COME CE L’HANNO TUTTI GLI ITALIANI,E SOLO SI BASA NELLA REALTA(E NON QUELLA VIRTUALE).LA NUOVA ERA ASPIRA CHE IN ITALIA ACCADA COME IN SICILIA:NESSUNA COMPAGINE GOVERNATIVA CON NESSUNA LEGA.E…NON CE FRETTA….
(1)ANZI VISTA IN CONTESTO QUESTO 17 VALE ABBASTANZA MENO DI QUEL 13 DI BOSSI:IN QUEL MOMENTO(PRE-REFERENDUM FEDERALISTA)LA LEGA ERA UN FATTO NUOVO CHE TRASCINAVA ENTUSIASMO,E BERLUSCONI,IL SUO ALLEATO STORICO,PRENDEVA ASSAI PIU DI ADESSO,E INSIEME AL DI SOPRA DEI SUOI AVVERSARI.ADESSO ABBIAMO UNA LEGA STANCA,CHE NON E’ PIU NORD(HA PERSO),CHE AL SUD NON HA PRESO UN CAVOLO,E BERLUSCONI NON HA PRESO ABBASTANZA DA OFFRIRLE UN GOVERNO SOSTENIBILE,NE TANTO POCO DA ESSERE LASCIATO IN DISPARTE.E SE PENSIAMO AL 32 DI GRILLO CHE CON UN PD POST RENZI(COME BOSSI TRAVOLTO DA UN REFERENDUM RIFORMISTA)CHE HA CADUTO SI MA NON ABBASTANZA DA ESSERE NON INFLUENTE,LA LEGA E’ DA VERO CONCIATA PER BENE,IN MEZZO DEI GUAI DI UN CENTRODESTRA CHE SOFFRE DEL SINDROME DELLA COPERTA CORTA.

11 APRILE2018:EDITORIALE
*SALVINI PERVERSO,L’ARIA CHE TIRA:
.
SALVINI CI VUOLE FARE CREDERE CHE IN DEMOCRAZIA POSSA VINCERE LA LEGA O IL CENTRODESTRA: NO:ALL’INVERSA:
1-L’ARIA CHE TIRA E’ LA CRONACA DI UNA MORTE ANNUNCIATA,CIOE LA MORTE POLITICA DI BERLUSCONI CHE IN CASO DI RIVOTO SCENDERA ALLE INFERNI.E SENZA I VOTI DI BERLUSCONI LA LEGA NON VA DA NESSUNA PARTE.INOLTRE L’ARIA CHE TIRA NELLA LEGA E’,CONOSCIUTI I PARTICOLARI DELLA OPERAZIONE MACERATA,CONOSCIUTA LA APROPIAZIONE DI SALVINI E MARONI DEL TESORO BOSSI-BELSITO,E MAN MANO CHE PASSA IL TEMPO,LA SUA PERDITA DI VOTI E IL RITORNO AL 8-13.
PER TUTTI QUESTI MOTIVI BERLUSCONI NON PERMETTERA. CHE SI TORNI A VOTARE.E LA LEGA CI PROVI.NIENTE PAURA,SE VOGLONO MAGGIORANZE IMPOSSIBILI SI TORNI A VOTARE.NE SALVINI,NE BERLUSCONI SARANNO MAI OPZIONI DI GOVERNO.QUESTA E’ L’ARIA CHE TIRA.ANCHE..SOVERANISTA.
LE BRAVUCONATE DI BERLUSCONI E SALVINI E MINACCIE DI RIVOTO OLTRE A UNA BUGGIA E’ UNA FUGA IN AVANTI CHE NO PUO PORTARE CHE INDIETRO,RICORDARE IL FUTURO. NIENTE PAURA SI TORNI AL VOTO,MA BERLUSCA E SALVINI NON LO PERMETTERANNO.ECCO L’ARIA CHE TIRA,SU……SALVINI CI METTA UN SOFFIO!!!!!!

11 APRILE 2018:ECCO CHI VI SCRIVE: PROPIO ORA A CASA MIA,FA CALDO,CE SOLE,SONO SEDUTO ALL’OMBRA GUARDANDO LO SCHERMO DEL MIO HAWAEI CINESE MENTRE VI SCRIVO.E QUELLO CHE VEDETE SOPRA, SONO FOGLIE DI UN ALBERO DI FICO CHE MI COPRE.

SE VOLETE POTETE ASCOLTARE LA MIA VOCE AL 099114886 DI URUGUAY O PURE VEDERMI DIRETTAMENTE IN UNA VIDEO,ALL’ARIA APERTA DI QUEL PAESE.

12 APRILE 2018:SALVINI PERVERSO
.

REAZIONE:
1-SALVINI PROFETICO:”SI VINCE O SI MUORE”:HA PREVISTO LA MORTE POLITICA DEI BERLUSCONES…….
2-DELLA FORNERO HA DETTO DI TUTTO TRANNE CHE E’ LESBICA MA..FORSE SALVINI VUOLE MANDARE IN PENSIONE DEGLI AMICI SUOI CHE LA FORNERO HA MESSO IN ATTESA FINO ALLE 70,E PARLA UNO COME ME CHE E’ STATO NUOCIUTO DALLA LLEGGE FORNERO POICHE HO DOVUTO ATTENDERE PER PENSIONARMI DI MEDICO IN UNA PROCEDURA GIA INIZIATA.
3-LE BANCHE?NON DEVO SPIEGARE QUANTO DETTO SOPRA.SALVINI E’ UN DEMAGOGICO,CORROTTO,BUGGIARDO E ….PERVERSO NEL SENSO ETIMOLOGICO DELLA PAROLA.
4-LA MONTAGNA….

5-MA…..SALVINI PER CHI VUOLE GOVERNARE?MA………CI HA MAI ANDATO A QUEL PAESE..?(SAPESSI QUANTA GENTE CHE CI STA,IL PRIMO CITTADINO E’ AMICO MIO….)

.
12 APRILE 2018:MARTINIQUE,ANTILLAS

La Martinica è un’aspra isola caraibica parte dell’arcipelago delle Piccole Antille. Appartenente alla Francia, la sua cultura è caratterizzata da una particolare mescolanza di influssi francesi e delle Indie occidentali. La sua città più grande, Fort-de-France, ha ripidi colli, strade strette e La Savane, un giardino circondato da bar e negozi. Qui si trova una statua di Joséphine de Beauharnais, prima moglie di Napoleone Bonaparte, nativa dell’isola.
 .
Capitale: Fort-de-France
Prefisso telefonico nazionale: +596
Valuta: Euro
Continente: America del Nord
.

https:.google.com.uy/search?q=martinica&oq=martini&aqs=chrome.1.69i57j0l3.34264j0j4&client=ms-android-huawei&sourceid=chrome-mobile&ie=UTF-8#dest_bgc=01579B&dest_mid=/m/04vg8&fpstate=trfpi&trifp=cxt%3Do%26t%3Dop

12 APRILE 2018:PEDOFILIA IN CILE,AGGIORNAMENTI,IL PAPA CAMBIA

-SU LE MONDE:lemonde.fr

Pédophilie au Chili : le pape reconnaît de « graves erreurs » d’appréciation

Dans une lettre adressée aux trente-deux évêques du pays, le pontife souhaite les convoquer à Rome pour discuter des résultats d’une enquête sur des cas d’abus sexuels.

LE MONDE | • Mis à jour le | Par Cécile ChambraudLe pape François sur la place Saint-Pierre de Rome, le 11 avril.Le pape François sur la place Saint-Pierre de Rome, le 11 avril. ANDREW MEDICHINI / AP

C’est un mea culpa qui fera date dans l’histoire de ce pontificat. Le pape François reconnaît « avoir commis de graves erreurs d’appréciation et de perception » dans la crise qui secoue l’Eglise chilienne à propos d’accusations d’actes de pédophilie et d’agressions sexuelles portées contre certains des membres du clergé.

Le Vatican a rendu publique, mercredi soir 11 avril, la lettre tout à fait inhabituelle que le chef de l’Eglise catholique a adressée aux évêques chiliens, et dans laquelle il reconnaît ses torts. Datée du 8 avril, cette missive, et sa publication encore plus hors du commun, est un nouvel épisode dans cette affaire qui avait tourné au désastre pour le pape François, lors de sa visite au Chili, en janvier.

Lire aussi :   Au Chili, le pape François déçoit les victimes de prêtres pédophiles

Au cours de ce déplacement, le pape avait pris la défense de l’évêque Juan Barros. Nommé par François, en janvier 2015, à la tête du diocèse méridional d’Osorno, il est accusé par plusieurs personnes d’avoir couvert les agressions sexuelles commises pendant des années par un prêtre charismatique de Santiago, Fernando Karadima, condamné par l’Eglise pour pédophilie en 2011. En janvier, François s’était dit convaincu de l’innocence de Mgr Barros. Il avait accusé les victimes de calomnie et leur avait reproché de n’apporter aucune preuve à l’appui de leurs accusations.

Le pape François a écrit sa lettre aux évêques après avoir pris connaissance des 2 300 pages du rapport que lui ont remis ses deux envoyés spéciaux au Chili, Mgr Charles Scicluna, archevêque de Malte, et le père Jordi Bertomeu Farnos, membre de la Congrégation pour la doctrine de la foi. Les deux ecclésiastiques avaient été dépêchés en catastrophe par le pontife lorsque, de retour à Rome, celui-ci s’était rendu compte des dégâts occasionnés par ses propos au Chili.

Lire aussi :   Après sa désastreuse visite au Chili, le pape riposte sur la pédophilie

« Manque d’information fiable et équilibrée »

Les deux envoyés spéciaux, indique le pape, ont collationné soixante-quatre témoignages et lui ont avoué s’être sentis « accablés par la douleur de tant de victimes de graves abus de conscience et de pouvoir et, en particulier, des abus sexuels commis par plusieurs personnes consacrées (…) à l’encontre de mineurs ». François impute, au moins en partie, son erreur d’appréciation à un « manque d’information fiable et équilibrée ».

« Après une lecture attentive du rapport, je crois pouvoir affirmer que tous les témoignages recueillis parlent de manière crue, sans additif ni édulcorant, de beaucoup de vies crucifiées, et je vous confesse que cela m’a causé douleur et honte », écrit le pape.

« Je demande à présent pardon à tous ceux que j’ai offensés et j’espère pouvoir le faire personnellement, dans les prochaines semaines, dans des rencontres que j’aurai avec des représentants des personnes rencontrées [par ses envoyés spéciaux] », ajoute Jorge Bergoglio.

Lire aussi :   La réforme du pape à l’épreuve de la pédophilie

Quelles seront les conséquences de la reconnaissance sans faux-fuyant de ce dysfonctionnement majeur de la hiérarchie catholique ?

Dans sa lettre, François invite les trente-deux évêques chiliens à se rendre à Rome, à une date encore indéterminée, pour « dialoguer » sur la base des conclusions de ce rapport et pour en tirer des conséquences pour l’avenir. Le nom de l’évêque Barros n’est pas cité dans la lettre, mais il est peu douteux qu’il soit sur la sellette. Cependant, l’ampleur de la reconnaissance des erreurs de la hiérarchie catholique laisse à penser que l’exercice d’autocritique auquel est conviée la hiérarchie chilienne dépassera largement son cas.

Manipuler par les « gauchistes »

Le pape pourrait aussi tirer les conséquences de ce que, comme il le mentionne lui-même, il a le sentiment d’avoir manqué, dans cette affaire, « d’information fiable et équilibrée ». Or la crise chilienne touche le Vatican au moins depuis janvier 2015 et la nomination de Mgr Barros dans le diocèse d’Osorno.

Aux personnes qui tentaient d’alerter le pape sur le trouble dans lequel cette nomination avait plongé le diocèse, le pape François répondait qu’il ne fallait pas se laisser manipuler par les « gauchistes ». Toutes les courroies de transmission entre le Chili et le Saint-Siège sont donc potentiellement en difficulté, qu’il s’agisse de la Conférence épiscopale chilienne ou de la nonciature. En attendant cette réunion, François a suggéré aux évêques chiliens de mettre leur Eglise « en état de prière ».

http:.lemonde.fr/europe/article/2018/04/12/pedophilie-au-chili-le-pape-reconnait-de-graves-erreurs-d-appreciation_5284171_3214.html

REAZIONE:CITARE TUTTI IN VATICANO PER UNA PEDOFILIA CHE COINVOLGE JUAN BARROS E FERNANDO KARADIMA PRINCIPALMENTE MI PARE UNA VERA E PROPIA INNOMINIA PER LA CHIESA CATTOLICA CILENA,NON LO HA FATTO PER PELL IN AUSTRALIA,NON LO HA FATTO PER IRLANDA DOVE SI TROVA IL MAGGIOR NUMERO DI PEDOFILI,NON LO HA FATTO PER USA,ECC.MA COSA HA CAMBIATO DA QUANDO HA MANDATO DEI RAPRESENTANTI IN QUEL PAESE…..?


VENERDI 13 APRILE 2018:LE OVVIETA DEMOCRATICHE DELLE CONSULTAZIONI,
EDITORIALE NUOVA ERA

1-NON E’ POSSIBILE CHE SALVINI SIA IL PREMIER DEGLI ITALIANI.I MOTIVI SONO OVVIE E SONO TANTO DI CONVENIENZA NAZIONALE CHE INTERNAZIONALE.
2-ALTRE TANTO OVVIO RISULTA CHE IL PREMIER DEVE ESSERE L’UOMO PIU VOTATO E NON LO SCHIERAMENTO POLITICO PIU VOTATO.E DI MAIO RIEMPE CON ABONDANZA QUESTA ESSIGENZA.INOLTRE SONO UNANIME ALL’ESTERO,SIA IN EUROPA CHE NEL RESTO DEL MONDO,LE PREFERENZE PER DI MAIO.
3-NON SI DEVE TORNARE A RIPETERE L’ERRORE DELLE ELEZIONI SCORSE DOVE AVENDO VINTO BERSANI SI HA GOVERNATO CONTRO CIO CHE LUI HA PROMESSO AGLI ITALIANI IN CAMPAGNA E COSI ABBIAMO AVUTO UN PREMIER SENZA LEGGITTIMITA E IL REFERENDUM LO HA DIMOSTRATO.E ABBIAMO AVUTO IL GOVERNO DI UN PARTITO SENZA LEGITTIMITA,UN PARTITO UNICO,IL PARTITO-NAZIONE CHE GOVERNAVA AUTARCHICAMENTE A COLPI DI  INTERNE E COSI E’ ANDATO A FINIRE.E COSI E’ ANDATO A FINIRE FI CHE HA FATTO QUESTI DISASTRI CON NAPOLITANO.
4-DI MAIO DEVE SMETTERLA DI INCLUDERE LA LEGA,NON E’ POSSIBILE,NON HA VINTO ELETTORALMENTE IL DIRITTO DI ENTRARE NEL GOVERNO DEGLI ITALIANI FRA LE ALTRI MOTIVI.
5-IL PD STIA ALL’ALTEZZA DELLA ORA E SI PRENDA LE SUE RISPONSABILITA NEL DISASTRO ATTUALE,HA L’OCCASIONE DI REDIMIRSE.
6-NON SI CAPISCE COSA STA FACENDO MATTARELLA,IL MAGGIORITARIO CE GIA E NON OCORRE INSISTERE CON GOVERNI DEGLI SCHIERAMENTI.SONO QUESTI I CONCETTI DA VALUTARE E NON SE SI HA VOTATO CON IL PROPORZIONALE O COSA.MATTARELLA MALE,E’OVVIO CIO CHE DEVE FARE,DIA L’INCARICO A DI MAIO.
PD:MATTARELLA SI COMPORTA CON ANIMO CONTINUISTA,COME UOMO DELLO STABLISHMENT,CIO’E’ DEL CETO GOLPISTA,SI HA GIA VOTATO E NON E’ MOMENTO DI INVOCARE IL SISTEMA ELETTORALE,PROPORZIONALE O MAGGIORITARIO CHE SIA( CHE POI QUESTO SISTEMA ELETTORALE LO HANNO VOLUTO TUTTI),MA ORA IL COMPITO E’ DI DARCI UN PREMIER VOTATO DALLA GENTE E NON UN NON VOTATO CHE SOLO FAVORIREBBE BERLUSCONI.
CHE PRETENDE CONTINUARE A ESSERE ULTIMO PREMIER ELETTO DIRETTAMENTE DAL VOTO(NON VUOLE NE NUOVO VOTO NE PREMIER CANDIDATATO,VUOLE UN TERZO NON ELETTO)
CONOSCO UN NOTO GOVERNANTE DI UNA REPUBBLICA BANANERA CHE HA RIFORMATO LA COSTITUZIONE 4 VOLTE FIN CHE E’ RIUSCITO A FARSI ELEGGERE PRESIDENTE.E LA SUA FAMIGLIA VANTAVA 4 PRESIDENTI CON LO STESSO NOME:MATTARELLA VUOLE TRANSFORMARE ITALIA IN UNA REPUBBLICA BANANERA?ANCHE LUI DEVE LASCIARE L’INCARICO IN QUESTA TURNATA ELETTORALE.

.
-13 APRILE 2018:MESSAGGIO AGLI ITALIANI

-SU LA REPUBBLICA:

Rep:

Approfondimento
Trasporti
Alitalia nel mirino della Ue: “Il prestito è aiuto di Stato”

Bruxelles vuole accertare la natura dei 900 milioni dati dal governo alla compagnia
BRUXELLES. La Commissione europea è pronta ad aprire una procedura formale per aiuti di Stato su Alitalia. La decisione è stata presa, così come è già pronta la lettera da inviare al governo italiano con una serie di domande sul dossier. Questione di giorni, giusto il tempo di completare i riti burocratici interni a Bruxelles. In settimana, al più tardi tra dieci giorni, la decisione dell’Antitrust europeo sarà resa pubblica. Nel mirino …

https:rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/04/13/news/alitalia_nel_mirino_della_ue_il_prestito_e_aiuto_di_stato_-193794246/
.

REAZIONE:IL PROSSIMO GOVERNO ITALIANO SARA EUROSCETTICO SIA DI DI MAIO,SIA DI SALVINI.NON PROPIAMENTE ANTI EUROPEO NEL PRIMO CASO,SI PER PARTE DI SALVINI,E VISTO CHE LUI PARACADUTISTA NON E’,AL CENTRODESTRA VA INDIRIZZATO QUESTO MESSAGGIO.
.
-ANNESSO:TITOLARE LA REPUBBLICA:
Potrebbero Interessarti:

Aprofondimento
Trasporti
Alitalia in bilico. Air France lancia un salvagente: più rotte sugli Usa
DI LUCIO CILLI
.

13 APRILE 2018:ATTACCO A ASAD

-TITOLARE CORRIERE DELLA SERA:
USA


E Trump su Twitter: attacco perfetto, missione compiuta
di Redazione Online

Il tweet: «Grazie alla Francia e alla Gran Bretagna per la loro saggezza e le capacità dei loro eserciti»

May: «Non avevamo alternative»

REAZIONE:SPERIAMO CHE TRUMP LA SMETTA DI APPOGGIARE PERSONAGGI DEL SUO INTORNO COME BANNON DI SUPREMAZIA BIANCA CHE SI RIUNISCONO CON SALVINI,LE PEN E ALTRI ANTIEUROPEI E CI DISTABBILIZZANO:TRUMP SIA CHIARO CON CHI STA E CON CHI NO.

-APPENDICE:TITOLARE SU CORRIERE DELLA SERA:

CRISI IN MEDIO ORIENTE

Attacco in Siria, Gentiloni: non sia inizio di escalation

di Redazione Online

Il premier: «L’Italia non ha partecipato all’attacco». Martedì il governo riferirà in Senato sulla crisi siriana

.
REAZIONE:NON PUO RESTARE IMPUNITO CHI AVVELENA IL POPOLO,NON E’ NEL DNA DEGLI ITALIANI.

13 APRILE 2018:CE LA SPAGNA,VUOLE APROFITTARE IL BREXT PER APROPIARSI DI GIBILTERRA

-SU MERCOPRESS(SOUTH ATLANTIC NEW AGENCY)

Juncker insiste sul fatto che l’accordo di Brexit deve “rispettare pienamente” il veto della Spagna su Gibilterra
.
Venerdì 13 aprile 2018 – 09:07 UTC Articolo completo 4 commenti
nintchdbpict000314104656
Il controverso diritto di veto della “clausola 24” nella proposta negoziale dell’UE di concedere alla Spagna la possibilità di estendere il regime transitorio includendo Gibilterra.
1057-8-a-epa
Juncker stava rispondendo a una domanda presentata congiuntamente dai deputati laburisti e conservatori di Gibilterra, Clare Moody e Ashley Fox
.
Jean Claude Juncker, presidente della Commissione europea, ha nuovamente sottolineato la posizione dell’UE secondo cui l’accordo sulla Brexit deve “rispettare pienamente” le condizioni del veto di Gibilterra concesso alla Spagna negli orientamenti negoziali del blocco.

Juncker risponde a una domanda al Parlamento europeo presentata congiuntamente dai deputati laburisti e conservatori di Gibilterra, Clare Moody e Ashley Fox, chiedendo se il periodo transitorio si applicherebbe automaticamente a Gibilterra.

“Concorda la Commissione sul fatto che gli europei entusiasti che vivono a Gibilterra, che hanno votato al 96% di rimanere nell’Unione europea, hanno anche diritto a una partenza ordinata e senza intoppi, così come i 13 000 cittadini dell’UE di tutte le parti dell’Unione che vivono in Spagna e lavoro a Gibilterra? “avevano chiesto i due deputati.

“Considerato che nessuno ha da guadagnare dalla mancata applicazione delle disposizioni transitorie a Gibilterra, può la Commissione indicare se ha obiezioni, in linea di principio o in diritto, a Gibilterra mantenendo le sue relazioni esistenti con l’Unione europea in linea con eventuali accordi negoziati con il Regno Unito per il periodo successivo al marzo 2019? ”

Il controverso diritto di veto della “clausola 24” nella proposta negoziale dell’UE di concedere alla Spagna la possibilità di estendere il regime transitorio includendo Gibilterra. Sia il Regno Unito che Gibilterra rifiutano questa posizione e affermano che il Rock è completamente coperto dall’accordo di ritiro.

Rispondendo ai deputati questa settimana, Juncker ha riaffermato ancora una volta la posizione negoziale dell’UE e ha deferito le linee guida a Mood e Fox.

“In linea con queste direttive, l’ambito territoriale dell’Accordo di revoca, anche per quanto riguarda il periodo di transizione, dovrebbe rispettare pienamente i paragrafi 4 e 24 degli orientamenti del Consiglio europeo del 29 aprile 2017, in particolare per quanto riguarda Gibilterra”, ha detto, riferendosi a la clausola di veto.

Categorie: Politica , Internazionale .
Tag: Brexit , Brexit Gibraltar , Commissione europea , Gibilterra , Jean-Claude Juncker , Spagna , Regno Unito .
.
*Top commenti Disclaimer e regole per i commenti
.
Terence Hill
La clausola 24 non è vincolante se il Regno Unito non è a bordo.Inoltre,non può incidere in alcun modo sull’articolo 50 in quanto non può essere applicato retroattivamente.
“… La regola della legge intertemporale insiste ancora sul fatto che un atto deve essere caratterizzato in conformità con la legge in vigore al momento in cui è stato fatto, o strettamente nella prossima occasione. …
L’acquisizione del territorio in diritto internazionale di Robert Yewdall Jenningsa Giudice della Corte internazionale di giustizia dal 1982. Ha anche ricoperto il ruolo di Presidente della ICJ tra il 1991 e il 1994.
Pubblicato 1 giorno fa 0
.
Brit Bob
All about appeasing Spain.
PM Rajoy- Gibraltar “this is the such territory in Europe and that affects to our own territorial integrity”, said the Mr Rajoy, saying that Britain had “ignored the mandate” of the Assembly General of the UN. (Daily Telegraph, 26 September 2013).
Spain uses the flawed territorial integrity excuse against Gibraltar to deny that the people have the right to self-determination.

Gibraltar – Territorial Integrity (1 page)
https:.academia.edu/29347730/Gibraltar_-Territorial_Integrity
Posted 1 day ago -1
.
golfcronie
Juncker, Juncker stick it up your jumper,no wonder we need to leave the EU with these clowns in charge.
Posted 1 day ago -1
.
Read all comments
Effettua il login o registrati (è gratis!) Per commentare.
Fai il login con facebook
Seguici su Facebook
Seguici su Twitter
Ricevi le nostre notizie sulla tua casella di posta!
Email
Iscriviti
.
Informazioni su MercoPress.
Feed RSS
Contattaci
pubblicizzare
© Copyright 1997 – 2016, MercoPress.
.
http:en.mercopress.com/2018/04/13/juncker-insists-that-brexit-deal-must-fully-respect-spain-s-veto-on-gibraltari gibraltar
.
REAZIONE:RAJOY,I POPOLI HANNO DIRITTO ALLA AUTODETERMINAZIONE,GLI ABITANTI DI GIBILTERRA NON VOGLIONO ESSERE SPAGNOLI.
E SE GIBILTERRA ATTENTA CONTRO LA INTEGRITA TERRITORIALE DELLA SPAGNA COSA DIRE DELLA CATALONIA E PUIGDEMONT,IL SALVINI SPAGNOLO?

http:en.mercopress.com/2018/04/13/barnier-eu-unanimous-solidarity-with-the-spanish-position-on-gibraltar

-APPENDICE:SULLO STESSO SITO ONLINE

Barnier: “Solidarietà unanime” dell’UE con la posizione spagnola su Gibilterra

Venerdì 13 aprile 2018 – 08:55 UTC

Articolo completo,7 commenti
.

Il controverso veto della “Clausola 24” concesso alla Spagna dall’Unione europea nei suoi orientamenti di negoziato sulla Brexit riflette la “solidarietà unanime” dei restanti membri dell’UE con la posizione spagnola su Gibilterra, ha detto in un’intervista il negoziatore della Brexit, Michel Barnier.

Barnier si è detto fiducioso che sarebbe stato raggiunto un accordo per evitare uno scontro per l’inclusione di Gibilterra nell’accordo di transizione, ma ha affermato che senza un simile accordo, il Rock potrebbe lasciare l’UE senza un periodo di attenuazione.

“Sarà il Consiglio europeo a dover valutare la situazione, ma normalmente la transizione non si applicherà a Gibilterra”, ha detto al quotidiano online spagnolo El Español. “In quel caso, Gibilterra andrebbe senza transizione.”

“Ma non mi pongo in quell’ipotesi. Il mio scenario è che, grazie a questa leva, ci sarà un accordo tra il Regno Unito e la Spagna. Spero sia così e sarebbe positivo. ”

Barnier rispondeva alle domande sulla spinosa inclusione di Gibilterra nelle disposizioni di transizione volte ad attenuare il processo di ritiro dall’UE. I governi del Regno Unito e di Gibilterra sono chiari sul fatto che Gibilterra è coperta dal progetto di accordo di ritiro concordato il mese scorso, compreso il periodo di transizione.

Non solo, ma il governo di Gibilterra non ha escluso una sfida legale alla clausola 24, che ritiene illegale. Gibilterra è esplicitamente inclusa nel campo di applicazione territoriale dell’accordo di ritiro e degli accordi di transizione, ma aggiunge anche una nota a piè di pagina che fa riferimento al veto della Spagna.

Ma Barnier ha detto che il veto ha in effetti dato alla Spagna il vantaggio nel processo Brexit, aggiungendo che questo era già in uso. “Il 27, all’unanimità, ha dato alla Spagna una leva di solidarietà”, ha detto a El Español.

“Hanno avvertito che questo periodo di transizione non si applicherà a Gibilterra senza un precedente accordo bilaterale tra la Spagna e il Regno Unito su talune questioni bilaterali relative a Gibilterra”.

“E quella leva è lì e gli inglesi lo sanno bene. E questa leva è attualmente in uso, poiché c’è una discussione, che mi è stata detta specifica e piuttosto costruttiva, tra gli inglesi e gli spagnoli su vari punti in termini di tassazione, ambiente o funzionamento dell’aeroporto di Gibilterra “.

Ha aggiunto: “Le discussioni stanno progredendo. E penso che la leva di solidarietà che abbiamo dato alla Spagna sarà efficace “. Barnier ha affermato che le questioni in discussione – l’intervistatore ha menzionato la trasparenza fiscale, il contrabbando,” l’uso congiunto “dell’aeroporto e la protezione ambientale – erano” ragionevoli “. ”.

“Lavoro molto con Alfonso Dastis e con tutta la squadra del presidente Rajoy e mi fido di loro”, ha detto Barnier a El Español. “Hanno questa leva, che è una leva di solidarietà unanime degli altri 26 Stati membri. Gli inglesi lo hanno capito bene ed è per questo che sono in corso discussioni “.

Categorie: Politica , Internazionale .
Tag: Brexit , membri dell’UE , Unione Europea , Gibilterra, Michel Barnier , Spagna , Regno Unito Gibilterra , Regno Unito .

Top commenti,Disclaimer e regole per i commenti

DemonTree

Fuckers. Non ci hanno mai dato una solidarietà unanime sulle Falkland.

Pubblicato 1 giorno fa

Brit Bob

“E quella leva è lì e gli inglesi lo sanno bene. E questa leva è attualmente in uso, dal momento che c’è una discussione, che mi è stata detta specifica e piuttosto costruttiva, tra gli inglesi e gli spagnoli su vari punti in termini di tassazione, ambiente o operatività dell’aeroporto di Gibilterra. ”

Dastis, spagnolo Il ministro degli Esteri, la Spagna “ha un credito” sulla superficie del terreno su cui è costruito l’aeroporto. (Cronaca 25 febbraio 18). Ma …

Gibilterra – Accordo di Helsinki 1975 (1 pg)

https:.academia.edu/32824301/Gibraltar_-Helsinki_Accord_1975
(già firmato).

Pubblicato 1 giorno fa

.

La voce

Juckner, Tusk e ora questo twat dimostrano chiaramente perché così tanti di noi sentono che dovremmo ritirarci dall’Ue Superstate. Peccato, un’organizzazione del genere avrebbe potuto essere così buona … Siamo stati costretti a uscire. Lo rimpiangeranno.

Pubblicato 1 giorno fa

About MercoPress

Feed RSS

© Copyright 1997 – 2016, MercoPress.
 http:en.mercopress.com/2018/04/13/barnier-eu-unanimous-solidarity-with-the-spanish-position-on-gibraltar
-APPENDICE 2:SULLO STESSO SITO ONLINE
Il Regno Unito può ancora invertire la sua decisione sulla Brexit fino al 2021, afferma Michel Barnier

Venerdì 13 aprile 2018 – 08:50 UTC

Articolo completo,4 commenti

Il capo negoziatore dell’UE, Michel Barnier, ha affermato che il Regno Unito può invertire la propria posizione sull’abbandono del mercato unico e dell’unione doganale fino alla fine del periodo transitorio della Brexit. Il funzionario dell’UE ha dato a Theresa May fino al 31 dicembre 2020 di cambiare idea sul fatto che la Gran Bretagna esca dalla coppia mentre si ritira dall’UE, dicendo: “Finché non se ne sono andati, durante il periodo di transizione, tutto è ancora possibile”.

Il primo ministro ha tenuto un discorso a marzo per ripetere le “linee rosse” che il Regno Unito lascerà il mercato unico e l’unione doganale, nonché la giurisdizione della Corte di giustizia europea. Il Regno Unito lascerà formalmente l’UE il 29 marzo 2019, due anni dopo l’invocazione dell’articolo 50.

Il periodo di transizione di 21 mesi si concluderà il 31 dicembre dell’anno successivo, in coincidenza con la fine del bilancio settennale dell’UE.

Parlando con i giornalisti europei, Barnier ha dichiarato: “Se i britannici desiderano modificare le loro linee rosse, modificheremo le nostre di conseguenza. Oggi non lo sento, ma tutto è possibile, non c’è dogmatismo “.

Ha aggiunto: “Ciò che crea il problema in Irlanda, è la decisione del Regno Unito di lasciare l’UE, ma anche di lasciare ciò che non è obbligatorio lasciare, vale a dire il mercato unico e l’unione doganale.

Tag: Brexit , Unione Europea , Michel Barnier , Theresa May , Regno Unito .
.
*Pontefractious

Ancora una volta Barnier mostra il suo lato sofisticato. Nessuno che seriamente vuole fare le cose si abbandona a questo genere di diplomazia da megafono (una colpa se si sa la verità che ha distinto le comunicazioni da entrambe le parti). Hanno bisogno di sbarazzarsi di Barnier, Tusk e del loro gruppo di sfilati di torre d’avorio e prendere alcune persone che non sono infastidite dall’idea di punire il Regno Unito e che ascolteranno coloro che in Europa hanno interesse a mantenere relazioni forti con il post-Brexit britannico.Pubblicato 1 giorno fa

.

*Darragh

Barnier, Juncker e Tusk aka Curly, Larry e Mo

Pubblicato 1 giorno fa

.

*golfcronie

può f ** k off è probabilmente il termine migliore

Pubblicato 1 giorno fa

Leggi tutti i commenti

Effettua il login o registrati (è gratis!) Per commentare.Fai il login con facebook

  • Informazioni su MercoPress.
  • Feed RSS
  • Contattaci
  • pubblicizzare

© Copyright 1997 – 2016, MercoPress.

http:en.mercopress.com/2018/04/13/uk-can-still-reverse-its-brexit-decision-until-2021-says-michel-barnier

REAZIONE:COME SI VEDE C’E’ UNA GROSSA OFFENSIVA CONTRO IL BREXIT

16 APRILE 2018:ATTACCO A ASSAD,ITALIA DALLA PARTE DELLA SOLUZIONE

-SU LA REPUBBLICA:

NAPOLI CRONACA
.

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha inviato la scorsa settimana al Contrammiraglio Arturo Faraone – comandante della capitaneria di porto di Napoli – una nota relativa alla presenza in rada, nelle scorse settimane di un sottomarino nucleare statunitense.

“Ho appreso – scrive il primo cittadino – che lo scorso 20 marzo il sottomarino nucleare statunitense Uss John Warner è approdato nella rada della nostra città. Ho letto anche l’ordinanza n.17/2018 che Lei ha emesso per le necessarie e correlate disposizioni di sicurezza e di navigazione. Desidero, a tal proposito, ribadire che il 23 settembre 2015 è stata approvata, su mia iniziativa, la delibera n.609 con la quale è stata dichiarata “area denuclearizzata” il porto di Napoli. L’atto – prosegue il sindaco – pone in evidenza la volontà di interdire l’attracco e la sosta, di qualsiasi natante a propulsione nucleare o che contenga armamenti nucleari. Non solo, ma esprime e riafferma il ruolo di Napoli “Città di Pace”, rispettosa dei diritti fondamentali di ciascuno, convinta del disarmo e della cooperazione internazionale.”

La nota del sindaco de Magistris si chiude con la richiesta all’ammiraglio Faraone “di considerare, per analoghe situazioni future che la determinazione e la volontà menzionate nella delibera 609 sono dirette al non gradimento che navi di tale caratteristiche sostino o transitino nelle acque della nostra città”.

Il sottomarino nucleare statunitense Uss John Warner, di cui il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha lamentato la presenza in rada lo scorso 20 marzo, risulta essere uno degli assetti americani che ha partecipato all’attacco missilistico in Siria.

Il canale YouTube Aiir Source military, che raccoglie filmati relativi alle attività delle forze armate statunitensi, ha infatti pubblicato un video che risalirebbe a sabato, il giorno dell’attacco, e che mostra il lancio di un missile Tomahawk da un sottomarino indicato appunto come il John Warner (SSN 765) dislocato nel Mar Mediterraneo.

La presenza del sottomarino a Napoli, in rada, risale al 20 marzo, quindi settimane prima del sospetto attacco chimico a Duma, che è del 7 aprile.

Il sottomarino nucleare che a marzo era a Napoli, sempre da canali YouTube specializzati in questioni militari, risulta essere salpato dal porto di Gibilterra il 5 aprile. Il Pentagono, sottolineano le stesse fonti, ha confermato la partecipazione all’attacco in Siria del John Warner che avrebbe lanciato in tutto sei missili Tomahawk.

LE PROTESTE CONTRO l’ATTACCO Firenze| Genova

La stessa amministrazione Usa ha diffuso foto e video del lancio di missili da bordo del sottomarino. Il John Warner – soprannominato “Sledgehammer of Freedom” dall’equipaggio – è essenzialmente un sottomarino d’attacco che può essere utilizzato per diverse missioni, tra cui sorveglianza, ricognizione, ricerca e soccorso, così come il lancio di missili, siluri e mine.

Il sommergibile Usa risulta aver partecipato, tra il 2 e il 16 marzo, all’esercitazione della Nato Dynamic Manta 2018 (DYMA 18) una delle più importanti e complesse attività addestrative dell’Alleanza Atlantica che si svolge al largo delle coste siciliane.

Vi hanno partecipato navi, sottomarini, aerei e militari di dieci nazioni alleate che si sono addestrati alla lotta anti sommergibile e alla lotta contro i mezzi di superficie. Insieme al John Warner c’erano anche sommergibili provenienti da Canada, Grecia, Italia, Spagna e Turchia, sotto il controllo del Comando sommergibili della Nato. Inoltre nove navi di diversi Paesi, insieme a aerei e elicotteri..

Siria, Gentiloni: “Azione mirata e circoscritta, ma non sia inizio di un’escalation”. L’attacco spacca il centrodestra

REAZIONE:LE OVVIETA DELL’ATTACCO ALLA SIRIA
1-GIBILTERRA SICILIA,NAPOLI,ITALIA E NATO UN SOLO CUORE
2-GENTILONI BUGGIARDO,HA DETTO CHE ITALIA NON AVEVA PARTECIPATO ALL’ATTACCO
3-SALVINI E BERLUSCONI,CIO’E’ CENTRODESTRA DEMAGOGICO,SANNO BENISSIMO CHE ITALIA NON PUO FARE DI ALTRO MODO MA PARLANO CON PAROLE DI OCCASIONE ELETTORALE,IL PRIMO DISCOSTANDOSI DALL’ATTACCO E METTENDOSI DALLA PARTE RUSSA,E L’ATRO FACENDO GALA DI DELIRANTE MEGALOMANIA DICENDOSI A FAVORE DELLA PACE E DEL NON RITORNO ALLA GUERRA FREDDA:”NUN CI VOLE LU TO BRODO BERLUSCONI”.
4-DI MAGISTRIS PROTESTA PER LA PRESENZA DI MATERIALE NUCLEARE,NON DELLA NAVE NATO NEL PORTO DI NAPOLI.
5-DI MAIO SI HA DETTO SOSTENITORE DI ITALIA NEL PATTO ATLANTICO.
INSOMMA ITALIA,IL SUD ITALIA,A ATTACCATO LA SIRIA DI ASSAD E SI HA MESSO DALLA PARTE DELLA SOLUZIONE,SALVINI E BERLUSCONI NO.E OVVIO QUINDI CHE L’INCAR
RICO MATTARELLA DEVE DARLO A DI MAIO.

17 APRILE 2018:E’ FATTA,ABEMUS GOVERNO(ACCORDO M5s-PD)

-SU LA STAMPA:

Il Movimento Cinque Stelle apprezza la mossa dei democratici
LAPRESSE

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

186
0
Pubblicato il 17/04/2018
Ultima modifica il 17/04/2018 alle ore 19:24

Ancora tutto fermo nella partita relativa al governo, in attesa della decisione del presidente Mattarella per superare lo stallo fra i partiti.

«In Parlamento e nel Paese facciamo vivere le nostre battaglie e il nostro impegno quotidiano per un’Italia migliore – scrive su Facebook il reggente del Pd Maurizio Martina -. Ripartiamo dalle nostre proposte concrete, confrontiamoci con i cittadini a partire dai loro bisogni e dalle loro aspettative. Lasciamo ad altri tatticismi, scontri personali e di potere. Noi pensiamo all’Italia».

«Ecco – elenca Maurizio Martina in un post su Facebook – le prime tre proposte Pd: Povertà. Allargare il Reddito di Inclusione per azzerare la povertà assoluta in tre anni e potenziare le azioni contro la povertà educativa; Famiglie. Introdurre l’assegno universale per le famiglie con figli, la carta dei servizi per l’infanzia e nuovi strumenti di welfare a favore dell’occupazione femminile, per ridurre le diseguaglianze e sostenere il reddito dei ceti medi; Lavoro. Introdurre il salario minimo legale, combattere il dumping salariale dei contratti pirata anche valorizzando il Patto per la Fabbrica promosso dalle parti sociali. Tagliare ancora – propone il reggente del Pd – il carico fiscale sul costo del lavoro a tempo indeterminato per favorire assunzioni stabili con priorità a donne e giovani, norme per la parità di retribuzione dei generi».

La replica M5s: iniziativa utile

«La proposta avanzata da Maurizio Martina – commentano in una nota i capigruppo M5S di Camera e Senato, Giulia Grillo e Danilo Toninelli – rappresenta un’iniziativa utile ai fini del lavoro che sta svolgendo il comitato scientifico per l’analisi dei programmi presieduto dal professore Giacinto Della Cananea. Abbiamo sempre detto che ciò che vogliamo fare è partire dai temi che interessano ai cittadini».

Salvini apre a una figura terza

Il leader della Lega Salvini apre all’ipotesi di una “figura terza” come premier: «Se ci fosse qualcuno in gamba che sottoscrive un programma che condivido, perché no? Io a differenza di Di Maio non sono qua a dire o governo io o non si fa niente».

—–

Salvini: “Lavoriamo per dare un governo coeso. Resta il no al Pd”LAPRESSE

Interrogato dai cronisti che lo attendono fuori di Palazzo Madama su come vedrebbe un eventuale mandato da parte del Quirinale al presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, Salvini risponde: «Può fare un buon lavoro».

—–

LEGGI ANCHE Fontana (Lega): “Via le sanzioni a Mosca, ci sono costate un miliardo di euro l’anno” (Amedeo La Mattina)

-VIDEO:

Salvini a Di Maio: “Dice `io ho vinto, io faccio il premier´, scendesse da piedistallo”

ANSA

REAZIONE:SALVINI E BERLUSCONI HANNO VOLUTO FARE I FURBI E ALLUNGARE I TEMPI DELLE CONSULTAZIONI PERCHE IN MOLLISE E FRIULI CI SARANNO ELEZIONI CHE SECONDO LORO VINCEREBBERO CIO CHE SAREBBE DECISIVO PER DARE LA CARICA DI PREMIER A SALVINI.(1)
COSI LE COSE DI MAIO SI HA AFRETTATO A CHIUEDRE UN FORNO(LEGA)E HA SFORNATO QUELLO DEL PD.IL PD POSTRENZI CI STA COGLIE LA SFIDA,APRE A DI MAIO.E ANCHE SI ADEGUA ALLA SITUAZIONE INTERNAZIONALE.
INSOMMA NON CE PIU NIENTE DA ASPETTARE,E MI RACCOMANDO,MATTARELLA NON FACCIA IL FURBO,NIENTE MANDATO ESPLORATIVO ALLA CASELLATI,ABEMUS GOVERNO,LA COSA E’ FATTA.
(1)LE ELEZIONI NAZIONALI HANNO GIA FINITO E HA VINTO DI MAIO.COSA SUCCEDERA DOMENICA NON IMPORTA E NON CREDO VINCA SALVINI.

-APPENDICE:FINALMENTE IL PD CONTRO IL TERRORISMO ISLAMICO

LaStampa.it MONDO
SEZIONI
Gentiloni sulla Siria: “Italia non neutrale, noi sempre con gli Usa. Armi chimiche inaccettabili”
Il premier alla Camera: “Reazione mirata e motivata”

LAPRESSE
Paolo Gentiloni durante il suo intervento alla Camera dei Deputati

Pubblicato il 17/04/2018
Ultima modifica il 17/04/2018 alle ore 19:10
FRANCESCA SCHIANCHI
ROMA
“L’Italia non è un Paese neutrale che sceglie di volta in volta con chi schierarsi tra Alleanza Atlantica e Russia. È un coerente alleato degli Stati Uniti e non di questa o quella amministrazione USA. Nessuna stagione sovranista può portare al tramonto dell’Occidente e dei suoi valori”. È sul finire del suo intervento, di fronte a un’Aula silenziosa e assorta – i nuovi deputati per la prima volta chiamati al cospetto del vecchio governo – che il premier in carica per gli affari correnti, Paolo Gentiloni, arriva chiaramente al nocciolo della questione. Chiamato a riferire sulla crisi siriana e l’attacco franco-anglo-americano del weekend, impegnato a ripercorrere lo svolgersi dei fatti e la posizione italiana – “l’Italia non ha partecipato all’attacco e ha esplicitamente condizionato l’attività di supporto logistico, in particolare la base aerea di Aviano, al fatto che non partissero azioni dirette a colpire il territorio siriano” – si preoccupa di sottolineare, pur con le prudenze e le sfumature del caso, la nostra appartenenza.

Leggi anche – L’Onu è a Douma. Parigi: i russi cancellano le prove

L’Aula è quasi piena, ma non del tutto, Di Maio e Meloni gli unici leader presenti. Ai banchi del governo, Gentiloni siede accanto a Finocchiaro e Pinotti, davanti a lui l’ancora sottosegretaria Boschi. “Inaccettabile l’uso delle armi chimiche” come successo a Douma, spiega il capo del governo, definendo “motivata, mirata e circoscritta” la risposta degli alleati. “Siamo contrari a ogni escalation. E abbiamo ribadito la convinzione dell’impossibilità di trovare una soluzione solo con l’uso della forza. Non si tratta di una posizione recente o improvvisata: è quanto andiamo ripetendo da anni”, ricorda ai colleghi seduti dinanzi a lui. Per quanto riguarda la Russia, “non ci sarà ricostruzione se non ci sarà transizione: la Russia può e deve essere sfidata su questo terreno”. E su Assad, il presidente siriano: “Siamo di fronte alla tragedia di un regime orribile, eppure da anni il negoziato è inevitabile”. Al nuovo Parlamento, popolato in gran parte da nuovi e giovani deputati, chiede unità: “Sui capisaldi della nostra politica estera, credo sia molto importante che si amnisti la convergenza parlamentare più ampia possibile. Non nell’interesse del governo dimissionario, ma dell’Italia”.

Pochi applausi, solo dai banchi Pd e qualcuno dalle parti di Forza Italia. Poi è il momento delle repliche e, per il premier ancora in carica, di trasferirsi a ripetere le comunicazioni in Senato, davanti al leader leghista Salvini. E al suo ex segretario Renzi: per la prima volta i due sono nello stesso emiciclo a parti invertite.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati
http:.lastampa.it/2018/04/17/esteri/gentiloni-inaccettabile-luso-di-armi-chimiche-in-siria-oEOeuq2mGOfUnJNkSBlXWI/pagina.html

REAZIONE:EVIDENTEMENTE QUESTO PD NON E PIU QUELLO DI RENZI.IL GOVERNO DEL PD DEVE ESSERE IL GOVERNO DI TUTTI GLI ITALIANI E NON DEL PARTITO UNICO.

18 APRILE 2018:COSA E'”CENTRODESTRA”?
.
-TITOLARE LA STAMPA:
Incarico a Casellati per l’ipotesi di governo tra centrodestra e M5S: “Venerdì riferirà”
Il ritratto della presidente | Il confronto con Fico
Così il mandato di governo potrebbe diventare pieno
AMEDEO LA MATTINA, FABIO MARTINI

,
REAZIONE:COSI E’ COLPO DI STATO.
BERLUSCONI HA PIAZZATO UNA SUA FIGURA,UN TERZO IN DISCORDIA NON CANDIDATO E NON ELETTO.E LUI CONTINUA A ESSERE ULTIMO PREMIER ELETTO DIRETTAMENTE DAL VOTO.
SALVINI PERO HA PERSO,LUI NON POTEVA ESSERE PREMIER DEGLI ITALIANI.
INSOMMA VOTARE NON HA SERVITO A NIENTE:COLPO.IL SISTEMA CONTINUA.
MATTARELLA NON HA IL CUORE IN PACE,SERENO:NON CERA BISOGNO DI QUESTO MANDATO ESPLORATIVO PERCHE CERA IN EVOLUZIONE UN ACCORDO FRA 5 STELLE E PD.NON PASSERA ALLA STORIA,SE PASSA,COME MARTIRE MA COME GOLPISTA.IN ITALIA LA CARICA PRESIDENZIALE E’ SOLO A SCOPO SIMBOLICO,NON PUO E NON DEVE INFLUENZIARE LE SCELTE DI GOVERNO,MA MATTARELLA CHE NON E’STATO SCELTO DA NESSUN POTERE DEMOCRATICO(COME RENZI E TANTI ALTRI)SI COMPORTA COME UN MONARCA:COSA E’QUESTO “MANDATO ESPLORATIVO”?PALAZZO CHIGGI NON E’ UN BED AND BREKFAST

.
-19 APRILE 2018:NON SOLO MALTA E NON SOLO OLIGARCHI

-TITOLARE LA REPUBBLICA:

THE DAPHNE PROJECT

182038841-5abe705f-c9cb-4dba-877d-ec2017ae2dec

Tangenti e passaporti: Malta vende l’ingesso in Europa agli oligarchi

Le rivelazioni che Daphne
non ha fatto in tempo a scrivere
Così si compra la cittadinanza
di CARLO BONINI e GIULIANO FOSCHINI

Webserie / Episodio 1 Quel giorno: il figlio Matthew racconta

19 APRILE 2018:EDITORIALE CONSULTAZIONI

IL MONDO GUARDA INCREDULO CIO CHE STA SUCCEDENDO IN ITALIA E NON RIESCE A CAPIRE CHE STRANNA COSA FACCIA QUESTO STRANNO PAESE,PERCHE FANNO DIFFICILE CIO CHE E’FACILE,CONFUSO CIO CHE E’ CHIARO,COMPLICATO CIO CHE E’ SEMPLICE:
I NUMERI PARLANO CHIARO,DI MAIO E’ IL CANDIDATO PREMIER PIU VOTATO,HA UN IMPRESSIONANTE 32 PER CENTO,QUINDI E’ EVIDENTE CHE DEVE FARE IL PREMIER.IL PD DEVE PRENDERSI LE SUE RESPONSABILITA E SCARTANDO RENZI DARE I VOTI CHE LI MANCANO AL GRILLINO.
SALVINI CON IL SUO SCARSO 17 PER CENTO DEVE SMETTERLA DI ROMPERE LE PALLE,ALLO STESSO MODO DEL PERDENTE BERLUSCONI E LA MELONI.IL CENTRO DESTRA E’ UNA ENTELECHIA INESSISTENTE,NON SIGNIFICA NULLA,NON E’ NESSUN PARTITO NE CANDIDATO NE SCHIERAMENTO SOLO CI DEFINISCE UN MANICHEISMO POLITICO,E’ SOLO FILOSOFIA.(1)
INSOMMA SALVINI,CHE HA APPENA PRESO 4 PUNTI PIU DEI SOLITI SCARSI VOTI LEGHISTI,E BERLUSCONI SONO I GRANDI PERDENTI DI QUESTE ELEZIONI E DEVONO,GLIELO CHIEDIAMO IN NOME DEL BENE DEGLI ITALIANI DI SMETTERLA DI PROPORCI QUESTO ARTIFICIALE SCENARIO PROPAGANDISTCO FRA IL TRIONFALISMO E IL CATASTROFISMO,LA SMETTANO DI MEGALOMANIE,ACETTINO CHE SONO DEI PERDENTI VIOLENTI CHE GLI ITALIANI NON VOGLIONO E NON HANNO VOTATO E SI TOGLINO DAI PIEDI.LA SMETTANO DI ROMPERE LE….
MATTARELLA ORA SI PRENDA PURE LE SUE RESPONSABILITA.
(1)IO PARLO NOME DELLA NUOVA ERA E LA SUA VISIONE DEL MONDO E NON IN QUELLO DELLA NEW AGE NE LA CHIESA DEL CRISTO SCIENTIFICO.
IL MOVIMENTO LOGOSOFICO,O LE SCUOLE DELLA GNOSIS NON SI HANNO CANDIDATO IN ITALIA.NE MENO IL MOVIMENTO YOGA,HARE KRISHNA,ECC

-ANNESSO:LA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA HA VINTO,E NON SOLO IN ITALIA,E QUALUNCHE SIA IL RISULTATO DELLE CONSULTAZIONI MI DICHIARO SODISFATTO DEL VOTO DEGLI ITALIANI.PERO VORREI METTERE IN EVIDENZA CHE DIETRO L’INTENZIONE DI COMPATTARE UNO SCHIERAMENTO POLITICO  DENOMINATO CENTRODESTRA CE LA TENTATIVA DI SFIDARE LA VISIONE DEL MONDO DELLA NUOVA ERA METTENDO IN CONTRAPOSIZIONE UNA VISIONE MORALE-FILOSOFICA DI CHIARO ORIENTAMENTO MANICHEISTA.E’ QUESTO CIO CHE MINACCIA ORA LA NUOVA ERA COSI COME IN PASSATO HA ACCADUTO CON LO STATO ISLAMICO CHE RIFIUTAVA ANCHE LA SUA VISIONE DEL MONDO MODERNISTA E OCCIDENTALE  PROPONENDO UNA VISIONE PANISLAMISTA,PANARABA CON LA MANIFESTA INTENZIONE DI UN REVIVAL MEDIEVALE

20 APRILE 2018:PROCESSO AI RENZI,AGGIORNAMENTO

-SU LA STAMPA:lastampa.it

Concluse indagini sui genitori di Matteo Renzi accusati di false fatture: ora rischiano il processo
miriam massone

Fatture false e quasi 200 mila euro «intascati» illecitamente. Questa l’accusa per la quale Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, rischiano di finire sotto processo. Questa mattina, infatti, la procura di Firenze ha notificato ai genitori dell’ex segretario del Pd, e all’imprenditore Luigi Dagostino l’atto di conclusione delle indagini preliminari che in genere anticipa la richiesta di rinvio a giudizio dei pm.

Stando alle indagini della Guardia di Finanza, coordinata dal procuratore di Firenze, Giuseppe Creazzo, dall’aggiunto Luca Turco e dal pm Christine Von Borries, i Renzi avrebbero emesso due fatture false attraverso le società «Eventi 6» e «Party», entrambe riconducibili ai genitori dell’ex premier. La prima fattura «falsa» risale al 16 giugno 2015: viene emessa dalla «Party srl in Rignano sull’Arno, di cui era legale rappresentate Laura Bovoli e amministratore di fatto Tiziano Renzi». Ammonta a «euro 20 mila più Iva per euro 4 mila e 400 euro» ed ha come «oggetto ’studio di fattibilità commerciale per collocazione area destinata al food nel vostro insediamento nei pressi di The Mall a Reggello’». La seconda fattura, invece, è del 30 giugno 2015. Viene emessa attraverso la «Eventi 6» e ha un valore di 140 mila euro più 30 mila 800 di Iva. In entrambi i casi l’oggetto della fattura è un presunto studio di fattibilità che, secondo i pm, non sarebbe mai stato effettuato. Secondo i pm fiorentini il giro di false fatturazione messo in piedi da Renzi senior e da sua moglie sarebbe servito per agevolare un «sistema» ideato dall’imprenditore Dagostino, ex dominus della società «Tramor», per frodare il fisco.

Lo stesso imprenditore, emerge dalle carte dell’inchiesta, avrebbe studiato a tavolino insieme alla mamma dell’ex premier il giro di fatture false. Negli atti si legge che Dagostino «si accordava» con Laura Bovoli e Tiziano Renzi «affinché emettessero la falsa fattura». Importanti in questo senso sono due mail datate 29 e 30 giugno. Nelle due corrispondenze giunge la stessa identica fattura, ma l’oggetto è parzialmente diverso. Per i pm sarebbe una delle prove per dimostrare che le fatture erano false e che a monte c’era stato un accordo illecito con Luigi Dagostino.

 –
20 APRILE 2018:DI MAIO INAFFIDABILE,TORNA LA STESSA STORIA,M5S FUSIBILE DEL SISTEMA
-SU THE HUFFINGTON POST:

huffingtonpost.it

Di Maio cade nel trappolone di Salvini e cerca una via d’uscita

Quando Luigi Di Maio esce dal Salone degli specchi di Palazzo Giustiniani e si infila con i suoi nell’ennesimo vertice di giornata, prende in mano lo smartphone. Il numero di Salvini è fra quelli chiamati in giornata. Lo pigia. E gli spiega chiaro e tondo che le condizioni poste per iniziare un percorso di governo sono inaccettabili.

Poco prima, davanti alle telecamere, aveva declinato l’ennesimo no a un esecutivo con Silvio Berlusconi. Sciorinando una frase, fra tutte, che segnalava il profondo travaglio di questi giorni: “Non possiamo andare oltre. Per la tenuta di una forza politica come la nostra ci sono passi che non possiamo fare”. Il ragionamento è semplice e ha una sua logica: il Movimento 5 stelle è partito dalle barricate, dal rifiuto tout court di trattare con chicchessia, dai “Rodotà Rodotà”, ed è arrivato a proporre un patto di governo a due acerrimi nemici come Pd e Lega. Più in là di così il leader politico stellato non può andare.

Messa così non fa una piega. Ma occorre riavvolgere il nastro di una lunga giornata per cogliere la frustrazione di un traguardo che sembrava a un passo ed è sfumato in poche ore. E ripartire dalla prima telefonata fra i due leader, a metà mattina. Quando i 5 stelle hanno intravisto aprirsi un portone. “Sediamoci a un tavolo, io e te – il ragionamento dei vincitori delle elezioni – e facciamo partire la macchina del contratto”. L’idea era quella di accantonare in un primo momento il nodo Forza Italia e quello della premiership, intavolare una discussione che non mandasse a gambe all’aria il tentativo di Elisabetta Casellati, e prendere qualche altro giorno di tempo per trovare un punto di caduta accettabile per tutti. Con la prima vera apertura del Movimento a Berlusconi, che per il momento si fermava al non rifiuto di un appoggio esterno.

Quando intorno alle 15.00 il segretario del Carroccio è uscito dall’incontro con la presidente del Senato, la war room di Di Maio ha capito che qualcosa non andava. Perché, Giorgia Meloni alla sua destra e Silvio Berlusconi alla sua sinistra, Salvini ha sì menzionato il tavolo programmatico da far partire, ma non non ha esplicitato l’esclusività dei due capi politici nel potercisi sedere. La fibrillazione è stata tale che l’incontro con l’esploratrice quirinalizia è slittato di quasi un’ora.

Il gelo quando la Casellati ha esplicitato le condizioni poste dal centrodestra: tavolo del programma a quattro, presidente del Consiglio indicato dalla coalizione avversaria, nessun veto a ministri di Forza Italia.

Una doccia fredda. Tutt’altro film da quello passato sugli schermi stellati fino all’ora di pranzo. Che ha costretto Di Maio a un discorso piuttosto sulla difensiva: “Non ci si può chiedere di ricominciare su piani che non abbiamo mai condiviso – ha spiegato – Per noi è molto complicato sederci con gli altri tre interlocutori, ci siamo sempre detti disponibili a farlo con Salvini”. Si è spinto fino alla “non ostilità” ai voti di Fi e Fdi, “ma il rapporto deve essere tra noi e la Lega”.

Poi il riferimento soffertissimo alla tenuta del Movimento. E la chiosa: “Nulla si chiude, andremo avanti”. Verso dove, non è chiaro. Si rincorrono i boatos che vogliono tutte le carte puntate sul Pd. Ma se era difficile oggi, da domani diventa ancora più complicata dopo la frana che si è abbattuta al fotofinish sulla strada di un governo gialloverde. Tuttavia è l’ultima puntata disponibile nel lotto delle scommesse a 5 stelle. Una scommessa vera. Tanto che c’è ancora chi sottolinea: “L’ultimatum di Luigi a Salvini scade domenica, c’è ancora tempo”. Un altro film. Quello precedente e superato. Ora serviranno gli effetti speciali.

https:.huffingtonpost.it/2018/04/19/di-maio-cade-nel-trappolone-di-salvini-e-cerca-una-via-duscita_a_23415618/

REAZIONE:DI MAIO HA MOLLATO SU BERLUSCONI.E ANCHE SU RENZI PARE DISPOSTO A FARLO,QUINDI LA STORIA DELLE ELEZIONI SCORSI DOVE IL M5S HA APERTO A BERSANI PER VARARE UN PARLAMENTO AMMUCHIATA TORNA A RIPETERSI.ALLORA NON E’ STATO UN CASO.

RISULTA OVVIO CHE SI HA VOTATO INUTILMENTE E CHE TUTTO IL CETO POLITICO DEVE ANDARSENE A CASA:NO ALLA GENERAZIONE TELEMACO,NO QUINDI A DI MAIO,SALVINI,RENZI,FITO,E…..BERLUSCONI IL TELE-CORROTTO E CORRUTORE.

IL VOTO GRILLINO PUO CONSIDERARSI UN “NON VOTO”,MAI I BUFFONI DI CORTE HANNO FATTO IL RE.


21 APRILE 2018:MOBILI,SALVINI IN CAMPO

REAZIONE:
1-SALVINI ITALIANO NON E’,MA LEGHISTA
2-LA NUOVA ERA,IN QUANTO HA INTEGRATO E RILANCIATO LA ERA DELL’AUTOMOBILE,E’LA “ERA DEL MOBILE”.MA I MOBILI DELLA NUOVA ERA,PER QUANTO GODONO ANCHE DEL DESIGN ITALIANO,NON SERVONO AD ARREDARE NE MENO UN HAPPY HOUR.
3-LA NUOVA ERA NO SI SENTE IMPAURITA DA “SALVINI IN CAMPO”.
.
-IL GIORNO DOPO:DALLA PARTE DELLO STATO
.
-SU LA REPUBBLICA:

Trattativa Stato-mafia, Fico: “Giornata dal valore straordinario”

Di Maio: “Così muore la Seconda Repubblica”. Di Matteo: “Sanciti i rapporti col Berlusconi politico”. L’ex Cavaliere: “Parole di una gravità senza precedenti”. Mancino: “Finita la mia sofferenza”

di GIOACCHINO AMATO

Trattativa Stato-mafia, Fico:
Il pm Nino Di Matteo

“Prima si era messa in correlazione Cosa nostra con il Silvio Berlusconi imprenditore, adesso questa sentenza per la prima volta la mette in correlazione col Berlusconi politico”. È il primo commento del Pm Nino Di Matteo, dopo la sentenza del processo Stato-mafia. Un passaggio della sentenza che condanna Marcello Dell’Utri a 12 anni, definisce l’ex senatore di Forza Italia “colpevole limitatamente alle condotte contestate commesse nei confronti del governo presieduto da Silvio Berlusconi”. “Le minacce subite attraverso Dell’Utri – aggiunge – non risulta che il governo Berlusconi le abbia mai denunciate e Dell’Utri aveva veicolato tutto. I rapporti di Cosa nostra con Berlusconi vanno dunque oltre il ’92. Siamo nella consapevolezza di essere nel giusto. Ovviamente dal dispositivo abbiamo la certezza che la trattativa ci fu. La corte ha avuto la consapevolezza e la certezza che mentre in Italia esplodevano le bombe nel 1992 e nel 1993 qualche esponente dello Stato trattava con cosa nostra e trasmetteva la minaccia di cosa nostra ai governi in carica. E questo credo che sia un accertamento di primo grado importantissimo”. “Dopo cinque anni – dice il presidente della Camera Roberto Fico – il Tribunale di Palermo ha posato la prima pietra su una delle pagine più dolorose della storia di questo Paese, quella di una trattativa fra lo Stato e la mafia sorta dopo la strage di Capaci. La giornata di oggi ha un valore civile e morale straordinario. Perchè quando lo Stato riapre le proprie ferite per provare a stabilire la verità, quando giunge a condannare se stesso, allora riacquista la forza, la dignità e la fiducia dei cittadini. Fare luce sulle pagine buie della nostra storia, ci permette di sentirci Stato, ritrovarci e andare avanti come comunità”.

Nel giro di poche ore arriva una nota ufficiale di Forza Italia che minaccia querele contro Di Matteo: “Forza Italia respinge con sdegno ogni tentativo di accostare, contro la logica e l’evidenza, il nome di Berlusconi alla vicenda della trattativa stato-mafia. Il fatto che uno dei Pubblici Ministeri coinvolti nel processo – non a caso assiduo partecipante alle iniziative del Movimento Cinque Stelle – si permetta, nonostante questo, di commentare la sentenza adombrando responsabilità del Presidente Berlusconi è di una gravità senza precedenti e sarà oggetto dei necessari passi in ogni sede”. “Oggi – commenta invece Silvio Berlusconi – c’è stata la sentenza di Palermo. Vorrei ricordare che nel ’94, nè successivamente, non abbiamo ricevuto nessuna minaccia dalla mafia o dai suoi rappresentanti. I miei governi hanno sempre operato nella direzione di un contrasto fortissimo nei confronti della mafia. Le parole di Di Matteo sono di una gravità senza precedenti. Si è permesso di commentare una sentenza adombrando una mia personale responsabilità”. “La sentenza pronunciata quest’oggi dal tribunale di Palermo – commenta invece Niccolò Ghedini – appare del tutto sconnessa dalla realtà. Il governo presieduto da Silvio Berlusconi nel 1994, ancorché assai breve, è stato connotato da un netto, preciso e continuo contrasto del fenomeno mafioso, così come quelli successivi. Sono certo che in sede di appello questa ipotesi accusatoria dunque sarà del tutto posta nel nulla e sarà riconosciuta l’innocenza di Marcello Dell’Utri”.

Su Twitter la prima reazione del leader dei Cinque Stelle Luigi Di Maio: “La trattativa Stato-mafia c’è stata – scrive – Con le condanne di oggi muore definitivamente la Seconda Repubblica. Grazie ai magistrati di Palermo che hanno lavorato per la verità”. Più duro Alessandro Di Battista su Facebook: “Con la storica sentenza sulla trattativa Stato-Mafia si dimostra, una volta per tutte, che pezzi delle Istituzioni sono scesi a patti con Cosa Nostra. Tra i soggetti contraenti del patto c’è Marcello Dell’Utri (e qualcuno ne chiedeva la scarcerazione) fondatore di Forza Italia e braccio destro di Berlusconi. Ora il Caimano sarà ancora più nervoso. Il suo sistema di potere gli sta franando sotto i piedi. Oggi, finalmente e definitivamente, finisce la Seconda Repubblica. I miei personali complimenti e tutta la mia gratitudine alla procura di Palermo”. E il fedelissimo di Di Maio, Riccardo Fraccaro scrive su Twitter: “La sentenza sulla trattativa stato-mafia cade come un macigno su un sistema di potere che tenta ancora di avvinghiare il paese nei suoi tentacoli. Dell’ Utri fece da tramite tra cosa nostra e Berlusconi: politicamente è una pietra tombale sull’ex cavaliere. Ora Salvini decida”.

“Dobbiamo capire questa sentenza che è inaspettata e in controtendenza con le assoluzioni di Mannino e Mori” commenta invece l’avvocato Giuseppe Di Peri, che ha difeso Dell’Utri. “C’è un periodo per il quale Dell’Utri è stato assolto che sarebbe quello precedente al governo Berlusconi, mentre per l’altro periodo ha riportato una condanna estremamente pesante di 12 anni – ha proseguito – E’ stato accolta la richiesta della procura. Ovviamente è una sentenza che impugneremo”. Dell’Utri era accusato di minaccia a Corpo politico dello Stato.

Il pm Vittorio Teresi subito dopo la sentenza ricorda invece le stragi del ’92: “Questo processo e questa sentenza sono dedicati a Paolo Borsellino, a Giovanni Falcone e a tutte le vittime innocenti della mafia. Va analizzato attentamente il dispositivo che in linea di massima ha confermato la tesi principale dell’accusa sull’ignobile scambio, chiamato semplicemente ‘trattativa’, ma che nascondeva il ricatto fatto dalla mafia allo Stato e a cui si sono piegati alcuni elementi delle istituzioni – ha aggiunto – È un processo che bisognava fare a tutti i costi”.

L’ex ministro Nicola Mancino, assolto dal reato di falsa testimonianza, si dice “sollevato. È finita la mia soffrenza anche se sono sempre stato convinto che a Palermo ci fosse un giudice. Sono stato vittima di un teorema che doveva mortificare lo Stato e un suo ‘uomo’, che tale è stato ed è tuttora. Sono stato volutamente additato ad emblema di una trattativa, benché il mio capo di imputazione, che oggi è caduto, fosse di falsa testimonianza”. “L’assoluzione del senatore Mancino da grossolane accuse – commenta il presidente emerito Giorgio Napolitano – conferma quanto conclusivamente chiarito già dalla Corte costituzionale nel conflitto di attribuzione tra me e la procura di Palermo. Sono ben lieto che finalmente gli sia stata restituita personale serenità e solennemente riconosciuta la correttezza del suo operato”. “Siamo molto soddisfatti, Nicola Mancino è stato assolto con la formula appropriata. Però questo non cancella le sofferenze maturate vissute in sette-otto anni di indagini e processo – ha aggiunto l’avvocato Massimo Krogh che difende l’ex ministro dell’Interno – Mancino sarà felice ma questo non cancella le sue sofferenze ha sofferto da innocente. Io penso comunque che questo processo non si doveva fare”.

“Sono felicissimo, questo è il traguardo della mia vita. Ma manca ancora la politica”. Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, il magistrato ucciso nel luglio del 1992, commenta in un’intervista ad Affaritaliani.it la sentenza di primo grado del processo sulla trattativa Stato mafia. “Stavo proprio scrivendo un messaggio a Nino Di Matteo per ringraziarlo per tutto quello che ha fatto e per tutto quello che ha dovuto subire lui e la sua famiglia per portare avanti questo processo. – aggiunge – Quasi non ci credo che finalmente è stata affermato che c’è stata questa trattativa. È stato affermato tutto quello per cui io combatto da anni. L’unico neo è l’assoluzione di Mancino ma di fronte a tutto il resto non riesco a descrivere il mio stato d’animo. Spero soltanto, a questo punto, di morire prima dell’appello. Così almeno se in secondo grado dovessero cambiare le cose me ne andrò via con questa sentenza che restituisce un pezzo di verità sulla trattativa e su mio fratello. Si tratta di un traguardo molto importante per la mia vita. È una vita che combatto per questo e finalmente una sentenza della magistratura mi ha dato ragione e afferma quello che fino a oggi era stato negato, irriso, vilipeso. Sono veramente felice”.

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando ricorda che l’amministrazione comunale si era costituita parte civile e aggiunge: “Quella che da sempre diciamo essere stata una verità storica è da oggi una verità giudiziaria, a conferma del fatto che la legalità e lo Stato di diritto restano capisaldi della nostra comunità. Questa sentenza condanna la vergognosa identificazione fra Stato e Mafia, che ha permesso allo Stato di presentarsi col volto della mafia e alla mafia di presentarsi col volto dello Stato. E’ la condanna di un passato che siamo impegnati a far sì che non si ripeta mai più”.

Una cinquantina di persone che fanno parte delle associazioni Agende rosse e Scorta civica hanno applaudito i magistrati del pool della trattativa Stato mafia – Nino Di Matteo, Francesco Del Bene, Roberto Tartaglia e Vittorio Teresi – all’uscita dall’aula bunker del carcere Pagliarelli di Palermo. Tartaglia e Teresi, invocati dai cori delle Agende Rosse e Scorta civica, sono andati a salutare le tante persone che hanno atteso la sentenza. “Siamo tutti Di Matteo” hanno intonato e in tanti hanno gridato “grazie” ai pm.

“Dopo cinque anni finalmente si scrive una pagina di verità e giustizia su uno dei periodi più oscuri della nostra Repubblica. La sentenza conferma che la trattativa c’è stata, un risultato importante nell’accertamento di primo grado”. Così la Rete di Libera contro le mafie, guidata da don Luigi Ciotti. “Il nostro pensiero va ai tanti familiari delle vittime innocenti delle mafie consapevoli che la sentenza certamente non ripaga le loro ferite e il loro dolore. Questa sentenza invita tutti a continuare ad impegnarci sempre di più con corresponsabilità e maggiore consapevolezza per liberare il nostro paese dalle mafie e dalla corruzione. Libera si è costituita parte civile del processo e ha seguito tutte le udienza per stare vicino ai magistrati, non li abbiamo lasciati soli perché non si costruisce giustizia senza la ricerca della verità”.

Attacca i giudici Vittorio Sgarbi, deputato alla Camera di Forza Italia: “La condanna di Mori, Subranni, De Donno e Dell’Utri senza prove – scrive in una nota – è un insulto allo stato di diritto. Il collegio giudicante ha accolto come prove i teoremi dell’accusa. Il processo ha celebrato il tentativo di ricostruire una storia che non c’è stata, in perfetta contraddizione con gli atti degli imputati. Sono certo – aggiunge Sgarbi – che la corte d’appello rovescerà questa assurda sentenza che umilia chi ha combattuto la mafia e catturato Riina. I fatti non sono opinioni”.

Ma lo stesso Sgarbi e il presidente dell’assemblea regionale siciliana Gianfranco Miccichè vengono aspramente criticati dai deputati grillini all’Ars: “Altro che documento da proiettare nelle scuole. Altro che eroi. Per De Donno e Mori a gennaio sono state spalancate le porte del Parlamento regionale, quando invece si sarebbe dovuto prenderne le dovute distanze”. “A gennaio i due ex generali – ricordano i Cinque Stelle – furono accolti da Miccichè all’Ars su invito di Sgarbi per la proiezione del docufilm su Mori che il presidente dell’Assemblea regionale elogiò, affermando che avrebbe dovuto essere proiettato nelle scuole. L’ex assessore alla Cultura, oggi consulente dell’assessorato, si spinse oltre, definendo eroi Mori e De Donno”. “L’invito all’Ars – dicono i parlamentari – fu uno dei primi scivoloni di Micciche’, che screditò le istituzioni e di conseguenza la Sicilia: ora Miccichè dovrebbe chiedere scusa ai siciliani.

http:palermo.repubblica.it/cronaca/2018/04/20/news/trattativa_stato-mafia_di_matteo_sanciti_rapporti_col_berlusconi_politico_-194405806/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P2-S2.2-T2

.
REAZIONE:MANCINO SI BERLUSCONI NO:E’ UN ALTRO INIZIO,NIENTE GENERAZIONE TELE-MACO.(HA INIZIATO UN NUOVO GOVERNO ?)

PD:ARTICOLI CORELATI

SU CORRIERE DELLA SERA:

di Giovanni Bianconi

Stato-mafia, una sentenza che pesa sul nuovo governo

di Pierluigi Battista

Il leader di FI scopre il broncio e ricambia gli insulti

di Massimo Franco

La giustizia e quell’ipoteca sulle alleanze


21 APRILE 2O18:FUGA IN AVANTI DI HILLARY CLINTON
-SU LE MONDE:
Publié À 01h39
Nouveau rebondissement dans l’affaire russe, le parti démocrate dépose plainte
Selon le DNC, l’équipe de campagne de Trump aurait conspiré avec le gouvernement russe et ses services de renseignements pour fragiliser Hillary Clinton.

Par ARNAUD LEPARMENTIER New York, correspondant

Temps de lecture : 3 min
Cet article est réservé à nos abonnés

EXTRAIT

(FILES) In this file photo taken on April 12, 2018 US President Donald Trump speaks about tax cuts during an event with American workers in the Rose Garden of the White House in Washington, DC. The Democratic Party filed a lawsuit on April 20, 2018 alleging that Russia, WikiLeaks and top officials from Donald Trump’s campaign conspired to tilt the 2016 US presidential election in the Republican’s favor. The civil complaint filed in federal district court in Manhattan by the Democratic National Committee alleges that Russia informed Trump’s campaign that it had conducted a cyber-attack on the DNC, leading to the release of information damaging to Trump’s rival Hillary Clinton.
/ AFP / SAUL LOEB

Donald Trump a moqué sur Twitter le dépôt de plainte des « démocrates obstructionnistes ». SAUL LOEB / AFP

.
A six mois des élections de mi-mandat, la guerre sur l’influence des Russes dans la campagne présidentielle de 2016 et la possible collusion des équipes de Donald Trump avec Moscou se transforme en feu d’artifice.

Dernier rebondissement en date, la plainte déposée vendredi 20 avril par le Comité national démocrate (DNC), devant une cour fédérale de Manhattan (New York).

Vous devez être abonné pour continuer. La suite est réservée à nos abonnés.

Je me connecte
Abonnez-vous à partir de 1 €
Sans engagement

S’abonner c’est…

Avoir accès à tous les contenus du Monde
Participer à des événements réservés aux abonnés
Soutenir une rédaction indépendante de 400 journalistes

NOUVEAU REBONDISSEMENT DANS L’AFFAIRE RUSSE, LE PARTI DÉMOCRATE DÉPOSE PLAINTE
Selon le DNC, l’équipe de campagne de Trump aurait conspiré avec le gouvernement russe et …
lemonde.fr
.
LE PARTI DÉMOCRATE ATTAQUE EN JUSTICE LA RUSSIE, L’ÉQUIPE DE CAMPAGNE DE TRUMP ET …
Cette plainte au civil accuse Moscou d’avoir informé l’équipe de campagne du candidat …
lemonde.fr
FLORIDE, NOTRE-DAME-DES-LANDES, ÉLECTIONS AMÉRICAINES…, L’ESSENTIEL DE L’ACTUALITÉ À …
.
http:mobile.lemonde.fr/ameriques/article/2018/04/21/nouveau-rebondissement-dans-l-affaire-russe-le-parti-democrate-depose-plainte_5288598_3222.html
.
REAZIONE:HYLLARY CLINTON SI HA FRAGILIZATO DA SE STESSA.HILLARY CLINTON NON E’STATA COLPEVOLE DELL’ATTACCO ALLA AMBASCIATA DI BENGHAZY E LA MORTE DELL’AMBASCIATORE AMERICANO IN LIBIA MA LEI E OBAMA SI SONO COLPEVOLI DI DARE UNA INTERPRETAZIONE POLITICA DEI FATTI SERVITA A FALSEARE I MOTIVI DELL’ATTACCO E COSI OFFRIRE NON SOLO UN ALIBI MA ANCHE UN SALVO CONDOTTO AI COLPEVOLI.
ECCO IL MOTIVO DELL’INDEBOLLIMENTO DI HILLARY,ECCO I GUAY PERCHE NON E’STATA ELETTA.
NON SO QUANTO SONO VERI QUESTI INTRECCI TRUMP-PUTIN,MA SI E’ CERTO CHE HYLLARY,OBAMA,E QUALCHE BIG DELLE TELECOMUNICAZIONI POTREBBERO ESSERE ACCUSATI DI TRADIMENTO.

23 APRILE 2018:CONSULTAZIONI MANDATO A FICO

FAITES INTERNES 1:CONTINUATION 358

22 MARZO 2018:ELEZIONE,FUMATA NERA:

-SU LA REPUBBLICA:Repubblica.it
POLITICA
SPECIALE ELEZIONI 2018

Presidenze, fumata nera da riunione capigruppo. M5S non accetta di parlare con Berlusconi: “Il leader è Salvini”
110019743-8e5c7b5c-69dd-4425-9113-0460937f0e54

Luigi Di Maio

.
La riunione tra le forze politiche finisce con un nulla di fatto. Forza Italia insiste sul nome di Romani e su un incontro tra i Cinquestelle e il Cavaliere. “No a un Nazareno bis”, risponde la presidente dei deputati M5S Grillo. Martina: “I veti bloccano tutto”. Salvini ripete: “Una delle Camere vada ai 5 Stelle”. Dem e centrodestra verso la scheda bianca ai primi scrutini
22 Marzo 2018

———-

Sullo stesso tema
*Camere, Toninelli: “Forza Italia vuole Nazareno bis, ma noi non legittimiamo Berlusconi”
*Presidenze Camere, Martina: “I veti bloccano tutto”. Rosato: “Non voteremo Romani”
—————
ROMA – È durato poco più di un’ora il vertice dei capigruppo di tutti i partiti per trovare un accordo sulle presidenze di Camera e Senato. E la fumata è stata nera. Nel corso della riunione – finita dopo le 21.30 – Forza Italia ha insistito sulla candidatura di Paolo Romani per il Senato e su un incontro dei Cinquestelle con Silvio Berlusconi. Ma entrambe le condizioni sono state rifiutate dal Movimento.

“I nomi usciranno solo se ci sarà un incontro tra i leader, altrimenti il centrodestra andrà con Romani al Senato e Giancarlo Giorgetti alla Camera”, è stata la posizione finale dei forzisti. Così Paolo Romani: “Non accettano di parlare dei nomi delle presidenze con il leader di Fi, abbiamo fatto per un’ora questa domanda e loro ci hanno risposto di voler derubricare la cosa al tavolo dei capigruppo”, ha detto lasciando la riunione con Renato Brunetta. La replica dei Cinquestelle è affidata a Giulia Grillo, presidente dei deputati: “Siamo fiduciosi che non ci sarà un Nazareno bis. Ci auguriamo che la notte porti consiglio affinché la leadership di Salvini unifichi la saggezza del centrodestra”. E il capogruppo al Senato, Danilo Toninelli, precisa: “La Lega ha fatto il nome di Romani, abbiamo confermato che per noi non ha i requisiti, in quanto condannato per peculato. Ma ciò non significa che chiudiamo a un nome di centrodestra”.

“Per rispetto del voto degli italiani, ribadisco la nostra disponibilità a riconoscere ai 5 stelle la presidenza di una delle due Camere. Tutti i gruppi siano responsabili”, ha detto il leader della Lega Matteo Salvini. Il segretario del Pd, Maurizio Martina, riassume il senso della serata: “I veti e controveti hanno bloccato tutto”.

All’incontro c’erano Danilo Toninelli e Giulia Grillo per il Movimento, Fedriga e Centinaio per la Lega, Brunetta e Romani per Forza Italia, Pietro Grasso per Leu, Guerini e Martina per il Pd e Crosetto e Rampelli per Fratelli d’Italia.

Berlusconi, in definitiva, non accetta che Luigi Maio non voglia trattare con lui. Una mossa studiata per spiazzare i Cinquestelle ma anche, indirettamente, un’accusa ai due partner del centrodestra che non farebbero abbastanza per difenderlo. Ed è proprio per evitare di essere messo fuori dai giochi che l’ex premier ha alzato il prezzo dando un mandato preciso ai suoi capigruppo: d’ora in avanti trattate solo sugli altri incarichi, sulle presidenze invece chi vuole deve discutere con me. Nessuna intenzione di mollare di un centimetro dunque, tant’è che l’indicazione arrivata da Grazioli è quella di votare scheda bianca domani nelle prime due votazioni e poi sabato, salvo sorprese, votare Romani per consentirgli di andare al ballottaggio. È lì infatti che Forza Italia vuole arrivare convinta che, al di là delle prese di posizione ufficiali del Pd, sul nome dell’attuale capogruppo possa esserci consenso anche tra i Dem.

Quello che preoccupa di più gli azzurri invece è l’atteggiamento del Carroccio e soprattutto il rischio, che intravvedono in molti dentro Forza Italia, che con il voto segreto i leghisti possano giocare di sponda con il Movimento Cinque Stelle per affossare la candidatura di Romani.

La decisione di indire la riunione dei capigruppo per stasera è stata presa quando Luigi Di Maio, per uscire dallo stallo, ha proposto un nuovo giro di incontri per ristabilire un dialogo su figure di garanzia.

In precedenza era stata rinviata la prima assemblea congiunta dei gruppi pentastellati di Camera e Senato, convocata per le 13 a Montecitorio. Motivo del rinvio, secondo fonti interne, anche i contrasti interni sorti sul nome di Roberto Fico.

Alla fine, sia il centrodestra che il Pd ai primi scrutini dovrebbero votare scheda bianca. Rinviando, di fatto, l’elezione della seconda e terza carica dello Stato almeno a sabato. I Cinquestelle invece dovrebbero confermare, per la Camera, il nome di Fico. Domani alle 9 è prevista una riunione dei gruppi parlamentari
.
REAZIONE:NIENTE ROMANI,NIENTE NAZARENO,SI DEVE ANDARE ALLE URNE.VIA ANCHE MATTARELLA.
PD:LA LEGGE ELETTORALE,LE ESSAGERAZIONI E SPUDORATE TRATTATIVE DE SALVINI,LO STESSO PER BERLUSCONI,LE APERTURE DI DI MAIO,LA PRESENZA DI NAPOLITANO IN AULA,LA INSISTENTE PRESENZA MEDIATICA DI RENZI E PRODI,ECC ALTRO NON E’ CHE IL TENTATIVO DI ETERNIZZARSI DELL’ATTUALE CETO POLITICO


23 MARZO 2018:GENITORI DI RENZI INDAGATI
.
-SU IL FATTO QUOTIDIANO:
.
Giustizia & Impunità
.
Renzi, “i genitori dell’ex premier indagati a Firenze: fatture false”


.
Tiziano Renzi e la signora Bovoli, riportano La Repubblica e La Verità, hanno ricevuto dai pm Luca Turco e Christine von Borries un invito a comparire per chiarire i loro rapporti, e delle loro società, con Luigi Dagostino, imprenditore pugliese degli outlet sotto inchiesta da almeno un anno proprio per fatturazioni false, che il padre dell’ex premier ha accompagnato in giro per l’Italia per sviluppare il business lanciato in provincia di Firenze

di F. Q. 17 marzo 2018

Le consulenze agli sviluppatori degli outlet della moda The Mall nati sotto le insegne di Gucci rischiano di costare care alla famiglia Renzi. Il padre dell’ex premier e la moglie Laura Bovoli, riferiscono indiscrezioni di stampa, sono indagati dalla procura di Firenze per l’emissione di fatture per operazioni inesistenti. Proprio nell’ambito degli affari con alcuni esponenti del mondo renziano, come Andrea Bacci, di cui il Fatto Quotidiano si è occupato in diverse inchieste negli anni scorsi. Tanto da ricevere una querela da parte di Tiziano Renzi che ha chiesto 300mila euro di danni al direttore del quotidiano Marco Travaglio, al direttore del sito Peter Gomez e a due suoi giornalisti (Pierluigi Giordano Cardone e Gaia Scacciavillani) per quella che lui prefigurava come una campagna mediatica ai suoi danni, chiedendo appunto un risarcimento.

Nel mirino del padre dell’allora premier erano finiti proprio gli articoli che si sono occupati del business degli outlet e dei suoi protagonisti (oltre a Renzi senior e Bacci, l’ultimo presidente di Banca Etruria Lorenzo Rosi, la famiglia aretina dei Moretti e il faccendiere pugliese Luigi Dagostino che in Gucci avevano contraltare il top manager Carmine Rotondaro). Ora però Renzi senior, insieme alla signora Bovoli, dovranno obtorto collo tornare sull’argomento visto che, riferiscono Repubblica e la Verità, hanno ricevuto dai pm Luca Turco e Christine von Borries un invito a comparire per chiarire i loro rapporti, e quelli delle loro società, con Luigi Dagostino, imprenditore pugliese degli outlet con attività in Toscana. Quest’ultimo, così come Bacci e i Moretti, è sotto inchiesta da oltre un anno proprio per l’ipotesi di reato di emissione di fatture false per operazioni inesistenti.

E ora gli inquirenti, riporta La Repubblica, vogliono fare luce sui legami che intercorrono tra le società gestite da Dagostino e quelle riconducibili al padre dell’ex presidente del Consiglio, che già dovrà tornare davanti ai pubblici ministeri di Roma nell’ambito del caso Consip. Le fatture venute all’attenzione della Guardia di finanza sono due, una da 20.000 euro e una da 130.000 euro, e sarebbero state riscontrate durante le indagini su Dagostino. Secondo l’ipotesi di reato formulata dal pm le fatture sarebbero state emesse dalle aziende dei Renzi, rispettivamente la Party srl e la Eventi 6, per operazioni inesistenti.

Sempre secondo i due quotidiani, la fattura da 130.000 euro è stata emessa da Eventi 6, che si occupa di marketing ed eventi fieristici ed è distributore di quotidiani come Repubblica, La Nazione, Leggo e Metro. A pagarla la Tramor, società di diritto cipriota originariamente riconducibile alla famiglia Moretti per i quali è stata impegnata nelle attività di sviluppo dell’outlet The Mall a Leccio Reggello (Firenze). I Renzi con la loro azienda avrebbero fornito studi di fattibilità e servizi di accoglienza per l’outlet, (“Tiziano lavora nel campo del marketing da 30 anni. E in questo senso ci ha dato una mano nella pubblicità di alcune iniziative da noi organizzate, come successo tre anni fa per un evento natalizio al The Mall”, aveva per esempio dichiarato Dagostino al Fatto nel 2015) ma per gli inquirenti l’importo della fattura non sarebbe coerente con il valore delle prestazioni erogate e ora vogliono saperne di più. Secondo La Verità, i fascicoli aperti dalla procura fiorentina sarebbero due: oltre a quello sulle presunte fatture false, ci sarebbe un procedimento portato avanti dal procuratore aggiunto Turco relativo al fallimento della Delivery Service Italia.
.
https:.ilfattoquotidiano.it/2018/03/17/renzi-i-genitori-dellex-premier-indagati-a-firenze-fatture-false/4232647/
-APPENDICE:

-SU THE HUFFINGTON POST:

POLITICA
I genitori di Matteo Renzi cambiano idea e non si presentano dal pm per farsi interrogare
Tiziano Renzi e Laura Bovoli sono indagati dalla procura di Firenze per l’emissione di fatture false
23/03/2018 17:09 CET | Aggiornato 6 ore fa
Ansa

ANSA
Un cambio di idea, di programma, all’ultimo momento avrebbe determinato ieri la decisione di Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, di non presentarsi davanti ai magistrati per farsi interrogare. È quanto si ricostruisce oggi in ambienti inquirenti dopo che ieri i due coniugi, indagati per emissione di fatture false dalla procura di Firenze, non si sono presentati dal pm Christine von Borries che li aspettava per interrogarli in una caserma della Guardia di finanza.

Tiziano Renzi e Laura Bovoli dovevano rispondere a un ‘invito a comparire’ inviato loro dai pm Luca Turco e Christine von Borries. Con il loro difensore, avvocato Federico Bagattini, era stata concordata da alcuni giorni la data e l’orario per l’interrogatorio. Tuttavia sarebbe accaduto qualcosa, si fa osservare da fonti inquirenti, per cui i Renzi hanno cambiato idea e non sono andati dal pm.

In una comunicazione scritta inviata ieri alla pm Christine von Borries, l’avvocato difensore Federico Bagattini avvisava che i suoi assistiti, Tiziano Renzi e Laura Bovoli, diversamente dagli accordi presi, non sarebbero comparsi dal pm e che non era loro intenzione sottoporsi all’interrogatorio. I magistrati ne hanno preso atto.

In generale, sulla vicenda che vede Tiziano Renzi e Laura Bovoli indagati, la convinzione maturata alla procura di Firenze è che le due fatture per cui sono indagati (una da 20.000 euro e una da 140.000 euro, più Iva) siano state emesse da loro aziende per operazioni inesistenti. Dalle indagini le due fatture risultano pagate alle società dei Renzi, rispettivamente, la Party srl e la Eventi 6, dalla società Tramor che faceva riferimento all’imprenditore pugliese degli outlet Luigi Dagostino. Ci sono dei bonifici relativi a queste fatture.

Ma per i pm il tipo di prestazione pagata non esiste, non c’è stata, e la difficoltà investigativa è proprio quella di individuare il reale motivo per cui Tramor fece questi pagamenti. Anche per farsi chiarire questi aspetti, e i rapporti delle loro società con quelle di Dagostino, la procura aveva invitato i coniugi Renzi ‘a comparire’.

Le due fatture riguardanti aziende dei genitori dell’ex premier sono emerse da controlli incrociati fatti nelle indagini della guardia di finanza sulle attività di Dagostino in un’inchiesta diversa e più ampia di quella, più circoscritta, dove è co-indagato coi Renzi, in cui l’imprenditore degli outlet è indagato per autoriciclaggio, fatturazioni false, appropriazione indebita. Un’inchiesta sulle sue attività immobiliari che nel 2017 ha portato anche al sequestro di una villa a Firenze. Dagostino la settimana scorsa è stato convocato dai pm ma si è avvalso della facoltà di non rispondere. Potrebbe però, secondo il suo difensore avvocato Alessandro Traversi, chiedere di essere interrogato alla chiusura delle indagini “quando la situazione potrà apparire più chiara di adesso”.
.
https:m.huffingtonpost.it/2018/03/23/i-genitori-di-matteo-renzi-cambiano-idea-e-non-si-presentano-dal-pm-per-farsi-interrogare_a_23393730/

IL GIORNO DOPO:FUMATA BIANCA PER LE CAMERE?


24 MARZO 2018:GRILLO NON SCHERZA,BERLUSCONI L’IMPALATORE
.
-SU LA STAMPA:LaStampa.it

POLITICA
SEZIONI
.
Grillo: “Vogliono incontrare il Movimento per vedere se ci sono belle ragazze”


LAPRESSE
.
Pubblicato il 23/03/2018
Ultima modifica il 24/03/2018 alle ore 11:24
FEDERICO CAPURSO
ROMA
Beppe Grillo fa tappa a Roma con il suo spettacolo Insomnia e irrompe negli equilibri politici, tra i silenzi tenuti finora dalla diplomazia pentastellata. Dal palco del teatro Flaiano, alle spalle di Montecitorio, lancia messaggi al vetriolo contro i partiti che cercano un accordo con il Movimento 5 stelle per le presidenze delle due camere. «Quando mi dicono di non parlare di qualcosa, io ne parlo», dice Grillo.

———–

Grillo commenta il discorso di Renzi: “Non farà stampella? Dispiace un po’”

LAPRESSE

————

Il primo attacco è mirato al centrodestra e, senza mai citarlo, a Silvio Berlusconi: «C’è questo uomo qui, sempre lo stesso, che vuole incontrare a tutti i costi il Movimento per vedere se ci sono belle ragazze». Poi «c’è la sinistra, che è noiosa, con questo socialismo che non riesce più ad avere idee e non riesce ad entusiasmare. E pensare che mi ero iscritto al Pd», ricorda il comico genovese, dedicando un pensiero anche a Matteo Renzi e a quando «ho conosciuto l’’ebete’ per trenta secondi e mi sono chiesto: “ma come si fa a portare avanti uno così?”. Mi veniva da dargli uno schiaffo dietro la testa». Poi, un passaggio dello spettacolo sottolineato da Grillo che suona come un consiglio a Luigi Di Maio: «Non bisogna mai pendere dalle labbra di qualcuno perché è sempre una forma di impiccagione».

———–

LEGGI ANCHE Rottura Berlusconi-Salvini sulle presidenze. Il n.1 della Lega: “Alla Camera votiamo il candidato M5S”

———-

Ma Grillo è cosciente del peso dei suoi attacchi. «So già che i giornali faranno qualche bel titolo su Berlusconi. E non vedo l’ora che facciano questi c…o di presidenti di Camera e Senato perché ho della roba in repertorio bestiale. Non vedo l’ora di arrivare al governo e tagliare tutte le sovvenzioni pubbliche a quei finti giornali».

————

Grillo in auto con “Walk on the wild side” dimentica la figlia al seggio

ANSA

——-

Dopo le sferzate a Pd e centrodestra, Grillo torna ad affrontare il problema del suo ruolo nel M5S: «Non capisco la mia collocazione. Prima sono un leader, poi capo politico, poi non sono più capo politico, e ancora abdico, ma non abdico più. Io non potrei essere nemmeno un politico. Il mio motto era “catastrofe con ottimismo”. Figurarsi un politico che dice sta roba qua… Ora siamo primo partito. Stiamo per andare anche a governare. Ma io scherzavo», scherza Grillo.

———–

LEGGI ANCHE Riapre il Parlamento, il richiamo di Napolitano: “Bocciata la auto esaltazione dei partiti”

———–

C’è spazio anche per i programmi di governo, dal reddito universale alla robotica, passando per la riforma fiscale, che nelle idee di Grillo sembra avere delle assonanze con la flat tax proposta dal centrodestra: «Dovrebbe essere una cosa molto semplice. Vai allo sportello, gli dici che vorresti pagare 10, il funzionario ti dice 15. Ti metti d’accordo su una quota e tutti gli utili che vengono in più non te li tasso. Lo facevano nel ’29. Basta usare gli studi di settore. Noi li vogliamo togliere, ma vabbè, ora ci sono».

Licenza Creative Commons

http:.lastampa.it/2018/03/23/italia/politica/grillo-vogliono-incontrare-il-movimento-per-vedere-se-ci-sono-belle-ragazze-R25gXWKI8Cp3fn64F6FcKN/pagina.html

.
REAZIONE:GRILLO NON SCHERZA MICA,FA IL BUFFONE DI CORTE,ALTRIMENTE NON AVREBBE ARRIVATO AL GOVERNO.
BERLUSCONI CERCA DONNE ANCORA?E NEL M5s?MA CHI E’……?VLADIMIR DRAKUL,PRINCIPE DI WALAKIA(RUMANIA),DETTO CONTE DRACULA “L’IMPALATORE”?


24 MARZO 2018:BOSSI E LE AUTONOMIE,DELIRANTE
.
-SU LA REPUBBLICA:Repubblica.it
.
REP TV POLITICA
.
Bossi contro Salvini: “Ha rischiato di essere impiccato in piazza come il suo amico Mussolini. No a governo Lega-M5s”
.

.
Umberto Bossi, senatore Lega Nord, scaglia parole dure contro l’attuale leader del Carroccio Matteo Salvini dopo il mancato appoggio al nome di Romani per la presidenza del Senato. “Salvini ha parlato prima di pensare, se per colpa sua saltavano autonomie di Lombardia e Veneto lo appendevano in piazza come il suo amico Mussolini”, ha detto Bossi che sull’ipotesi governo Lega-M5S afferma: “No ad un governo con loro, quelli del M5S hanno un programma vecchio dei tempi della Democrazia Cristiana, vogliono fare la cassa del Mezzogiorno per l’assistenzialismo che è già fallito una volta”.
di Martina Martelloni
24 marzo 2018
.
https:video.repubblica.it/politica/bossi-contro-salvini-ha-rischiato-di-essere-impiccato-in-piazza-come-il-suo-amico-mussolini-no-a-governo-lega-m5s/300580/301210?videorepmobile=1
.
REAZIONE:DI QUALI AUTONOMIE PARLA?FATTO COMPIUTO O ESPRESSIONE DE DESIDEREO?LE PAROLE DI BOSSI SUONANO PIU A MINACCIE CHE A FATTI VERAMENTE COMPIUTI.INSOMMA DELIRANTE:BOSSI¡¡¡¡,IL REFERENDUM PER IL FEDERALISMO E’STATO PERSO,QUINDI NON ESSISTE NESSUNA AUTONOMIA.BOSSI SI RIFERISCE A QUELLA SCENATA DI REFERENDUN DI SCARSA LEGGITTIMITA CONSTITUZIONALE CHE A LIVELLO REGIONALE HANNO ORGANIZZATO ZAIA E MARONI PER FARSI RIDARE INDIETRO(DEVOLUTION)CERTE CONTRIBUTI REGIONALI(CHE TUTTE LE REGIONI FANNO)ALL’ERARIO NAZIONALE.DEVOLUTION A QUI SI HA SOMMATO EMILIA ROMAGNA(REGIONE ROSSA)PER DECISIONE AMMINISTRATIVA DI RENZI-GENTILONI,MA LA COSA NON E’ ANCORA FATTA E MOLTO DIPENDERA DELLE NUOVE AUTORITA SCELTE ADESSO.QUINDI SECONDO ME SONO INCONSTITUZIONALI SIA IL REFERENDUM CHE LA DEVOLUTION E LE PAROLE DI BOSSI SONO UNA MINACCIA.NE PRENDA ATTO LA PROCURA,NON PASSI.
PD:LE MINACCIE SONO RIVOLTI AD ALTRI PIU CHE A SALVINI.NIENTE AUTONOMIE,LA LEGA DEVE DISSOLVERSI ALTRO CHE SUONI TRIONFALISTI CHE NON ESSISTONO.IL 17 DI SALVINI NON AVANZA DI TROPPO IL 13 CHE AL LIMITE PRENDE DI SOLITO LA LEGA,MASSIMO ADESSO CHE BERLUSCONI E’ANDATO SOTTO.QUINDI NIENTE ROTTAMAZIONI,NE PRENDA ATTO ANCHE IL PD.


25 MARZO 2018:IL VOTO IN PARLAMENTO
.
-TITOLARI SU LA REPUBBLICA:
.
parlamento
Intesa centrodestra-M5S: Fico e Casellati eletti presidenti
Avanti tutta sul governo Lega-5S: “E ora Berlusconi si ritiri”

Fotoracconto Baci, abbracci, addii e tappeti rossi: la giornata in 50 immagini
RepTv / I discorsi “Nulla precluso alle donne” “Taglio a costi della politica”
Gentiloni si è dimesso di U. ROSSO Rep tv Cappellini: “Ora prove di governo ”
Pd, rischio estinzione di C. TITO Di Maio-Salvini, operazione Frankenstein di M. GIANNINI
Retroscena Il patto in casa M5S di A. CUZZOCREA Il punto Verso un 4 marzo bis di S. FOLLI
Pd: Renzi si aggiudica il primo round, ora la sfida è sulle nomine di G. CASADIO
di TOMMASO CIRIACO in redazione ANDREA GUALTIERI; video di M. BILLECI, F. GIOVANNETTI, A. NITTOLI, C. PANTALEONI
Storie di presidenti La proclamazione di Casellati E quella di Fico HUFFPOST Metodo Salvini di LUCIA ANNUNZIATA
.
REAZIONE:LA POLITICA NON DEVE SOSTITUIRE LA GIUSTIZIA,DI MAIO NON DOVEVA PRECLUDERE ROMANI NE PERMETTERE CHE BERLUSCONI DIGITASSE IL SUO CANDIDATO,CIO CHE DOVEVA FARE ERA NON REGALARE UNA CAMERA AL CENTRODESTRA.MALGRADO DI MAIO PRETENDA MOSTRARSI IMPOLUTO HA FATTO I SOLITI INCIUCI DEI POLITICI DI PROFESSIONE.IN QUESTA PRIMA MOSSA IL M5s SI HA FATTO SNATURALIZZARE IL SUO ECLATTANTE TRIONFO,HA MOSTRATO LE SUE DEBOLEZZE,BERLUSCONI LO HA FATTO VULNERABILE USANDO COME STRUMENTO IL GIOVANE,IMPETUOSO MA “IMPRUDENTE” SALVINI.
GOVERNO LEGA-M5s?MA….SIAMO DA VERO MATTI?GUARDA CHE SI STA PARLANDO DEL DESTINO DI 60 MILIONI DI ABITANTI CHE RISIEDONO IN UN PAESE EUROPEO CHIAMATO ITALIA E NON DI UNA SPARTIZIONE DI BOTTINO.NON E’ IMPORTANTE QUANTO SUCCESSO ALLE CAMERE,COME STANNO LE COSE RISPONSABILITA VUOLE CHE NON SI CONCLUDA CON LA FORMAZIONE DI NESSUN GOVERNO E SI TORNI ALLE URNE.SI VEDRA CHE SPARITI I GIOCHI FATTI A TAVOLINO ALL’ULTIMA ORA PER INFLUENZIARE VOTANTI VOLATILI E IRREFLESSIVI,TUTTO TORNERA A POSTO:TORNERA IL NON VOTO(BHE….SOLO SI HA SPOSTATO VERSO GRILLO,NE FACCIA UN USO RISPONSABILE)E SALVINI,CHE NON HA PRESO NE UN VOTO AL SUDE HA DI POCO SUPERATO IL SOLITO 3-8-13 TORNERA COMPLESSIVAMENETE A QUELLE CIFRE PERCHE LA LEGA NORD NON RISPECCHIA IL PAESE REALE E PERCHE I PROBLEMI SOLLIEVATI CON INCIDENZA NELL’ELETTORE COME LA MIGRAZIONE,PER CIO CHE SI HA VISTO DOPO VOTO NON SI SOLUZIONA CON VOLUNTARISMI NE CON SPARI AL PICCIONE STRADA FACENDO.INOLTRE CI SONO DEI FATTORI INTERNAZIONALI CHE NON DIPENDONO DALLE NOSTRE POSSIBILITA,E POI GLI ITALIANI SONO UN POPOLO INTELLIGENTE E pMATURO.TROPPO GIOVANI E ATIPICI RENZI,SALVINI E DI MAIO,NON RAPRESENTANO L’ITALIANO TIPO.VERGOGNOSA ANCHE LA POSIZIONE DEL PD LASCIANDOSI ANCORA MANIPOLARE DA RENZI

25 MARZO 2018:NON LO DIMENTICHERA MAI PIU…

REAZIONE:


25 MARZO 2018:EFETTO TRUMP,TORNA GRILLO DA PATRIARCA

REAZIONE:DOPO LA ELEZIONE DEL SUO GRANDISSIMO AMICO FICO,GRILLO ESCE ALLO SCOPERTO,E LO FA DA GRANDFATHER.E CI METTE LA FACCIA,QUELLO DEL TITOLO.

26 MARZO 2018:L’AUTUNNO DEL PATRIARCA

-SU LA REPUBBLICA:

LA GIORNATA,LA MIA HOME,PREFERENZE

Approfondimento
.
Centrodestra
.
Berlusconi: “Salvini governi con chi ci sta, ma Di Maio non può essere premier”
.
25 MARZO 2018
“Lega al governo senza FI? Matteo sarebbe il leader di un partito del 17% che si allea con uno che ne vale il doppio”
DI CARMELO LOPAPA
.
ROMA. “Matteo è persona intelligente, sa benissimo che senza di noi è il leader di un partito del 17 per cento, che va ad allearsi con un altro che vale il doppio. Che vantaggio avrebbe nel fare lo junior partner di Di Maio? E poi vi immaginate gli elettori leghisti, i piccoli imprenditori e gli artigiani del Nordest, che accettano Di Maio premier o qualcuno con caratteristiche simili? Io non voglio che accada questo, non è nei miei progetti. Voglio che Matteo …
ARTICOLO COMPLETO SOLO PER ABONATI
.
https:rep.repubblica.it/pwa/generale/2018/03/25/news/berlusconi_di_maio_non_puo_essere_premier_-192238246/


26 MARZO 2016(LUNEDI SANTO):ALEA IACTA EST,SALVINI INTERNAZIONALMENTE ISOLATO
.
-TITOLARE LA REPUBBLICA:

TENSIONI INTERNAZIONALI
Caso Skripal, decine di diplomatici russi espulsi da Usa, Europa e Canada. Due dall’Italia
Tusk: “Altre misure nei prossimi giorni”. Mosca annuncia reazione Salvini prende le distanze: “Le espulsioni aggravano i problemi” Doppio binario dei rapporti Usa-Russia
dal nostro inviato F. RAMPINI
Rep Tv
REAZIONE:IN  OCCIDENTE SI HA CHIUSO IL CERCHIO PER SALVINI:LA UE HA SCELTO DI MAIO,GB E LA COMMONWEALTH CHE POCO FA HA CHIUSO UN ACCORDO CON LA UE HA SCELTO DI MAIO,BANNON CHE HA VENUTO IN ITALIA ED E’ ANDATO DALLA LE PEN IN FRANCIA E’STATO CACCIATO DA TRUMP,QUINDI CHE ITALIA SAREBBE INTERNAZIONALMENTE EMARGINATA SE PER CASO IL NOSTRO SISTEMA POLITICO RIUSCISE A PIAZZARE SALVINI PREMIER E’,PER ELEVAZIONE,IL MESSAGGIO ELIPTICO CHE SE NE DERIVA CON QUESTE DECIZIONI ANTIRUSSIA.
SALVINI INTERNAMENTE NON HA ALCUNA POSSIBILITA,DEMOCRATICAMENTE PARLANDO,DI DIVENTARE PREMIER E FARLO SAREBBE UN TOUR DI FORCE(1) MA…..OCCHIO,NESSUNO SI FACCIA IL DISTRATTO(PARTICOLARMENTE IL PD DI RENZI CHE STA FACENDO DELLE ELEZIONI UNA SPARTIZIONE DI BOTTINO)(2),NON SI SA MAI…..

(1)REAL ACADEMIA ESPAÑOLA:
tour de force – DPD 1.ª edición, 2.ª tirada – Real Academia Española
lema.rae.es ›
.
tour de force. Expresión francesa que significa ‘acción difícil cuya realización exige gran esfuerzo y habilidad’ y ‘demostración de fuerza, poder o destreza’. Por su carácter foráneo debe escribirse con resalte tipográfico: «Para superar, pues, …
(2)RENZI,”ORA TOCCA A LORO”:E PRETENDE COSTRINGERE LEGA E M5s AD ALLEARSI.E SALVINI NE COGLIE L’OCCASIONE E PRESSIONA IL PD NON RENZIANO A METTERSI IN DISPARTE:QUESTO È IL SIGNIFICATO DELLE PRESSIONI PER LA CONTINUITA DEI VERTICI DEI SERVIZI SEGRETI.
ANCHE LA CHIESA SI PRENDA LE SUE RISPONSABILITA.

26 MARZO 2018:SALVINI NON E’ INTERLOCUTORE VALIDO

-TITOLARI LA REPUBBLICA:

Dopo il votoGoverno, Salvini gela Di Maio:”

Se dice io o nessuno, alloranon se ne fa niente. E senza Forza Italia salta tutto”

di G IOVANNA CASADIO e CARMINE SAVIANO

30 MARZO 2018:SALVINI ROTTAMATORE

(OFFENSIVA ANTIFRANCESE PER UNA SOLA LEGA E LA UNITA DEL CENTRODESTRA)
.
-SU LA STAMPA:
.
Blitz dei gendarmi a Bardonecchia, la Farnesina convoca l’ambasciatore francese. Proteste e rabbia: “Non siamo la toilette di Macron”
È stata una «grave ingerenza nell’operato delle Ong e delle istituzioni italiane». Salvini: «Allontanare i diplomatici francesi dall’Italia»

AFP
.
Pubblicato il 31/03/2018
Ultima modifica il 31/03/2018 alle ore 17:09
BARDONECCHIA (TORINO)
L’irruzione di cinque agenti armati delle dogane francesi nella sala della stazione di Bardonecchia è diventata un caso diplomatico. A chiedere spiegazioni, in merito all’episodio accaduto ieri al confine tra Italia e Francia, è ora anche la Farnesina. L’ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, è stato convocato in ministero per relazionare sull’episodio. «Abbiamo chiesto spiegazioni al governo francese e all’Ambasciata di Francia a Roma, attendiamo a breve risposte chiare, prima di intraprendere qualsiasi eventuale azione», fanno sapere dalla Farnesina.

A denunciare lo sconfinamento è stata Rainbow4Africa, Ong che assiste i migranti che tentano di varcare la frontiera delle Alpi per raggiungere la Francia. Secondo quanto riportato dai testimoni, gli agenti francesi hanno costretto un migrante, sospettato di essere uno spacciatore, a sottoporsi al test delle urine. «Altro che espellere i diplomatici russi, qui bisogna allontanare i diplomatici francesi! Con noi al governo l’Italia rialzerà la testa in Europa, da Macron e Merkel non abbiamo lezioni da prendere, e i nostri confini ce li controlleremo noi», ha commentato il leader della Lega Matteo Salvini.

Il testimone: “La gendarmeria francese ha fatto irruzione armata”

LAPRESSE

LA RISPOSTA FRANCESE

«I doganieri francesi possono intervenire sul territorio italiano in base a un accordo sugli uffici di confine del 1990 in condizione di rispetto della legge e delle persone». È quanto si legge in un comunicato del ministro francese dei Conti pubblici Gerald Darmanin sulla vicenda di Bardonecchia. «Al fine di evitare nuovi incidenti nel futuro le autorità francesi sono a disposizione di quelle italiane per chiarire il contesto giuridico e operativo nel quale i doganieri francesi son intervenuti sul suolo italiano». La brigata ferroviaria delle dogane francesi di Modane era di controllo sul Tgv Parigi-Milano, spiega il ministro. «Gli agenti hanno sospettato di un viaggiatore di nazionalità nigeriana e residente in Italia in merito a un eventuale detenzione corporea di stupefacenti». «In applicazione dell’articolo 60bis del codice delle dogane gli agenti hanno chiesto alla persone il permesso di procedere a un test delle urine e la persona ha accettato per iscritto». Gli agenti, spiega la nota, hanno quindi atteso l’arrivo del treno per utilizzare i locali attinenti alla stazione di Bardonecchia messi a disposizione della dogana francese in applicazione degli accordi del 1990 degli uffici transfrontalieri. Gli stessi locali, si legge, «erano da qualche mese messi a disposizione di una associazione per i migranti e gli agenti hanno sollecitato la possibilità di accedere ai sanitari, permesso che gli è stato accordato». Il controllo, prosegue la nota «si è rivelato negativo, nondimeno i membri dell’associazione hanno chiesto che la persona rimanesse con loro».

“VIOLATO UN PRESIDIO SANITARIO”

È stata una «grave ingerenza nell’operato delle Ong e delle istituzioni italiane», si legge in una nota diffusa da Rainbow4Africa, che ricorda: «un presidio sanitario è un luogo neutro, rispettato anche nei luoghi di guerra». E il sindaco di Bardonecchia, Francesco Avato: «Non avevano alcun diritto di introdursi lì dentro. Non si permettano mai più. Quella è una stanza gestita dal Comune con dei mediatori: i volontari di Raimbow4Africa, come altre realtà, collaborano con il progetto. L’accesso alla sala è possibile solo agli operatori autorizzati. È uno spazio calmo, neutro, dove si incontrano i migranti, si parla con loro, si spiegano i rischi del viaggio che hanno deciso di intraprendere e si cerca di convincerli a rimanere in Italia, dove possono trovare accoglienza». Quanto accaduto «non fermerà le nostre azioni a Bardonecchia, Oulx e lungo tutti i confini. Continueremo a lavorare per chiunque ne abbia bisogno», conferma Rainbow4Africa.

Bardonecchia, il sindaco: un errore il blitz dei gendarmi

LE REAZIONI POLITICHE

Per Daniele Viotti, parlamentare europeo del Pd, «Quanto successo ieri è intollerabile e grave sul piano del rispetto dei diritti umani ed è inaccettabile dal punto di vista politico. La costante aggressività della polizia francese (che ha avuto il picco ieri, ma è ormai un dato) ha una evidente copertura da parte del proprio Governo che, a parole, si dichiara solidale con l’Italia nell’affrontare la questione migranti e profughi, mentre, di fatto, costruisce muri, come Ungheria, Polonia e Slovacchia». Per Augusta Montaruli, deputata di Fratelli d’Italia «Il comportamento degli agenti francesi a Bardonecchia è stato gravissimo. L’Italia chiami Macron e gli ricordi che qui nessun agente straniero può venire a far valere la propria autorità. Siamo una Nazione sovrana, non una provincia della Francia. Ma dopo il danno di essere lasciati soli sull’immigrazione, non assisteremo pure alla beffa di essere usati come la loro toilette». Si tratta di una «Inaccettabile violazione della sovranità italiana da parte della Francia. I gendarmi francesi hanno fatto irruzione, armati, nella stazione di Bardonecchia durante un blitz anti immigrazione. Così si è ridotta l’Italia dopo sei anni di governi asserviti alle cancellerie straniere. Fratelli d’Italia chiede che l’ambasciatore francese sia immediatamente convocato dalla Farnesina per chiarire questo ennesimo gravissimo atto contro l’Italia», così scrive su Facebook la leader di Fdi Giorgia Meloni. «Su Bardonecchia il governo riferisca in Aula. È urgente fare chiarezza, su questa vicenda come sul caso Open Arms. Operazioni di salvataggio in acque internazionali di cui si cede il controllo ai libici, controlli “abusivi” della polizia di frontiera francese in territorio italiano e in un locale del comune destinato all’accoglienza: è la rappresentazione di una Italia debole in un’Europa che si disgrega», ha scritto sul suo canale social il deputato di +Europa e segretario di Radicali Italiani, Riccardo Magi.

Greppi: “Se l’Italia non ha dato il consenso preventivo una violazione del diritto internazionale”

«Il Partito Democratico metropolitano di Torino è vicino a Rainbow4Africa, Asgi, i sindaci, i volontari, i cittadini della Valle per quanto accaduto ieri a Bardonecchia e li ringrazia per il lavoro che da tempo svolgono silenziosamente su quel territorio», scrive su Facebook il segretario del Pd torinese, Mimmo Carretta, in un post in cui definisce «un atto inaccettabile quello messo in atto ieri dalla Polizia francese che non trova giustificazioni in alcun modo». L’irruzione della polizia francese a Bardonecchia è «inaccettabile». Lo afferma Francesca Frediani, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Regione Piemonte. «Ci aspettiamo una ferma risposta da parte delle istituzioni italiane – aggiunge l’esponente pentastellata – e dal governo francese la massima disponibilità a collaborare, non azioni che contribuiscono ad alzare la tensione e sminuire l’operato di amministrazioni locali e organizzazioni umanitarie attualmente impegnate a gestire questa difficile situazione».

“Sono in vacanza a Bardonecchia, ma voglio mettermi a disposizione della Ong”

LEGGI ANCHE L’incontro tra il prefetto e i sindaci della Valsusa sul problema dei migranti

LEGGI ANCHE: Vigilantes alla stazione di Bardonecchia contro i bivacchi dei profughi in fuga

IL PRECEDENTE

Da alcuni mesi Bardonecchia, località sciistica della Valle di Susa, si trova al centro della rotta dei migranti che, abbandonata la via di Ventimiglia, tentano di raggiungere la Francia nonostante la neve e il gelo. E nonostante la rigidità delle autorità francesi. È dei giorni scorsi la notizia della guida alpina francese indagata per avere aiutato una migrante incinta.

LEGGI ANCHE: Guida alpina soccorre una migrante incinta al confine francese, rischia 5 anni di carcere

LEGGI ANCHE “La solidarietà non è un crimine”: campagna social a sostegno del soccorso migranti ai confini

Rainbow4Africa è la stessa associazione che nelle scorse settimane ha assistito un’altra donna incinta e malata, respinta al confine, morta dopo un parto miracolo all’ospedale Sant’Anna di Torino.

Soccorse la migrante incinta, adesso rischia 5 anni di carcere

LEGGI ANCHE: Trasmessa in procura l’informativa per la morte di Beauty

I NUMERI DEI MIGRANTI AL CONFINE

Dallo scorso dicembre sono un migliaio i profughi, per lo più nordafricani, che hanno trovato assistenza nelle stanze della stazione di Bardonecchia dove è avvenuta l’irruzione. Gli agenti della dogana francese accompagnavano un migrante, come altre volte in passato. Solo che anziché scaricarlo davanti alla stazione, sono entrati nei locali della Ong, costringendo il profugo al test delle urine e intimidendo un medico, i mediatori culturali e i volontari dell’Asgi, l’associazione per gli Studi giuridici sull’immigrazione. Ad allontanare gli agenti transalpini ci ha pensato il personale del Commissariato, avvisato dalla stessa Ong di quanto stava accadendo.

LEGGI ANCHE: Blitz di Fratelli d’Italia nella chiesa di Claviere occupata dai migranti

L’episodio rischia ora di diventare un caso diplomatico. Rainbow4Africa ricorda infatti di agire «secondo principi inviolabili di indipendenza, neutralità, imparzialità e umanità. L’azione degli agenti della Dogana Francese viola tali principi», insiste l’associazione, secondo cui «il comportamento adottato nei confronti dell’ospite nigeriano appare irrispettoso dei diritti umani».

«Riteniamo questi atti delle ignobili provocazioni – commenta Paolo Narcisi, medico e presidente di Rainbow4Africa – Abbiamo fiducia nell’operato delle istituzioni e della giustizia italiana, che sono state investite della responsabilità di attuare i passi necessari verso la Francia. Il nostro unico interesse rimane assicurare il rispetto dei diritti umani dei migranti». «Ritengo che quanto accaduto sia una gravissima violazione non solo di quel sistema dei diritti umani che dovrebbe contraddistinguere l’Europa, ma anche una violazione dei principi basilari della dignità umana, intollerabile nei confronti di persone venute per richiedere protezione – aggiunge l’avvocato Lorenzo Trucco, presidente di Asgi -. Si valuterà pertanto ogni possibile azione per contrastare simili comportamenti».
.
Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riserva
.
http:.lastampa.it/2018/03/31/cronaca/irruzione-dei-gendarmi-francesi-a-bardonecchia-protesta-e-rabbia-al-confine-9t3rawFWZYB3jnJxL3wg9O/pagina.html
.
REAZIONE:SIAMO IN TEMPI ELETTTORALI E C’E’ CHI A LIVELLO INTERNAZIONALE STA AGITANDO PER TIRARE LE AQUE PER IL SUO MOLINO.E’ IN QUESTO SENSO CHE DEVE VEDERSI QUESTI E ALTRI FATTI DENTRO E FUORI FRONTIERE.

LA VERITA E’QUESTA:AI TEMPI DI BOSSI E ANCHE DOPO ITALIA RIESPEDIVA I PROFUGHI IN FRANCIA “LEGALIZZATI”.
BOSSI,BERLUSCONI,FRATTINI ERANO ASSOCIATI A KADAFY E COSI RICATTAVANO EUROPA MINACCIANDO FARE IMPLODERE LO SPAZIO SHENGHEN PER ESTRARLI SOLDI E CONCEZZIONI POLITICHE.OGGI CON SALVINI CERCANDO UNIFICARE,ROTTAMARE,LA LEGA TUTTA E ESPANDERLA IN TUTTA ITALIIA OLTRE AD OCCUPARE LA POLTRONA DI PALAZZO CHIGGI,SI FANNO ESSAGERARE QUESTE INCIDENTI CHE POI NON SONO SCORETTE PER ATTIRARE LA ATTENZIONE SU UN NEMICO STRANIERO,DISTRARRERE DEI SUOI PROPI GUAI E COSI INFIAMARE SENTIMENTI NAZIONALISTI E ATTIRARE AQUE VERSO IL PROPIO MOLINO IN TEMPI DI NEGOZIAZIONI PER FORMARE GOVERNO.SI,DISTRARRERE LA ATTENZIONI DEI GUAI DEL PERDENTI,CIOE IL CENTRODESTRA,E’ LO SCOPO.LO HA GIA FATTO BERLUSCONI IN LIBIA PER DISTRARRERE LA SUA ATTENZIONE DEL GIUDIZIO PER IL RUBY TER QUANDO VOLEVA INVADERLA CON LA NOSTRA MARINA,UNA BUFFONATA,E LO FA SALVINI ORA(VEDI SOTTO I SUOI GUAI GIUDIZIARI)
LA VERITA E’ CHE I FRANCESI HANNO AGITO CORRETTAMENTE IN OSSERVANZA DEGLI ACCORDI E CHE LE ONG NON HANNO NULLA A CHE FARE IN QUESTA VICENDA E TANTO MENO A PROPORSI IN AUTORITA (RICORDATI EMERGENCY?).
LA VERITA E’CHE EUROPA HA MOLLATO E CONCESSO SU QUASI TUTTO E DI PIU DI QUANTO HA CHIESTO ITALIA MA NON E’MAI ABBASTANZA PERCHE QUESTE SONO MISSE IN ESCENE PER SCOPI POLITICI ELETTORALI.BASTA DI VITTIMISMO,SIAMO BUONI PER GRIDARE ALL’ISOLAMENTO MA INVECE DI ESSERE SOLIDARI CON EUROPA CHE CI STA AIUTANDO DIAMO IL COMMANDO DELLE NOSTRE MOTOVEDETTE A CHIUNCHE,A KADAFY,E PROTESTIAMO CON FANCIA E GERMANIA CON MOTIVI FALSI E PRETESTUOSI.SIAMO BUONI PER RIESPEDIRE I MIGRANTI IN FRANCIA E GERMANIA(CON AUSTRIA ABBIAMO ACCORDATO ORA CHE NON CE PIU ALFANO)E PERDERE LA NOSTRA SOVRANITA CON KADAFY E NON PERMETTERE MACRON ATTACARE IL TERRORISMO?VOGLIAMO METTERE LA LE PEN ALL’ELISEO?

PER UNA VOLTA,METTETEVI DALLA PARTE DELLA SOLUZIONE E NON DEL PROBLEMA.

-APPENDICE:L’Espresso

Sei in:HOME,INCHIESTE,ANTICIPAZIONE:

Inchiesta
Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
.
L’attuale leader della Lega e Bobo Maroni hanno utilizzato una parte dei 48 milioni di euro frutto della truffa orchestrata dal Senatur e dall’ex tesoriere. Lo dimostrano le carte del partito tra la fine del 2011 e il 2014 che abbiamo consultato

di Giovanni Tizian e Stefano Vergine    

Esclusivo: anche Matteo Salvini ha usato i soldi rubati da Bossi
Matteo Salvini

Cinque anni fa, quando tutto ebbe inizio, Umberto Bossi usò un’immagine biblica per spiegare il suo intento. «Ho fatto come Salomone: non ho voluto tagliare a metà il bambino», disse mentre si apprestava a lasciare le redini del partito a Roberto Maroni.

Erano i giorni in cui i giornali pubblicavano le prime notizie sullo scandalo dei rimborsi elettorali leghisti, quelli incassati gonfiando i bilanci e usati per pagare le spese personali del Capo e della sua famiglia, come la laurea in Albania del figlio Renzo o le multe del primogenito Riccardo.

Il senso della metafora bossiana era chiaro: piuttosto di dividere la Lega tra chi sta con me e chi contro di me, il Senatùr si diceva pronto a lasciare pacificamente il potere al suo storico rivale. Da allora in poi l’intento di chi è succeduto a Bossi, prima Maroni e oggi Salvini, è sempre stato quello di differenziarsi, di creare compartimenti stagni tra il partito dell’Umberto e quello di oggi, tanto che all’ultimo raduno di Pontida al fondatore non è stato nemmeno concesso il tradizionale discorso dal palco.

Gli immigrati al posto dei meridionali, il nazionalismo in sostituzione del secessionismo. Pure un nuovo marchio, Noi con Salvini, dotato di satelliti sparsi dal Centro al Sud e rappresentato da personaggi della destra, come in Calabria, o vecchi democristiani votati all’autonomia, come in Sicilia. Nuovi volti (per modo di dire) e nuovi ideali sostenuti con forza proporzionale all’incedere delle inchieste giudiziarie sui fondi elettorali.

Se è vero che negli ultimi anni molto è in effetti cambiato all’interno del Carroccio, c’è qualcosa che è rimasto segretamente invariato. Roberto Maroni preferisce non dirlo, Matteo Salvini lo nega categoricamente. Insomma, gli eredi del Senatùr sostengono di non aver visto un euro di quegli oltre 48 milioni rubati da Bossi e Belsito. «Sono soldi che non ho mai visto», ha scandito di recente l’attuale segretario federale commentando la decisione del Tribunale di Genova di sequestrare i conti correnti del partito dopo la condanna per truffa di Bossi.

I documenti ottenuti da L’Espresso dimostrano però che esiste un filo diretto tra la truffa firmata dal fondatore e i suoi successori. Tra la fine del 2011 e il 2014, infatti, prima Maroni e poi Salvini hanno incassato e usato i rimborsi elettorali frutto del reato commesso dal loro predecessore. E lo hanno fatto quando ormai era chiaro a tutti che quei denari rischiavano di essere sequestrati.

Per scoprire i retroscena di questo intrigo padano bisogna tornare al 5 aprile del 2012. E tenere a mente le date. Quel giorno, a poche ore dalla perquisizione della Guardia di Finanza nella sede di via Bellerio, a Milano, Bossi si dimette da segretario del partito. È la prima scossa del terremoto che sconvolgerà gli equilibri interni alla Lega.

Umberto Bossi
Umberto Bossi

A metà maggio diversi giornali scrivono che a essere indagato non è solo il tesoriere Francesco Belsito, ma anche il Senatùr. Il reato ipotizzato è quello di truffa ai danni dello Stato in relazione ai rimborsi elettorali. Il primo di luglio Maroni viene eletto nuovo segretario del partito. E quattro mesi dopo, il 31 ottobre, passa per la prima volta alla cassa. Come certifica un documento inviato dalla ragioneria del Senato alla Procura di Genova, quel giorno l’attuale governatore della Lombardia riceve 1,8 milioni di euro. È il rimborso che spetta alla Lega per le elezioni politiche del 2008, quelle vinte da Berlusconi contro Veltroni. Il primo di una lunga serie. Da qui in poi a Maroni verranno intestati parecchi bonifici provenienti dal Parlamento.

A fine 2013, cioè al termine del mandato di segretario, Bobo avrà così ricevuto 12,9 milioni di euro. Tutti rimborsi relativi a elezioni comprese tra il 2008 e il 2010, quando a capo del partito c’era Bossi e a gestire la cassa era Belsito. Insomma, proprio i denari frutto della truffa ai danni dello Stato.

Che cosa cambia quando Salvini subentra a Maroni? Niente, se non le cifre. A metà dicembre del 2013 Matteo viene eletto segretario del partito. L’inchiesta sui rimborsi elettorali intanto va avanti, e a giugno del 2014 arrivano le richieste di rinvio a giudizio: i magistrati chiedono il processo per Bossi. Un mese e mezzo dopo, il 31 luglio, Salvini incassa 820mila euro di rimborsi per le elezioni regionali del 2010. Perché allora il segretario della Lega e aspirante candidato premier per il centro-destra continua a sostenere che lui quei soldi non li ha mai visti? E se li ha visti, come poteva non sapere che erano frutto di truffa?

Due mesi dopo aver incassato gli oltre 800 mila euro, Salvini e la Lega si costituiscono infatti parte civile contro i compagni di partito. Si sentono vittime di un imbroglio, di una truffa che ha sfregiato il vessillo padano. E vogliono essere risarciti. La nuova dirigenza è dunque consapevole della provenienza illecita del denaro accumulato sotto la gestione di Bossi. Ma il 27 ottobre, solo venti giorni dopo l’annuncio di costituirsi parte civile, Salvini fa qualcosa che appare in netta contraddizione con quella scelta: ritira altri soldi. Questa volta la somma è piccola, poco meno di 500 euro: l’ultima tranche di rimborso per le elezioni regionali del 2010.

La sostanza però non cambia. Sono denari ottenuti con la rendicontazione gonfiata firmata da Belsito. Fatto di cui a quel punto è dichiaratamente convinto anche Salvini. Il quale, due giorni dopo l’ultimo prelievo, riceve persino una lettera dallo storico avvocato di Bossi, Matteo Brigandì. «Ti diffido dallo spendere quanto da te dichiarato corpo del reato», si legge nella missiva con la quale la vecchia guardia lancia un messaggio chiaro al nuovo gruppo dirigente: voi ci accusate di aver rubato quattrini, allora sappiate che i soldi che avete in cassa sono il profitto della truffa, e usarli vuol dire diventare complici del reato.

Roberto Maroni
Roberto Maroni

Il denaro, più che l’ideologia, è dunque il collante tra l’epoca di Bossi, l’interregno di Maroni e il presente firmato Salvini. Le tre età del partito della Padania intrecciate attorno a una vicenda che tutti vogliono dimenticare in fretta. Talmente in fretta da ritirare persino la costituzione di parte civile davanti al giudice.

Già, perché solo un mese dopo essersi dichiarato vittima della truffa targata Bossi-Belsito, Salvini fa marcia indietro. Come a dire: chiudiamola qua, scordiamoci il passato e andiamo avanti. Una scelta travagliata, non da tutti condivisa. All’interno della Lega, infatti, nei primi mesi del 2014, c’era chi voleva mostrare pubblicamente la rottura col passato. Altri, invece, parteggiavano per la politica della rimozione. In questo contesto matura l’accordo di conciliazione”con l’avvocato di Bossi, nel quale la Lega rinuncia a costituirsi parte civile. A un patto però: il legale di fiducia del Senatùr avrebbe dovuto accantonare ogni pretesa di denaro che il partito gli doveva, circa 6 milioni di euro. Infine, a Bossi sarebbe andato un lauto vitalizio.

Tutto risolto, dunque? Macché. Salvini e Maroni vengono meno al patto. E danno mandato all’avvocato Domenico Aiello, legale del governatore lombardo, di procedere con la costituzione di parte civile. Uno smacco al vecchio amico Bossi, a cui poco dopo segue un altro colpo di scena. A novembre durante l’udienza preliminare contro B&B, Aiello ritira l’atto di costituzione. In pratica la Lega non chiede più i danni per la truffa. Un’idea di Salvini, motivazione ufficiale: «Non abbiamo né tempo né soldi per cercare di recuperare soldi che certa gente non ha», spiegò l’europarlamentare appena eletto segretario del Carroccio. Una mossa che sorprese persino il governatore della Lombardia, Maroni, che con Aiello aveva fatto il possibile per chiedere i danni agli imputati leghisti.

La sensazione di chi il partito lo frequenta da venti e passa anni è che sia stata una ritirata strategica, per rappacificare le opposte fazioni ed evitare rivelazioni scomode. Soprattutto in merito ai soldi lasciati in cassa da Bossi, quelli finiti al centro delle inchieste di tre procure.

Francesco Belsito
Francesco Belsito

I bilanci della Lega raccontano, infatti, meglio di qualsiasi dichiarazione politica che cosa è successo in questi anni ai soldi dei Lumbard, o meglio di tutti i contribuenti italiani. Il primo dato evidente è che le cose andavano molto meglio, almeno dal punto di vista finanziario, quando sulla plancia di comando c’era Bossi. Con lui al vertice i bilanci degli ultimi anni si sono infatti chiusi sempre in positivo. Le cose cambiano nel 2012, quando arriva Maroni: per la prima volta la Lega chiude i conti in rosso, con una perdita di 10,7 milioni di euro. L’anno seguente, il primo interamente firmato da Bobo, le cose vanno persino peggio: il bilancio evidenzia una perdita di 14,4 milioni. Colpa della diminuzione dei rimborsi elettorali e del calo delle donazioni private, si legge nei resoconti padani. Ma non è solo questo.

Nonostante i dipendenti diminuiscano, i costi sostenuti dalla Lega aumentano. In particolare alcune voci, come quella denominata “spese legali”, per cui il partito arriva a sborsare oltre 4,3 milioni di euro tra il 2012 e il 2014. Un bella somma, oltretutto senza neppure essersi costituita parte civile nel processo contro Bossi e Belsito.

Com’è possibile allora aver speso tutti quei soldi in avvocati? I bilanci non lo spiegano, ma un documento ottenuto da L’Espresso aiuta a capire meglio come sono andate le cose. È un contratto datato 18 aprile 2012. Bossi si è dimesso da due settimane e il Carroccio è retto dal triumvirato Maroni-Dal Lago-Calderoli. Sono loro ad affidare la consulenza legale allo studio Ab di Domenico Aiello, già avvocato personale di Maroni e in ottimi rapporti con il magistrato milanese che sta seguendo l’inchiesta, Alfredo Robledo. Nel contratto si specifica che la consulenza riguarderà proprio i procedimenti penali che coinvolgono Bossi e i rimborsi truccati. Si tratta delle indagini in corso a Milano, Napoli, Genova e Reggio Calabria, ciascuna segnalata con il relativo numero di fascicolo.

Un lavoro ben pagato: per Aiello la tariffa sarà di 450 euro all’ora, costo che sale a oltre 650 euro se si aggiungono – come da prassi – spese generali, contributi previdenziali e imposte. Insomma non male per l’avvocato calabrese che, qualche anno dopo, Maroni piazzerà nel consiglio d’amministrazione di Expo, mentre la moglie, Anna Tavano, finirà per un periodo in Infrastrutture Lombarde, società controllata direttamente dalla Regione.

Va detto che Aiello, così come la moglie, ha un curriculum di tutto rispetto. Tra i suoi clienti più celebri, oltre a Bobo Maroni spicca l’ex presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua. Poi ci sono gli incarichi negli organismi di vigilanza: Consip, Siemens, Conbipel, Veolia e la Sparkasse di Bolzano. In quest’ultima banca il presidente del Consiglio di amministrazione si chiama Gerhard Brandstätter. Brillante avvocato del Sudtirolo, che con Aiello, nel 2011, ha fondato lo studio associato AB, lo stesso scelto dalla Lega.

Con Maroni traghettatore, le camice verdi apriranno anche un conto “easy business” e un conto deposito presso la banca altoatesina, depositando in totale qualche milioncino. È il periodo in cui si tentava di mettere al sicuro il patrimonio del partito, dalle cordate bossiane e forse anche dai giudici. Matura così l’idea, poi tramontata, di creare un trust in Sparkasse per blindare quasi 20 milioni.

I bilanci non confermano solo questo. Spiegano anche perché oggi i conti del partito sono a secco. E quale la strategia scelta per evitare il sequestro effettivo dei soldi. Nel 2015, quando è Salvini a comandare, la ricchezza della Lega cala, infatti, vistosamente. Il patrimonio netto passa da 13,1 milioni dell’anno precedente a 6,7 milioni. Il motivo è spiegato chiaramente nella relazione sulla gestione finanziaria: i soldi del partito sono stati trasferiti alle sezioni locali, 13 in tutto, dotate nel frattempo di codici fiscali autonomi.

È così ad esempio che due giorni prima di Natale la sezione Lombardia, fino ad allora sprovvista di risorse finanziarie, diventa titolare di un patrimonio da 2,9 milioni di euro. Custoditi per lo più su conti correnti bancari e postali. Una partita di giro, insomma. Il risultato? Al termine del 2016 la Lega aveva una disponibilità liquida di soli 165mila euro, mentre le sue 13 sezioni locali messe insieme registravano somme per 4,3 milioni. La nuova architettura finanziaria non ha però impedito ai magistrati di sequestrare le ricchezze del Carroccio. Come ha dichiarato lo stesso Salvini, al momento non è stato bloccato il conto corrente della Lega nazionale, ma quelli delle sezioni locali. «Un punto su cui daremo battaglia in sede legale», assicura una fonte del Carroccio che non vuole essere nominata.

C’è però ancora una questione da risolvere. Il tribunale di Genova, nei giorni scorsi, ha deciso di bloccare il sequestro. I giudici hanno annunciato di aver congelato poco meno di 2 milioni. Eppure, come detto, alla fine dell’anno scorso sui conti della Lega c’erano 4,3 milioni. Mancano dunque all’appello oltre 2 milioni. Possibile che la Lega li abbia spesi in questo 2017. O anche che siano stati trasferiti su altri conti. Un’ipotesi, questa, impossibile da verificare. Perché “Noi con Salvini”, il movimento creato tre anni fa dal nuovo leader del Carroccio per conquistare il Centro-Sud, non ha mai pubblicato un bilancio.

Dubbi e interrogativi sollevati dai nemici interni del leader in felpa. Salvini potrà dire che a lui certe questioni “politichesi” non interessano e che preferisce parlare di immigrazione, euro, lavoro. Ma all’interno del suo partito i bossiani non dimenticano. E i mal di pancia iniziano a diventare veri e propri tumulti silenziosi. Pare che siano persino pronti a muoversi autonomamente per le prossime elezioni politiche. Una forza che ruberebbe al Capitano il 2-3 per cento.

Del resto non è facile disfarsi del Senatur, fu il primo a dare avvio a una tipica usanza leghista: scaricare i compagni di partito che osavano mettere in dubbio la sua autorità. Bossi fece così con l’ideologo della secessione Gianfranco Miglio. Con la stessa moneta lo hanno ripagato Maroni e Salvini. E ora sotto a chi tocca.

© Riproduzione riservata
.